Belluno, caramelle piene di spilli a scuola: il mitomane torna a colpire

Dopo aver incendiato legnaie, imbrattato chiese e cimiteri, "Erostrato" ora cerca di colpire i bambini. L'individuo vuole una statua in suo onore

Belluno, caramelle piene di spilli a scuola: il mitomane torna a colpire

"Ora mi concentrerò sui bambini: voi dovete aver paura per i vostri figli". Erostrato, così si firma nei messaggi l'ignoto che dallo scorso agosto minaccia la cittadina di Cesiomaggiore, in provincia di Belluno, è tornato a colpire. Dopo aver incendiato una legnaia e imbrattato due chiese locali e il muro di un cimitero, l'individuo ha fatto trovare, nel giardino della scuola dell'infanzia di Cergnai, un sacchetto con delle caramelle gommose riempite con degli spilli e una lettera minatoria.

Le richieste

"Se non mi farete una statua - si legge - riempirò parchi e strade di caramelle con chiodi, spilli e giocattoli barbie e altro con delle lamette all’interno". Una statua in suo onore, una richiesta già fatta nelle sue varie missive. Ricche di citazioni letterarie, formule chimiche, richieste e rivendicazioni, le lettere sono state inviate nel corso dei mesi al sindaco di Cesiomaggiore, Carlo Zanella, alla redazione di un giornale e alle scuole elementari della zona. Tutte contenevano polvere bianca, poi risultata borotalco.

Le caramelle, trovate da una maestra della scuola, sono state poste sotto sequestro e sono a disposizione degli inquirenti per accertamenti e verifiche che potrebbero svelare qualcosa di più su Erostrato.

La procura

Lo scorso anno la procura di Belluno ha aperto un fascicolo a suo carico. Ora la posizione di Erostrato si aggrava: si ipotizza anche il reato di estorsione, oltre a minacce gravi e procurato allarme.

"È l’ennesimo gesto dimostrativo - ha dichiarato il procuratore capo Paolo Luca -. Gli spilli erano molto visibili e i bambini avrebbero potuto farsi male, ma non credo andrà oltre. Le famiglie devono comunque stare attente. È un personaggio che cerca attenzione e che ama mettere in mostra la sua cultura con citazioni colte".

Quest'ultimo atto sembra, come riporta Il Gazzettino, una sfida agli inquirenti ai quali Erostrato avrebbe consigliato di leggere il Miles gloriosus di Plauto. "Cerca la sfida con l’autorità - ha aggiunto Luca -. Aspettiamo che commetta il minimo errore".

Commenti