Il cardinale Ruini: "Chiesa dialoghi con Salvini. No a preti sposati"

Il cardinale Camillo Ruini ha dichiarato che "la Chiesa deve dialogare con Salvini". E che i preti sposati sarebbero un errore

Il cardinale Ruini: "Chiesa dialoghi con Salvini. No a preti sposati"

Autorevolezza della Chiesa in declino, la necessità di dialogare con Matteo Salvini e l'errore di proporre i sacerdoti sposati.

Questi e altri temi sono stati affrontati dal cardinale Camillo Ruini nel corso di una lunga intervista rilasciata al Corriere della Sera. Si parte subito con la perdita del richiamo cattolico-democratico in politica, certificata anche dalle ultime elezioni regionali in Umbria. Ruini non può far altro che confermare la realtà dei fatti: “Il “Cattolicesimo democratico, cioè il cattolicesimo politico di sinistra, in Italia ha sempre meno rilevanza”. Il “Cattolicesimo democratico, cioè il cattolicesimo politico di sinistra, in Italia ha sempre meno rilevanza

Si passa poi al ruolo dei cattolici nell'arena politica odierna. Non contano più come una volta “anche se – spiega il cardinale – spero non si tratti di una situazione irreversibile”. Eppure, continua Ruini, i tempi non sono ancora maturi per fondare un partito capace di far sentire la voce dei cattolici: “Mancano i presupposti. Non è questo il tempo adatto”.

Dialogare con Salvini e no a preti sposati

Quando gli viene chiesto di dare un giudizio su Matteo Salvini, Ruini sottolinea come sia sbagliata l'immagine che viene proposta in certi ambienti dal leader della Lega: “Ritengo abbia notevoli prospettive davanti a sé. Ha bisogno di maturare ma il dialogo con Salvini mi sembra doveroso”. In ogni caso, puntualizza Ruini sui migranti “vale per lui come per ciascuno di noi la parola del Vangelo sull'amore del prossimo, senza però sottovalutare i problemi che le migrazioni possono comportare”.

Insomma, nonostante le polemiche che una buona parte della Chiesa ha montato in questi ultimi mesi per attaccare Salvini, Ruini ha una posizione più pragmatica rispetto a molti dei suoi colleghi. Anche quando si parla del rosario, spesso utilizzato dall'ex ministro degli Interni durante i comizi: “Il gesto può sembrare strumentale e urtare la sensibilità. Ma non credo si tratti solo di strumentalizzazione. Può anche essere una reazione al politicamente corretto, un tentativo di affermare il ruolo della fede nello spazio pubblico”.

Niente da dire sul crac finanziario della Santa Sede (“Non ho informazioni in merito”) e tanta perplessità per la proposta fatta da Papa Francesco, sull'eventualità di far diventare preti anche i diaconi sposati: “A mio parere è una scelta sbagliata. Prego che il Papa non la confermi”. I motivi dietro la presa di posizione di Ruini sono due: “Il celibato dei sacerdoti e un segno di dedizione totale a Dio” e “il matrimonio oggi è in crisi”, quindi “i sacerdoti sposati sarebbero esposti agli effetti di tale crisi”.

Il ringraziamento di Salvini

Matteo Salvini ha ringraziato il cardinale Ruini per i concetti espressi dall'ex presidente della Cei nell'intervista rilasciata a Il Corriere della Sera. Questo il commento del leader leghista: "Ringrazio il Cardinal Ruini, che spero di poter incontrare, per le parole che invitano al confronto, all'apertura, alla riflessione e all'incontro, per lo sviluppo di valori, principi e idee che sono molto spesso comuni. L'Italia o è cristiana o non lo è. Un conto è accogliere chi scappa dalla guerra, un altro è far finta che in Italia ci sia spazio, casa e lavoro per tutti, cosa che non è e che porta allo scontro. Sul diritto alla vita, sulla tutela della famiglia, sulla libertà di scelta educativa e sulla difesa delle nostre radici le posizioni della Lega sono assolutamente salde".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento