C Star e Libia cacciano la Ong: "Non dovete tornare mai più"

Il video inedito registrato dalla C Star e diffuso da Defend Europe: "Voi Ong state aiutando gli scafisti. Andate via e non tornate"

C Star e Libia cacciano la Ong: "Non dovete tornare mai più"

"Go ahead and never come back. I repeat: never come back". Tradotto: andatevene e non tornate mai più. A parlare è un comandante della Marina libica, dall'altra parte della canale 16 della radio c'è il comandante della Golfo Azzurro, la nave della Ong spagnola "Proactiva Open Arms". Il video è stato diffuso dai militanti di Defend Europe, la missione di Generazione Identitaria contro il traffico di esseri umani. Un dialogo che esemplifica, se ve n'era il bisogno, il cambio di registro che si è verificato nel Mediterraneo: "Non ve lo ripeteremo più". Le Ong non sono benvenute al largo della Libia.

Dopo il codice di condotta voluto dal ministro Marco Minniti, l'inchiesta della procura di Trapani sulla Ong Jugend Rettet, dopo il sequestro della nave Iuventa e le polemiche che ne sono scaturite, di salvataggi in mare ad opera di organizzazioni umanitarie se ne registrano pochi. E sulle dita di una mano si contano pure le imbarcazioni caritatevoli che continuano a prendere il largo, viste le decisioni delle varie Msf, Save the children e Sea Eye di gettare l'ancora per qualche tempo. Una parte del merito vuole prendersela pure Generazione Identitaria, che dicono di aver "attirato l'attenzione mediatica" sui salvataggi facendo salpare la sua C Star.

La missione di Defend Europe si è chiusa cinque giorni fa. Ma ieri è stato diffuso un video (guarda qui) inedito sull'operazione del 15 agosto, quando gli identitari hanno rivendicato di aver "cacciato" una Ong dal mare. Il filmato registra la conversazione radio tra la C star, la marina libica e la nave della Open Arms. Ecco la ricostruzione. La C Star stava seguendo la Golfo Azzurro quando è entrata in contatto con la Guardia Costiera libica. Dopo le prime incomprensioni, il comandante della "nave nera" spiega ai militari il motivo della loro presenza e si dice disposto a "condividere tutte le informazioni raccolte". La risposta della Guardia Costiera è cordiale, pur chiedendo di abbandonare l'area Sar sotto controllo della Libia. "Grazie per il vostro aiuto - dice alla radio il militare - Ho capito che stiamo affrontando lo stesso problema e la stessa sfida. Continuate così e grazie mille".

Ben diverso il trattamento riservato dai militari agli operatori delle Ong Open Arms. "State causando un grosso problema - si sente gridare in radio - state aiutando gli scafisti. State operando come trasportatori. Fate un servizio per i trafficanti!". "Ok, messaggio ricevuto - risponde la Golfo Azzurro - stiamo andando verso Nord. Ma siamo qui per salvare delle vite". Il comandante libico ride e ribatte: "State mettendo a rischio numerose vite perché gli scafisti sanno che siete qui e vi manderanno sempre più migranti".

In realtà questo è solo l'ultimo stralcio della discussione intercorsa tra Guardia Costiera e Ong. In un primo momento, secondo la ricostruzione di Gi, "l'Ong si era rifiutata di lasciare la zona, affermando di agire in accordo con la Missione Europea Sophia". Difficile, se non impossibile. Per questo la Marina di Tripoli aveva intimato alla nave umanitaria di seguirli in acque nazionali per ulteriori indagini (da qui la denuncia di "sequestro" da parte dell'Ong). Alla fine la Golfo Azzurro è stata scortata fuori dall'area Sar. Ma con un monito: "Never come back".

Intanto, la C Star è ancora ferma al largo di Malta, dopo che il governo locale ha vietato l'accesso in porto e negato l'invio di acqua alla nave. Solo l'azione di alcuni attivisti locali ha permesso di "rompere l'embargo" e consegnare beni di prima necessità. "Ci sono state proteste internazionali - scrive Gi in una nota - contro l'atto illegale ed inumano del governo maltese che non ha solo negato il rimpatrio, ma ha anche voluto tagliare i rifornimenti ad un equipaggio di 16 persone".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti