Per anni violenta e tratta come schiave moglie, figlia e nipote: arrestato 60enne

In provincia di Torino un uomo è stato arrestato con l'accusa di aver costretto in condizione di semi-schiavitù e violentato per anni le tre donne della sua famiglia

Una vita di vessazioni e violenze sessuali passata come schiave, soprattutto per la bambina, nata, forse, da uno stupro. È la storia di tre donne in provincia di Torino che dopo anni hanno trovato il coraggio di denunciare il loro aguzzino.

I carabinieri di Nichelino, centro alle porte del capoluogo piemontese, coordinati dal pm Enzo Bucarelli, hanno arrestato un sessantenne accusato di avere, per diverso tempo, violentato e tenuto in uno stato di semi-schiavitù la moglie, la figliastra e la nipotina. Secondo le loro testimonianze, come riporta TorinoToday, l'oppressore spesso le segregava in casa e vietava alla più piccola di leggere libri.

In particolare la figliastra avrebbe subito violenze sessuali da parte dell'uomo sin dall'infanzia e gli inquirenti starebbero effettuando degli esami del DNA per verificare che la nipotina non sia effettivamente figlia del sessantenne, nata da uno degli episodi di stupro.

Le tre donne hanno raccontato di non aver mai avuto il coraggio in tutto questo tempo di ribellarsi per paura delle ritorsioni del sessantenne contro una di loro. Soltanto dopo aver subito l'ennesima aggressione per essere rincasate troppo tardi, la figliastra e la nipote hanno deciso di raccontare tutto alle forze dell'ordine.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

killkoms

Mar, 03/09/2019 - 21:52

roba da horror!

Popi46

Mer, 04/09/2019 - 06:13

Ma quale roba da horror, roba da sceme.... se erano rincasate troppo tardi,significa ad occhio e croce che potevano uscire, e allora perché aspettare tanto tempo prima di denunciare?