Il complice scappa in auto e lui rimane a terra: arrestato pusher

Si tratta del catanese Filippo Ierna, era sceso dalla macchina con la busta contenente marijuana, voleva contattare gli acquirenti, alla vista dei carabinieri ha cercato di risalire sul mezzo ma il complice era già fuggito da solo

Coppia di pusher si ferma nella zona dello spaccio, uno di loro scende dalla macchina per iniziare a lavorare ma, scoperto di carabinieri, lascia la droga a terra cercando di rimettersi in auto. Ecco l’effetto sorpresa, il complice per mettersi in salvo, accende i motori dell’auto, preme sull’acceleratore e lo lascia a terra. Lui viene fermato ed arrestato dai carabinieri in flagranza di reato. Si tratta di Filippo Ierna, 35 anni, di origini catanesi. Il fatto è avvenuto ieri mattino, proprio nel cuore della città di Catania.

I militari del nucleo radiomobile del comando provinciale del Capoluogo etneo, erano in servizio in virtù di una di quelle attività specifiche rivolte a contrastare gli illeciti legati al mondo dello spaccio di sostanze stupefacenti. Un tipo di attività costante su tutto il territorio della provincia che però, in prossimità del fine settimana, si intensifica in vista del maggior movimento di persone nei vari quartieri della città.

Nonostante fosse mattina, i due spacciatori erano già all’opera per piazzare la loro merce sulla piazza. I militari, transitando lungo la via Don Carlo Gnocchi, nel quartiere San Giovanni Galermo, hanno notato la presenza dei due pusher. Entrambi sono arrivati a bordo di una macchina e si sono fermati nella zona, nota per la compravendita di stupefacente. Le attenzioni dei militari si sono concentrate subito sul pusher seduto nel lato passeggero. L’uomo, risultato poi essere Filippo Ierna è sceso dall’abitacolo tenendo tra le mani una busta capiente. Non appena il 35enne si è guardato intorno, ha notato la presenza degli uomini in divisa buttando immediatamente per terra l’involucro, nel tentativo di sottrarsi dai controlli.

Troppo tardi: i carabinieri avevano notato tutto avvicinandosi verso di lui. Ed ecco che l’uomo, per fuggire, si è indirizzato verso la macchina per farvi rientro. Qui la sorpresa: il suo complice ha acceso i motori e si è dato alla fuga lasciandolo a piedi. Ierna ha cercato di scappare correndo tra le vie del quartiere, ma non è andato molto lontano. I militari sono riusciti a bloccarlo e ad ammanettarlo. La busta è stata recuperata, aperta ed analizzata. Al suo interno vi erano quasi 500 grammi di marijuana pronta ad essere venduta nella piazza catanese. L’uomo, dopo le formalità di rito è stato posto agli arresti domiciliari per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio. Per quanto concerne il complice, sono in corso delle indagini per risalire alla sua identità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maricap

Dom, 19/01/2020 - 21:22

Ricordate la sentenza per lo spacciatore africano? Quella che lo assolveva perché non aveva altra fonte di reddito. Già ma questo non viene dall'Africa, quindi non è una Sboldrina risorsa, quindi in galera... e così sia. Ahahah.