Arrestato il fratellastro di Cassano: agenti pestati e minacciati

Arrestato a Bari il fratellastro di Antonio Cassano, Giovanni (41 anni). Aveva minacciato con la pistola e aggredito agenti che volevano fermarlo

Brutta vicenda per la famiglia Cassano a Bari: il fratello dell'ex calciatore ex Roma e Real Madrid, Giovanni Cassano (41 anni), è stato fermato su indicazione della Direzione distrettuale antimafia con l'accusa di porto e detenzione di arma da fuoco, violenza, minacci, lesioni a pubblico ufficiale e ricettazione.

Cassano arrestato per violenza

Il tutto si è svolto nella sera del 4 novembre, quando alcuni agenti della polizia avevano scoperto l'uomo nascondersi, insieme ad un altro uomo, dietro a un cassonetto per non essere visti da una pattuglia in moto. I due avevano cercato di sfuggire al fermo. Cassano, nalla speranza di bloccare l'azione degli agenti, aveva anche puntato una pistola contro uno dei poliziotti. Nella fuga era riuscito a disfarsi dell'arma, ma quando è stato bloccato dagli agenti gli sono state trovate addosso una parrucca da donna e un giubbotto antiproiettile. A quel punto il fratello del calciatore aveva fatto scattare la violenza fisica nei confronti dell'agente, colpendolo con pugni e calci. Con l'auto dei passanti e di un'auto che lo ha caricato, il fratello del calciatore era riuscito a fuggire.

Oggi però, dopo il riconoscimento e l'identificazione, è stato arrestato. La polizia cerca ancora il suo complice.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

bistecca

Mar, 22/11/2016 - 22:24

Perché tirare in ballo anche Antonio se un altro Cassano delinque? Lui cosa c'entra? È un modo per attirare lettori dell'articolo? Signora Nenzi,se lei è convinta che non si possa fare di meglio, lasci perdere il giornalismo e faccia qualcosa d'altro.

Marcolux

Mer, 23/11/2016 - 03:18

Senza il calcio che l'ha reso ricco, ci sarebbe finito anche lui...e forse ci sarebbe invecchiato.

Martinico

Mer, 23/11/2016 - 08:32

Bistecca hai ragione ma solo in parte. E' innegabile che accostare il delinquente Cassano al fratello calciatore Cassano, aumenta i clic e i lettori ma è altrettanto innegabile che è cosi che si fa giornalismo. In qualsiasi parte del mondo la persona famosa viene accostata al parente che delinque. Immagina se il fratello o la sorella di Trump, venisse colta al supermercato a rubare le caramelle....Apriti celo.

cianciano

Mer, 23/11/2016 - 08:44

Probabilmente l'educazione avuta in famiglia è questa....