Il potere decisionale ai giudici: così la legittima difesa diventa un rebus

Da Antonio Monella a Graziano Stacchio, la legge sulla legittima difesa lascia discrezionalità ai giudici. E le sentenze si differenziano

La nuova legge sulla legittima difesa è ancora ferma in Senato. E lì resterà per molti altri mesi, forse per sempre. Le Camere verranno sciolte, arrivano il Capodanno, la campagna elettorale, le urne e tutta l’instabilità politica che ne seguirà. Difficile immaginare che i leader politici si carichino dell’onere di traghettare in porto una norma così divisiva per come approvata, a maggio, dalla Camera dei Deputati.

I giudici dunque continueranno ad applicare le regole già in vigore. E non è una buona notizia. Soprattutto per chi, suo malgrado, si trova a fronteggiare un ladro entrato in casa (o in negozio) con i peggiori intenti e lo fa uscire morto o gravemente ferito. A dimostrazione che l'autotutela (oggi) non è sempre legale, ci sono le sentenze emesse negli ultimi mesi. Spesso contraddittorie, a volte inspiegabili. Ma sempre frutto dell’eccessiva discrezionalità che la legge lascia ai magistrati di turno, veri padroni della legittima difesa.

Quando la difesa è legittima?

Ogni volta che un uomo spara nel bel mezzo di un furto i giudici devono valutare milioni di dettagli. Per far rientrare una reazione nei limiti della legittima difesa i punti cardine sono chiari: deve esserci "necessità di difendere un diritto proprio o altrui"; il pericolo deve essere "attuale"; e la risposta deve essere "proporzionata all'offesa". E qui casca l'asino. La proporzione, dice la norma, sussiste quando "non vi è desistenza o vi è pericolo di aggressione". Ma è difficilissimo definirle in situazioni di forte stress. "Se l'aggressore mi dà le spalle e io sparo perché siamo al buio ed ho paura - faceva notare l'avvocato Giulia Buongiorno - a quel punto io mio è omicidio volontario. Perché si ritiene che chi dà le spalle sta desistendo e quindi non sta aggredendo”. Peccato la legge non tenga conto di quanto sia concitato il momento in cui ci si trova uno sconosciuto in casa.

Sentenze contrastanti

Per questo Ermes Mattielli è stato condannato a 5 anni di reclusione, mentre Graziano Stacchio è stato assolto. Due pesi e due misure? No. Solo una legge poco chiara e mai a difesa del cittadino. Il benzinaio di Ponte di Nanto (Vicenza), infatti, il 3 febbraio 2015 uccise a fucilate un rapinatore che stava tentando un furto in una gioielleria e teneva sotto tiro una giovane ragazza. L’archiviazione disposta dal giudice nasce dal fatto che Stacchio rispose al fuoco dei rapinatori e che la sua condotta fu proporzionata all’offesa (non mirò a parti vitali dei banditi, ma all’auto e alle gambe). Diverso il discorso per Mattielli, che scaricò l’intera cartuccia contro due rom che gli avevano svaligiato più volte la ricicleria.

Non si può dimenticare, infine, che tra l'omicidio (volontario, preterintenzionale e colposo) e la difesa legittima, esiste pure "l'eccesso colposo di legittima difesa". Altra sfumatura cui certo non si può pensare mentre si ha il ladro sotto tiro: "Se sparo sarà legale o un eccesso?". Francesco Sicignano, per esempio, è stato assolto perché reagì “nell’unico modo possibile” trovandosi in casa il ladro albanese di 22 anni, Gjergi Gjonj, e perché lo uccise nei locali interni a fronte di un “pericolo imminente”. Mario Cattaneo, invece, nonostante da quel 10 marzo 2017 mostri i lividi della colluttazione che ebbe con il bandito (poi ucciso), è a processo per eccesso di legittima difesa. Il ristoratore di Casaletto Lodigiano centrò col fucile la schiena di Petre Ung e lo ferì a morte. I legali dell’imprenditore sperano di far cadere anche l'accusa di eccesso colposo. “Ho soltanto difeso i miei familiari. Spero che lo Stato capisca”, ha detto Cattaneo. Ma non sempre succede.

Walter Onichini

A dirlo ci sono i casi più recenti. La notte del 22 luglio 2013 dalla finestra della sua camera da letto, Walter Onichini sparò e ferì gravemente un albanese di 25 anni che (insieme ad alcuni complici) cercava di rubargli l’auto. Esperto di tiro al piattello, il 37enne di Legnaro centrò in pieno Nelson Dreca. Poi lo caricò in auto e lo abbandonò sanguinante a un chilometro da casa sua. Il pm Emma Ferrero aveva chiesto 5 anni e 2 mesi perché nel momento in cui partì il colpo di fucile (regolarmente detenuto) “non correvano pericoli né lui né i familiari”. Inutile la difesa dell’imputato: i giudici di Padova lo hanno condannato a 4 anni e 11 mesi per tentato omicidio, oltre ad un risarcimento di circa 25mila euro.

Giuliano Barbieri

Durante la notte del 7 novembre del 2009 Nenad Ljumovic e la sua banda cercarono di svaligiare il negozio di abbigliamento di Giuliano Barbieri a Formigine (Modena). La reazione del negoziante fu veemente, ma - assicura lui - senza dolo. Sentiti i rumori provenire dall’interno della bottega, Barbieri scese in strada e esplose due colpi verso l’alto, altri alla gomma e al lunotto posteriore dell’auto dei banditi, infine due sulle vetrine dove non c’erano i malviventi. “Pallottole a scopo deterrente”, dirà l’imputato. La banda capì l’antifona e scappò all’istante, solo il montenegrino fece qualche passo in avanti. Un movimento che gli costerà ferite gravissime. Per la difesa i proiettili partirono perché Barbieri ebbe paura di una reazione del ladro che al buio sembrava avere una pistola (poi risultata un cellulare). Il pm invece ha sposato la tesi del tentato omicidio ritenendo che il predone stesse fuggendo. E così il giudice ha condannato Barbieri a 3 anni e 1 mese di carcere.

Mirco Franzoni

Dovrà scontare 9 anni e 4 mesi di galera per omicidio volontario anche Mirco Franzoni, 33enne di Serle (nel Bresciano) che il 14 dicembre del 2013 ferì a morte con un colpo di fucile Eduard Ndoj, bandito albanese entrato nell’abitazione del fratello. "La legge vieta il furto, ma anche di uccidere", ha detto il pm Kati Bressanelli davanti alla Corte d’Assise chiedendo 16 anni di condanna. Dopo il furto, Franzoni inseguì il ladro e lo aspettò per ore. Poi i due si trovarono a distanza ravvicinata: "Ha tentato di sfilarmi il fucile, mi sono tirato indietro ed è partito un colpo", si è sempre difeso il bresciano. Inutilmente. Per il pm "è stato un delitto d’impeto ma seguito a una caccia all’uomo per le vie del paese". La legge, infatti, prevede che la difesa sia legittima se il pericolo è "attuale". A nulla è servita la testimonianza di un vicino di casa secondo cui il 33enne gli chiese di "chiamare i carabinieri". Se avesse voluto ucciderlo volontariamente non avrebbe certo informato le forze dell’ordine. Ma non è bastato: omicidio volontario.

Antonio Monella

Il carcere Antonio Monella se lo è fatto. Solo la grazia (parziale) di Sergio Mattarella gli ha permesso di tornare in libertà dopo la condanna a 6 anni e 2 mesi di reclusione (e 150mila euro di provvisionale ai familiari) per aver ucciso un ladro. L’imprenditore di Arzago d'Adda (Bergamo) la notte tra il 5 e il 6 settembre 2006 sparò dal balcone contro la banda che era entrata in casa sua e gli aveva rubato le chiavi dell'auto. Il primo proiettile lo indirizzò verso l’alto, il secondo in direzione della sua Mercedes. I carabinieri un’ora dopo trovarono Ervis Hoxha, albanese di 19 anni, solo e sanguinante sul ciglio della strada. Morirà il giorno dopo, trasformando l’imprenditore da vittima in carnefice. La sua colpa? Aver preso la mira prima di sparare. Non essendoci un pericolo diretto per l'incolumità sua o dei figli, avrebbe dovuto osservare i banditi fuggire con la sua auto e denunciare il furto. Ma quanti noi lo avrebbero fatto?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ORCHIDEABLU

Gio, 28/12/2017 - 09:56

SI SA CHE I GIUDICI DOVRANNO AVERE L'ULTIMA PAROLA E NON TUTTI LA STESSA, MA SECONDO IL CASO E LA PERSONALITA'.

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 28/12/2017 - 09:59

la discrezionalita' dei giudici va tolta, la legge VA APPLICATA, punto, la discreziinalita' annulla chiaramente il motto"la legge e' uguale per tutti" l'interpretazione e' un mostro giudiziario, le leggi di contro vanno fatte bene chiare lineari, sono fatte invece, per far si che si abbia bisogno di tutto l'indotto economico e professionale, vedi avvocati, commercialisti, ingegneri, periti, ecc ecc

Reip

Gio, 28/12/2017 - 10:00

Bello schifo! Gli italiani vogliono nuove leggi per quanto riguarda la difesa personale. Se qualcno di notte come di giorno ti entra furtivamente in casa armato o meno, si dovrebbe essere autorizzati a sparare! La difesa della propria vita e quella dei propri cari, non solo è un sacrosanto diritto ma anche un dovere! Io non solo ho il diritto ma ho il dovere di difendere me stesso, e i miei figli... Della magistratura me ne fotto! Meglio un processo che il nostro funerale! Armatevi e iniziate a risparmiare soldi per un avvocato!

claudioarmc

Gio, 28/12/2017 - 10:02

Niente di strano, i sinistrati stanno con i ladri, quindi dopo le trombonate che sparano per farsi belli sulla legalità ecco la norma, magari nascosta, magari confusa o fumosa, che riporta tutto alla discrezionalità del magistrato e sappiamo come sragionano. La difesa della propria persona, dei familiari, della proprietà è SEMPRE LEGITTIMA.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 28/12/2017 - 10:02

Il giorno che si arriverà ad una vera e sacrosanta riforma della magistratura che preveda in primis la separazione drastica delle carriere e il parlamento imporrà ai signori giudici di APPLICARE le leggi invece di interpretarle sarà sempre troppo tardi! Se poi si arrivasse anche a "tosare" i codici penale e civile eliminando le migliaia di cavilli che permettono e, almeno in parte, giustificano le "interpretazioni" saremmo al massimo. Ma la volontà politica non c'é e il fatto che Milano più Roma da sole abbiano più avvocati dell'intera Francia la dice lunga sullo stato delle nostre leggi!

flip

Gio, 28/12/2017 - 10:08

quali "giudici"? Ci sono Giudici e giudici! Se i Giudici sentenziano secondo il loro pensiero, DEVE essere modificata la Legge. Altrimenti vale quella chi si difende.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Gio, 28/12/2017 - 10:12

L'interpetazione è un abominio,la legge è uguale per tutti anche per loro.

ORCHIDEABLU

Gio, 28/12/2017 - 10:14

MAGARI FOSSE VERA LA LEGGE UGUALE PER TUTTI DA NORD A SUD,TANTI VERI INNOCENTI VERREBBERO SCARCERATI

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 28/12/2017 - 10:15

una delle prime cose da fare del nuovo governo di centrodestra

elpaso21

Gio, 28/12/2017 - 10:15

"Ogni volta che un uomo spara nel bel mezzo di un furto i giudici devono valutare milioni di dettagli": fesseria, basta il buon senso.

piardasarda

Gio, 28/12/2017 - 10:17

Una BARBARIE! il giudice, un uomo come il delinquente come chi si difende da loro (loro intesi giudice e delinquente).

Dordolio

Gio, 28/12/2017 - 10:18

La politica è ostaggio dei giudici, che hanno oltretutto una loro lobby di parlamentari ex magistrati. Non passerà mai alcuna legge che possa limitarne l'arbitrio spesso capriccioso, proprio di dei mitologici. Che a nulla e nessuno devono rispondere nè sono chiamati a giustificare le proprie insindacabili scelte. Anche quando aberranti. Si ricordi che la rovina giudiziaria di Berlusconi iniziò quando ebbe la (per lui) sciagurata idea di rendere pubblica la sua intenzione di separare le carriere dei magistrati. Era in fondo una piccolezza. Si pensi al resto...

Duka

Gio, 28/12/2017 - 10:19

Purtroppo i politici TUTTI un po' alla volta hanno trasformato questo paese in un CASINO MEGAGALATTICO per i cittadini ed un vero, autentico paradiso dorato per loro. E' la semplice verità sotto gli occhi di tutti- Spazzare via i politici TUTTI e farci restituire il maltolto è il minimo da pretendere.

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Gio, 28/12/2017 - 10:20

A questo punto ,per chi lo può fare, dal notaio cedere tutto ai famigliari diventare "nullatenente" e rimanere proprietario solo di una P38 frequentare un poligono per tenersi allenato e all'occorrenza non sbagliare assolutamente il colpo. Viste le leggi nostrane è l'unico sistema.

Pigi

Gio, 28/12/2017 - 10:20

Eppure è semplice: basta sollevare chi colpisce i ladri da qualunque responsabilità civile verso gli stessi, insomma nessun risarcimento, perché compensato dall'attività criminosa del malfattore. Invece una condanna penale ci può stare, perché andare in giro sparacchiando ai ladri che scappano è pericoloso per sé ma anche per cittadini qualsiasi che passano da quelle parti. Se cessano gli effetti civili della condanna, i parenti del ladro lasceranno perdere.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 28/12/2017 - 10:25

Sembra che questi Giudici abbiano preso le laure,"""UNO IN LIBBIA, UNO IN MAROCCO, UNO IN TURCHIA ED UNO IN ALBANIA!!! QUESI POCHI CHE HANNO PRESO LA LAURA NEL NORD ITALIA, SONO SOPPRESSI DAI LORO COLLEGHI MERIDIONALI, PURE IN MULTI-MAGGIORANZA, CHE HANNO ASSALTATO TUTTE LE MAGISTRATURE DEL NORD ITALIA, DOVE UN INTERPRETE CI TRADUCE IL LORO LINGUAGGIO"""!!!

rudyger

Gio, 28/12/2017 - 10:29

certi giudici sono il cancro dell'umanità. sono dei frustrati vendicativi. la legge non c'entra. Ci vorrebbe una rivoluzione culturale cinese e a zappare i campi con i ceppi ai piedi. E' gente che si fa odiare.

adal46

Gio, 28/12/2017 - 10:29

Infatti; da qui si capisce l'idiozia e la vacuità delle leggi sull'omicidio stradale e simili, tanto saranno sempre disattese da notevole soggettività. La giustizia chiede anzitutto imparzialità e oggettività.

Totonno58

Gio, 28/12/2017 - 10:31

Mi sembra ovvio...se il nostro Parlamento è inerte, le tante leggi ferme nei cassetti o fatte volutamente con i piedi (ricordate quella sulla fecondazione assistita?)obbligano i giudici ad intervenire...poi qualcuno ancora si diverte a recitare la filastrocca su "magistratura politicizzata ", "le leggi si applicano, non si interpretano"ed altre amenità di questo genere ma è previsto nel gioco delle parti...

Ritratto di calzolari loernzo

calzolari loernzo

Gio, 28/12/2017 - 10:34

questa legge è la chiara dimostrazione della volontà politica e della cultura di una classe dirigente che mira a non far funzionare lo stato perchè nel torbido si pescano sempre più voti (in questo caso dei delinquenti e famigliari e amici). Nei Paesi in cui le regole sono chiare, precise e cogenti non si crea alcuna confusione e non si deroga potere ad alcuna categoria (leggi magistratura)

Ernestinho

Gio, 28/12/2017 - 10:35

Chi ruba deve essere sempre punito. Per lui non deve esserci alcuna scusante! E se ci rimette le penne è solo colpa sua, senza risarcimento alcuno!

DIAPASON

Gio, 28/12/2017 - 10:37

la magistratura e' il cancro della societa' italiana approfittando della politica debole fanno scempio del diritto, con interpretazioni ideologiche. modernizzare l'Italia vuol dire eliminare questi poteri occulti

billyserrano

Gio, 28/12/2017 - 10:42

Credo che la discrezionalità di un giudice nel valutare un reato è inevitabile, ma quello che non va bene è quando un giudice interpreta le leggi in modo ideologizzato, cioè sempre a favore dei criminali. E necessario che ci sia una corte suprema che valuti il comportamento dei giudici, in modo libero da condizionamenti politici.

SAMING

Gio, 28/12/2017 - 10:47

Purtroppo il diritto di proprietà in Italia non è tutelato dalla costituzione (definita dagli invasati di cannabis la più bella del mondo). Da quì nasce il problema per cui non vi è differenza se sparo per la strada o se sparo dentro alla mia casa e dentro i confini della mia proprietà. Si, perchè chi entra di notte o di giorno con intenti malvagi nella mia proprietà commette un primo gravissimo reato che è quello di violazione del diritto di proprietà.Sorge quindi il mio primo imviolabile diritto che è quello di difesa con OGNI MEZZO A DISPOSIZIONE e nessuno valuti se eccessivo o non eccessivo perchè dipende dalla percezione individuale di pericolo che ognuno di noi ha, mentre chi ha violato il mio diritto di proprietà deve sapere che può trovare la morte. Amen. Il resto sono seghe mentali dei sinistrati.

MEFEL68

Gio, 28/12/2017 - 10:48

Addio allo Stato di diritto! Così si uccide anche la Costituzione. Il Potere Giurisdizionale che si sostituisce al Potere Legislativo. Il Giudice dovrebbe solo accertare se c'è stata violazione della legge e comminare la pena nei limiti previsti dalla stessa legge. Se la legge dicesse: chi ruba una mela avrà una pena da 3 a 5 anni, il giudice, chiarite le circostanze e senza inventarsi nulla, dovrà condannare il reo solo entro questi limiti. E' così che si rispetta la Costituzione.

MEFEL68

Gio, 28/12/2017 - 11:00

Nel momento stesso in cui un ladro entra in un'abitazione quando c'è il proprietario, la legittima difesa deve SEMPRE essere presunta. Questo perchè, se un ladro vuole rubare senza violenza, si introduce in casa quando sa che questa è anche momentaneamente disabitata. Quando questo non accade, è chiaro che il ladro, se non ottiene la collaborazione del proprietario, è disposto ad ottenerla ad ognni costo ricorrendo alla violenza più estrema. Come sempre succede. Allora? E' giusto farsi massacrare per non usare violenza contro chi certamente la userà verso di noi?

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Gio, 28/12/2017 - 11:01

@elpaso21 Ma visto che per il "buon senso" la magistratura non è famosa, occorre una semplicissima legge che imponga di valutare un "unico dettaglio": che non sia un delitto camuffato da difesa personale. Per il resto se l'aggredito non spara, spara un colpo o 100 colpi non è sindacabile, l'aggressore ha SEMPRE e SOLO torto e l'aggredito si difende come può.

gneo58

Gio, 28/12/2017 - 11:04

l'ho detto e lo ripeto, poche leggi, chiare e che non diano adito ad interpretazioni, punto.

Ritratto di tangarone

tangarone

Gio, 28/12/2017 - 11:07

Lo sapete che se fermate l'auto a motore acceso mentre aprite il cancello per entrare in garage, se un ladro vi ruba l'auto e poi ha un incidente vi tocca pure risarcirlo?

Cheyenne

Gio, 28/12/2017 - 11:08

DEVE ESSERE UNO DEI PRIMISSIMI ARGOMENTI CHE IL CENTRODX DOVRA' AFFRONTARE. UN SOLO ARTICOLO CHI ENTRA NELLA MIA PROPRIETA' SENZA IL MIO ASSENSO E' LEGITTIMO UCCIDERLO. STOP

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 28/12/2017 - 11:16

Ma per qualcuno è più importante proporre sgravi fiscali ai possessori di animali domestici....

VittorioMar

Gio, 28/12/2017 - 11:27

..VEDERE LEGGI "USA" !!...VEDERE COMPORTAMENTI DI POLIZIA ISRAELIANA !!

nino90

Gio, 28/12/2017 - 11:29

Violazione domicilio DEVE comportare la perdita di ogni rivalsa + Legittima defesa sempre.

giovanni951

Gio, 28/12/2017 - 12:00

per me sfogliano la margherita...condanno? assolvo? condanno? assolvo? urge non solo la riforma della legittima difesa ( che deve sempre essere legittima) bensí la rifirma in tito delka magistratura.

giovanni951

Gio, 28/12/2017 - 12:01

secondo me, chi entra in casa tua di notte perde ogni diritto, compreso quello di respirare.

squalotigre

Gio, 28/12/2017 - 12:15

Memphis35. lo so che parlo per invidia e me ne scuso. Vorrei che la nostra categoria godesse della stessa immunità che viene riservata ai magistrati che NON PAGANO mai per i loro errori né penalmente né civilmente, nonostante un referendum vinto. Personalmente non potrei fidarmi di un chirurgo che se mi lasciasse le garze nell'addome non ne rispondesse e in ultima analisi venisse giudicato da un consiglio eletto con i voti dei colleghi. Come ci si può fidare del giudizio di un magistrato che è immune da qualsiasi responsabilità? E questo nuoce non solo all'imputato ma anche all'autorevolezza della magistratura ed alla fiducia del cittadino.

handy13

Gio, 28/12/2017 - 12:19

..potere decisionale ai giudici.?....certo, perchè i politici NON sanno scrivere le leggi.!!..

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 28/12/2017 - 12:20

prendiamo due esempi-il caso ermes-il tizio sorprende due ragazzi rom che a mani vuote iniziano a scappare-ermes li insegue e spara-ne attinge uno alla schiena e l'altro alla coscia col femore che si spappola-entrambi i ragazzi sono a terra in una pozza di sangue -implorano pietà e chiedono al mattielli di chiamare i caramba-ermes se ne frega-si avvicina al primo e spara 5 colpi-lo attinge agli arti inferiori e superiori-poi mira alla testa-il ragazzo disperato si dimena-parte il colpo gli frantuma la mascella-gli rompe otto denti e gli buca la lingua-il mattielli si avvicina all’altro giovane accasciato e gli spara 9 colpi addosso-quando mira alla testa ha finito il caricatore-il caso sicignano invece-che si ritrova al buio in cucina una sagoma e spara spaventato-due processi con esiti diversi proprio grazie alla sacrosanta discrezionalità-immaginate una legge asettica che considera questi due casi sullo stesso piano-voi siete matti da legare

Giorgio Colomba

Gio, 28/12/2017 - 12:35

Ormai scaduto il tempo dei parassiti abusivi a Palazzo, urge da un lato allestire una corposa modifica delle norme sulla legittima difesa e dall'altro introdurre una drastica riforma della Giustizia che restringa adeguatamente i margini di discrezionalità interpretativa delle toghe.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Gio, 28/12/2017 - 12:37

Gli esempi falli a tua nonna. Difesa personale legittima sempre.

