Migranti, i vescovi contro Salvini: "Arrivati alla xenofobia"

Immigrazione, il cardinale Bassetti preoccupato per il clima italiano: migranti come "distrazione di massa". No al censimento per i rom proposto da Salvini

Gualtiero Bassetti
Gualtiero Bassetti

Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana, è tornato a parlare d'immigrazione. Lo ha fatto attraverso un'intervista rilasciata a Vatican Insider. Dal caso della nave Aquarius in poi, la Chiesa ha deciso di "alzare il tiro" sull'accoglienza, richiamando le istituzioni politiche alle loro responsabilità umanitarie. La "posizione ufficiale" è quella espressa dal cardinal Ravasi. Il porporato italiano, mentre andava in scena la discussione sulla chiusura dei porti italiani, ha citato il Vangelo su Twitter: "Ero straniero e non mi avere accolto".

Lo stesso Papa Francesco, tramite un'intervista all'agenzia Reuters, ha detto che i populisti alimentano psicosi. Bassetti non si è discostato dalle posizioni di papa Bergoglio e del porporato italiano. Rispetto alla vicenda di Aquarius, il presidente della Cei ha sottolineato, tra le altre cose, che: "La vita va difesa sempre e l’aiuto in mare non si può negare a nessuno. Si tratta - ha aggiunto - di una legge del mare, oserei dire laica, e di una scelta di civiltà: non esistono vite indegne di essere salvate. La seconda preoccupazione si riferisce invece al clima di opinione sui migranti. A volte si ha la sensazione che i migranti siano un tema di “distrazione di massa” rispetto ad altri problemi dell’Italia, dell’Europa e del mondo occidentale. Siamo così passati da un’indifferenza generale a un’ostilità diffusa, fino alla xenofobia". Bassetti ha detto di augurarsi un "un governo che pensi veramente al bene comune partendo dalle famiglie, dai giovani e dai poveri. In particolare - ha specificato - spero con tutto il cuore che il governo sappia unire e pacificare, cercando di dare una risposta concreta a quel clima di rancore sociale che serpeggia nel Paese".

Sembra, quindi, esistere più di qualche timore per le politiche restrittive in materia d'immigrazione inaugurate dal ministro Matteo Salvini. Bassetti si è soffermato anche sulla proposta di censire la comunità rom: "A mio avviso non c’è bisogno di un censimento quanto piuttosto dell’applicazione delle leggi esistenti. Come Chiesa - ha scandito sempre a Vatican Insider - non possiamo non ricordare le parole rivolte ai rom da Paolo VI: “Voi nella Chiesa non siete ai margini, ma, sotto certi aspetti, voi siete al centro, voi siete nel cuore”. È una centralità che chiede a ciascuno di fare la propria parte per assicurare a tutti degne condizioni di vita. Più in generale, teniamo bene a mente cosa è successo in passato e facendo molta attenzione non solo a quello che può accadere oggi ma anche a quello che potrebbe succedere in futuro". L'immigrazione continua a far discutere. L'esecutivo italiano e la Chiesa cattolica sembrano su posizioni differenti, per non dire "opposte".

Commenti