Caso Vannini, ministro Trenta: "Ciontoli non tornerà in forze armate"

Il commento dopo la riduzione della pena al sottufficiale di Marina che ha sparato al ragazzo, forse a causa di un errore

"Finché sarò ministro della Difesa, il signor Ciontoli non sarà reintegrato nelle forze armate". Elisabetta Trenta è categorica nel commentare il caso di Marco Vannini, il 20enne ucciso nel 2015 dal sottufficiale di Marina Antonio Ciontoli in circostanze mai chiarite, forse a causa di un colpo partito per errore. Ciontoli è il padre dell'allora fidanzata di Vannini, e il ragazzo era morto proprio nell'abitazione di famiglia della ragazza.

Nei giorni scorsi la pena di Ciontoli è stata ridotta da 14 a cinque anni perché i giudici della corte d'appello hanno derubricato il reato da omicidio volontario a omicidio colposo.

"Non posso entrare nei meriti della sentenza giudiziaria", commenta il ministro Trenta, che poi afferma l'impegno a negare il reintegro a Ciontoli e comunica di aver già dato disposizioni "alle competenti articolazioni della Difesa".

Sempre nei giorni scorsi avevano fatto scalpore le parole del magistrato che leggeva la sentenza di riduzione della pena a Ciontoli: il giudice di Roma aveva minacciato i parenti di Vannini, infuriati per lo sconto di pena, di avviare una procedura per il reato di interruzione di pubblico servizio. "Volete fare un giro a Perugia?", aveva commentato ironico il magistrato, con riferimento al fatto che Perugia è il distretto dove vengono inviate le pratiche relative a eventuali reati contro i giudici della Corte d’Appello di Roma.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Happy1937

Ven, 01/02/2019 - 18:51

Omicidio colposo? mi sembra che i giudici farnetichino. Quando si tiene per ore senza soccorsi una persona che perde sangue vuol dire che si vuole scientemente ucciderla. Già 14 anni erano troppo pochi.

Yossi0

Ven, 01/02/2019 - 20:05

se la legge lo prevede, rientrerà ob torto collo del ministro, pardon ministra; queste esternazioni finalizzate ad acquisire voti o a farci credere che la ministra sia una donna di carattere sono anacronistiche e forse ridicole.

killkoms

Ven, 01/02/2019 - 20:57

i "migliori" degli italiani (per pubblico concorso)!

de barba rossano

Ven, 01/02/2019 - 21:24

Mi sembra una dichiarazione senza senso. se un militare commette un reato viene immediatamente sospeso cautelativamente dal servizio. qua c'e' una condanna in secondo grado.non rientrerebbe in servizio in ogni caso.

Bebele50

Ven, 01/02/2019 - 21:25

Incredibile. Non metto altro per non dover andare a Perugia.

seccatissimo

Ven, 01/02/2019 - 21:53

Uno spara "accidentalmente" ad un individuo che rimane gravemente ferito e muore per colpa della "inspiegabile, sconcertante" ma colpevole omissione di soccorso di chi gli ha sparato e l'omicida si becca come condanna solo 5 anni di detenzione in carcere ? Ma chi vogliono prendere in giro ! Ma che cacchio di condanna è questa ? Si tratta di una schifosa sentenza del put ! VERGOGNA !

timoty martin

Ven, 01/02/2019 - 22:01

E' un minimo, per una sentenza che non si capisce e difficile ad accettare.

ex d.c.

Ven, 01/02/2019 - 23:27

Giustizialisti. È il loro motto