Caserta, indiano molesta sessualmente ragazzine: assolto in tribunale

La difesa dello straniero si è concertata in particolar modo sui racconti delle giovani vittime, risultati in alcuni punti contraddittori ed ingigantiti. Dopo sei mesi di reclusione, il 34enne Dana Rama riceve l'assoluzione

È stato assolto l'indiano di 34 anni accusato di avere inseguito e molestato sessualmente cinque ragazzine a Cancello ed Arnone, in provincia di Caserta. Ascoltate dagli inquirenti, le minorenni, tutte intorno ai 14 anni di età, avevano raccontato di essersi imbattute nello straniero che, dopo averle raggiunte, si era calato pantaloni e biancheria intima per mostrar loro i genitali e le aveva successivamente rincorse. In seguito alla delibera dei giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), il soggetto è tornato in libertà. Il fatto non sussiste.

Secondo quanto riferito dalla stampa locale che ha seguito la vicenda, l'episodio denunciato dalle adolescenti si era verificato lo scorso 14 aprile. Le ragazzine stavano transitando in via Luigi Settembrini, a poca distanza dall'Istituto comprensivo scolastico "Ugo Foscolo", quando avevano incrociato il 34enne. Questi le aveva subito avvicinate e, dopo essersi repentinamente abbassato i pantaloni e le mutande, aveva mostrato loro i genitali, cominciando anche a masturbarsi. In preda al panico, le minorenni erano scappate, ma l'uomo le aveva inseguite col chiaro intento di raggiungerle, e dicendo loro esplicitamente di volere un rapporto sessuale. Durante la disperata fuga, una delle giovani era stata addirittura afferrata dall'indiano, che aveva seguitato con i suoi comportamenti osceni, ma era riuscita a liberarsi in tempo.

Nonostante il terrore di quei momenti, tutte e cinque le 14enni erano state infine in grado di allontanarsi dal maniaco straniero e mettersi in salvo, fino all'arrivo dei rappresentanti delle forze dell'ordine locali, accorsi sul posto dopo essere stati informati dell'accaduto.

Erano stati i carabinieri di Casal di Principe a rintracciare ed a fermare in breve tempo lo straniero, tale Dana Rama, arrestato con l'accusa di tentata violenza sessuale.

Finito dietro le sbarre della casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, dopo sei mesi di reclusione arriva la sentenza. L'accusa aveva chiesto una pena a 4 anni da scontare in carcere, ma il 34enne è stato invece assolto perché il fatto non sussite.

Difeso dall'avvocato Ferdinando Letizia, che si è concentrato in particolar modo sulla contradditorietà dei racconti delle giovani, alcuni dei quali risultati ingigantiti, Dana Rama ha ricevuto l'assoluzione dalle accuse di corruzione di minore, atti sessuali compiuti su minore e tentata violenza sessuale nei confronti di F.G., C.R., M.G.P., A.B.M. e F.D.V.

La tesi difensiva presentata dal legale ha infine convinto i giudici, così il soggetto, incensurato e senza fissa dimora, è tornato nuovamente a piede libero.

Commenti

wainer

Lun, 16/12/2019 - 16:38

Giudici e Magistrati: incomprensibili e "impagabili" (nel senso che non debbono ricevere alcun compenso o stipendio)...

Brutio63

Lun, 16/12/2019 - 16:39

Vergogna senza fine di una gestione della giustizia Demenziale! Qui sono liberi di fare come gli pare e troveranno un bravo giudice progressista, impegnato e democratico che troverà come lasciarli liberi, interpretando a suo piacimento le leggi! E così si sparge la voce e ne arrivano altri e poi altri ancora grazie ai porti aperti e così le nostre città d’arte sono trasformate in suk e centrali di spaccio e prostituzione a cielo aperto! No alla invasione straniera dell’Italia No alla sostituzione etnica degli italiani

cgf

Lun, 16/12/2019 - 18:12

SARANNO anche contraddittori, ma se fossi il genitore di una di queste, sia lui che l'avvocato dovranno trasferirsi lontano, molto lontano da lì

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Lun, 16/12/2019 - 19:03

BISOGNA SOLO INCAPRETTARLO, CASTRARLO , E METTERGLI I PROPRI ORPELLI IN BOCCA!

killkoms

Lun, 16/12/2019 - 23:46

le loro usanze saranno le nostre!