Carmagnola, circensi tengono sinto tra i serpenti per farsi ridare i soldi rubati

Per vendicarsi di un furto da ventimila euro, i mebri del circo Medini avrebbero sequestrato un nomade portandolo fra i rettili per costringerlo a svelare dove fosse tenuto il maltolto

Carmagnola, circensi tengono sinto tra i serpenti per farsi ridare i soldi rubati

Chissà cosa avranno pensato i due sinti di Alba quando alla porta della propria roulotte hanno visto presentarsi i circensi che avevano appena derubato. Circensi con un'aria assai poco conciliante. Anzi, così arrabbiati da malmenare uno dei due ladri, sequestrare il secondo e lasciarlo per un'ora nella teca dei serpenti del circo.

La vicenda è andata in scena realmente a Carmagnola, in Piemonte. Dove domenica scorsa due sinti si sono intrufolati nell'accampamento del circo Medini, prelevando da uno dei camper per la bellezza di ventimila euro. I circensi, però, non si sono limitati a denunciare l'accaduto ai carabinieri: individuati i responsabili, si sono recati di notte al campo dei nomadi per mettere in atto la loro spaventosa vendetta.

Uno dei due presunti responsabili è stato infatti rapito, portato a Carmagnola e rinchiuso per un'ora nella teca dei rettili a scopo intimidatorio. Per fortuna nessuno degli animali sembrava essere velenoso. Ora, riporta La Stampa, i circensi dovranno rispondere di sequestro di persona e lesioni personali aggravate.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti