Civitavecchia, uccide la madre a coltellate dopo lite: arrestato 30enne

Il delitto è avvenuto al culmine di una lite. L’uomo, che pare soffrisse di problemi psichiatrici, ha ucciso a coltellate la mamma, poi si è cambiato d’abiti e ha chiamato la polizia

Al culmine di una lite ha ucciso la mamma a coltellate e, poi, preso dal rimorso ha chiamato il 113. Gli agenti, giunti sul posto, hanno ritrovano l’assassino, V.M., seduto su un gradino al di fuori della propria abitazione. La tragedia è accaduta in una villetta bifamiliare alla periferia di Civitavecchia intorno alle 19:30 di ieri.

Dopo aver compito il delitto, l’uomo di 30 anni ha allertato le forze dell’ordine. “Ho ucciso una persona”, è stata la telefonata choc fatta dal giovane al centralino della polizia. Quando gli agenti sono entrati in casa, hanno rinvenuto il corpo senza vita della donna in un lago di sangue nella taverna al piano seminterrato.

Sul cadavere vi erano segni di numerosi colpi di arma da taglio. Poco distante, inoltre, vi era un coltello da cucina di grosse dimensioni con la lama rotta, segno inequivocabile della ferocia con la quale il ragazzo si era accanito sulla mamma.

Gli agenti, constatata la situazione, hanno contattato il 118. I sanitari, però, non ha potuto far altro che accertare il decesso della donna a causa dell profonde feirte provocate dalle coltellate. Il 30enne ha spiegato di aver ucciso la madre al culmine di una lite. Dalle prime ricostruzioni sembra che l'uomo abbia problemi psichiatrici e che possa aver agito in preda a un raptus.

Subito dopo il delitto, l'uomo si è disfatto degli abiti sporchi di sangue ed è andato a fumare in giardino come se nulla fosse, in attesa dell'arrivo della Polizia. L’assassino è stato arrestato. Il Pm, Dr. Delio Spagnolo, della Procura della Repubblica di Civitavecchia ha assunto le indagini ed ha disposto il sequestro dell'abitazione e del coltello e ha interrogato l'uomo il quale si trova, al momento, nel carcere G. Passerini di Civitavecchia, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kennedy99

Ven, 28/06/2019 - 14:18

questo morti sono tutti sulla coscienza di chi a voluto l'abolizione degli ospedali psichiatrici in italia. anche se questo signore è defunto da tantissimo ma di morti sulla coscienza ne a tantissimi. gli ospedali psichiatrici esistono ancora in tutti i paesi del mondo tranne che in italia purtroppo.