"Ho noleggiato un'auto, poi...". La fuga già finita di Capuozzo

La città meneghina vincerà questa guerra attenendosi alle regole, bloccando il contagio. E lo si può fare solo evitando di muoversi. Il racconto di Capuozzo

Quello che è successo ieri, l’assalto ai treni e alle autostrade, la fuga da Milano, aiutata dalla disastrosa comunicazione di un decreto, è comprensibile, ma ingiusto. Da questa guerra si esce solo bloccando il contagio. E lo si può fare solo evitando di muoversi. Toni Capuozzo continua il suo diario giornaliero da una Milano capitale del coronavirus. Scrive come ormai ogni giorno il suo post su Facebook.

Un consiglio di famiglia - una famiglia in cui lui è il fragile, perché immunodepresso e vecchio - gli ha affettuosamente suggerito di andarsene, perché, non è di grande aiuto e può diventare un peso. Lo hanno aiutato a prenotare un’auto per tornarmene nel suo Friuli, contando sul fatto che un tesserino di giornalista e una lunga storia di posti di blocco evitati lo avrebbe aiutato a farlo. "Sono andato all’autonoleggio, e l’impiegata mi ha raccontato dell’assalto della notte. Ho pensato a un incontro che non ho visto, domenica mattina, nel territorio neutro dell’Idroscalo, tra la mia nipotina e suo papà: credo che lei non lo vedesse da una settimana, o più: è medico in terapia intensiva".

Si sono guardati da lontano, senza sfiorarsi. "Mia figlia mi ha detto che forse è meglio se davanti alla bambina ci mettiamo tutti le mascherine, così si abitua, e non trova troppo strano quel padre, quando potrà rivederlo. Ho pensato di non essere io quello fragile, e ho deciso di restare. Ho noleggiato l’auto, per sentirmi libero di farlo in qualunque momento, e per girare come con uno scafandro la città che non avevo mai sentito così mia fino a quel momento".

Ha posteggiato sotto casa, Capuozzo. Sperando che i vigili abbiano altro cui pensare. C’è abituato: è una piccola Sarajevo senza gloria, questa, è solo un posto dove le ambulanze non arrivano più sotto casa in quindici minuti ma in più di un’ora: hanno troppo da fare. Capuozzo ha una piccola, balzana proposta da fare al sindaco Sala. Il prossimo 7 dicembre riunisca tutta la città a San Siro o in un posto più grande. “Siamo gente che non ha ascoltato i nostri vecchi, che non sa che cos’è una guerra, e forse per questo immaginava fuggito da una guerra chiunque cercasse solo un futuro migliore. Siamo gente che ha pensato di essere street fighter con un tatuaggio, o una rissa in discoteca. Siamo gente che non poteva non essere promossa e non poteva fare compiti troppo gravosi. Siamo gente che predica la solidarietà e accumula seconde case, che ama la globalizzazione e paga un filippino che gli pulisca casa. Diciamo prima gli italiani, ma intendiamo dire prima noi stessi. Scambiamo le appartenenze politiche per ideali, e le liti da reality per passioni: ci colleghiamo con la Casa, quanti milanesi se ne sono andati? Siamo gente che pensa che resistere sia far finta di niente, aperitivi o mostre”.

E dunque il sindaco Sala dovrebbe, il prossimo Sant’Ambrogio, dare un simbolico ambrogino. Di latta o di bronzo, a tutti quelli restati, per amore, per forza, per dovere, per pigrizia, perché non avevano dove andare, perché non hanno avuto il tempo di decidere. "È ovvio, prima i medici e gli infermieri, gente cui abbiamo lasciato il terribile compito di decidere chi salvare e chi non ce la facciamo. Poi gli altri, tutti quelli restati in una città senza rumore, come se avesse messo le pantofole dei vecchi, addio a scarpe da jogging e tacchi, suole da manager o anfibi da rapper. Tutti quelli che non sapevano dove andare, e sono andati a dormire. Tutti quelli che avranno superato un virus che in fondo era poco più di un’influenza. Tutte le mamme e i papà, e i single. Tutti gli anziani, e specie quelli soli, e specie quelli che sanno che troveranno il tutto occupato in sala di terapia, non si prenota come usava nei ristoranti ora vuoti e chiusi. Premiati con quella onorificenza che io ho ricevuto e non è bastata a farmi sentire milanese, allora".

Dovrebbero essere premiati non perché abbiano fatto qualcosa di speciale. Solo perché non hanno fatto associare, in giro per l’Italia, la parola "milanese" al sospetto, al fastidio, alla preoccupazione, al ganassa invadente. "Ieri mattina sull’Idroscalo splendeva un sole prepotente, incurante degli umori. Da Linate, lì a fianco, decollava un aereo all’ora, o meno. Il cielo era lucido, e la trasparenza rivelava l’arco delle montagne. È un paradosso struggente che nella Milano con l’aria migliorata si possa morire perché manca l’ossigeno".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Luca777

Lun, 09/03/2020 - 10:16

Bel pezzo, Capuozzo mi ha fatto venire gli occhi lucidi. È proprio così, diciamo prima gli italiani ma intendiamo prima noi stessi. Auguro a Capuozzo, a chi abita nelle zone rosse, ai dottori in prima linea e al resto dell'Italia di superare questo momento, al di là di qualsiasi colore politico.

Ritratto di illuso

illuso

Lun, 09/03/2020 - 10:54

Bellissimo articolo, mi sono commosso.

Ritratto di mailaico

mailaico

Lun, 09/03/2020 - 10:57

al tempo dei promessi sposi la peste se la son presa anche se cercavano di scappare. E tu capuozzo, anche se fai il galletto del regime e canti le tue minkiate, noi non ci crediamo.

Rossana Rossi

Lun, 09/03/2020 - 11:04

bravo Capuozzo, come sempre.....il guaio è che non tutti si rendono conto che la sola arma che c'è sia evitare il contagio e si ammassano in bar e negozi come se nulla fosse e a questo non so quale rimedio ci sia........

pippobardo

Lun, 09/03/2020 - 11:07

Comincio ad invecchiare, ma sinceramente non ho capito molto di quello che ci sta scritto, specialmente nella prima parte. Ma in che italiano e'scritto? Si tratta di un racconto fatto da capuozzo o il racconto riportato da un giornalista che ha parlato con capuozzo... che ha parlato con la signora dell'autonoleggio... che racconta della nipote... Bho mi sono perso

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 09/03/2020 - 11:55

@mailaico - men che meno crediamo noi ad un pagliaccio come te.

fifaus

Lun, 09/03/2020 - 12:04

mailaico: Toni Capuozzo è uno dei pochi giornalisti che sa osservare la realtà e descriverla senza partigianeria

mzee3

Lun, 09/03/2020 - 12:38

Capuozzo si sbrodola addosso una mare di parole… Capuozzo è uno dei tanti vecchi che non sanno cosa fare e vanno a vedere i cantieri. Non avendo nulla da fare scrive… scrive cosette che possono andare bene a tutti perché furbescamente mette dentro tutto e il contrario di tutto.. Ce ne facciamo una ragione...

bernardo47

Lun, 09/03/2020 - 13:14

questo capuozzo sta stufando.

ziobeppe1951

Lun, 09/03/2020 - 13:19

mzee3.12.38....anche i tuoi kompagni no-global, vanno a vedere i cantieri...ma per altri motivi

Lorenzo Cafaro

Lun, 09/03/2020 - 13:34

Grande Tony.

Jon

Lun, 09/03/2020 - 14:30

Anch'io ho posteggiato a MIlano, dopo 20 minuti di ricerca, ma sulle strisce gialle. pagando 16€ per 8 ore..Ma dopo 2 ore avevo gia' una multa di 29,40€, perche' riservato ai residenti..Pezzenti maledetti!

Dordolio

Lun, 09/03/2020 - 15:06

Successo anche a me stamani, caro Jon. Identica cifra. Ma io sono disabile col relativo pass e nei parcheggi a strisce gialle potrei legalmente sostare. Mi era sfuggito il cartello che riservava il posto ad un altro disabile (di tutt'altro comune poi). Solo allora ho notato che in pratica - per i disabili non registrati - c'era (forse) solo un altro spazio. Altrove, nei pressi di un ufficio amministrativo di P.S., vi sono numerosi posti riservatissimi al personale di Polizia curiosamente sempre liberi. Non capisco ma mi adeguo. E soprattutto... imparo....

Ritratto di Mario96

Mario96

Lun, 09/03/2020 - 17:22

Un giornalista che sa fare il proprio mestiere.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 09/03/2020 - 17:55

@bernardo47 - tu stai stufando molto di più

Fattimiei

Lun, 09/03/2020 - 18:45

Grande Capuozzo , ti leggo sempre volentieri