ORCHIDEABLU

Gio, 28/12/2017 - 12:43

INTANTO NON SI VA IN CASA D'ALTRI A RUBARE.POI SPARARE PER FERIRE CI PUO' STARE PER PAURA,MA AMMAZZARE DI PROPOSITO E' TROPPO.

squalotigre

Gio, 28/12/2017 - 12:50

elkid - lei oltre ad essere profeta è sempre presente (il Dio cattolico che è onnipresente le fa un baffo) quando succedono casi come quello da lei indicato. Sa che i ragazzini, poverini, che andavano solo a rubare - ma non lo facevano in assenza del proprietario il quale non poteva conoscere le loro intenzioni. Sa che chiedevano pietà e che il delinquente ha sparato a sangue freddo. Sarei quasi tentato di chiederle 5 numeri del lotto se non sapessi che lei è solo un povero idiota che crede di sapere e non sa una cippa e non solo in questo caso.

killkoms

Gio, 28/12/2017 - 12:52

c'è una lunga frase di Leonardo Sciascia,che stigmatizza la "discrezionalità"!e cioè che una decisione (una sentenza) più che coscienza può dipendere dal fattore che il togato,la mattina del giudizio, "si sia tagliato facendosi la barba" o che invece "..abbia bevuto un buon caffè.."!

MEFEL68

Gio, 28/12/2017 - 13:01

@@@ elkid - ricorrere ad un caso estremo per difendere chi delinque è di una faziosità altrettanto estrema. Poverini, erano solo due ragazzi rom che scappavano con le mani vuote. Ricorrere a descrizioni truculente come: femore e mascella spappolati, lingua bucata è abusare per creare ribrezzo. Comunque, se questi "poverini" avessero saputo che la loro intrusione poteva comportare certi rischi, forse oggi ancora giocherebbero felici e la gente "cattiva" come i fascisti lo sarebbe di meno.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 28/12/2017 - 13:02

---JSBSW67--caro coso---se passa la legge da minus che vuoi tu---io posso tranquillamente attirarti a casa mia con una scusa ---farti fuori---costruire un bel finto tentativo di furto e farla franca grazie all'asetticità della legge che non consentirà ai giudici di indagare più di tanto ma solo di applicare---attento alla tua--di nonna---swag

agosvac

Gio, 28/12/2017 - 13:17

L'interpretazione che alcuni magistrati fanno della legittima difesa spesso trasformandola da legittima in omicidio è un vero obbrobrio!!! Se una persona entra in casa di un altra persona senza essere autorizzata è ovvio che non lo fa per colloquiare ma per delinquere, pertanto commette un reato ed essendo del tutto impossibile che il privato cittadino possa avere la difesa della polizia si deve difendere da solo. L'eccesso di legittima difesa è un controsenso: o la difesa è legittima oppure non lo è. Vorrei chiedere a certi giudici: ma voi che avreste fatto al posto dell'accusato??? Ovviamente senza avere la casa piantonata da carabinieri e poliziotti vari, e questo sì che non dovrebbe essere legale.

Ritratto di hardcock

hardcock

Gio, 28/12/2017 - 13:23

Nei paesi civili La colpevolezza o l'innocenza dell'imputato viene decisa da una giuria popolare che segue il processo dove accusa e difesa sciorinano le ragioni fino ad addivenire alle prove nell'uno o nell'altro senso. Il giudice conduce il dibattimento attento che non si violino le regole e codice alla mano decide la pena in caso di colpevolezza. Il giudice monocratico è una stortura della giustizia tutta italiana. Non per niente in inglese il processo si traduce "TRIAL" ovvero prova. Mao Li Ce Linyi Shandong China

Ritratto di hardcock

hardcock

Gio, 28/12/2017 - 13:29

Dopodichè in Inghilterra non esiste il giudice di professione ma di volta in volta vengono chiamati avvocati con anzianità di professione a dirigere i processi con notevole risparmio e velocizzazione dei giudizi. Mao Li Ce Linyi Shandong China

antonpaco

Gio, 28/12/2017 - 13:39

I giudici italiani hanno raggiunto il massimo decretando di rimborsare i criminali, cioe' non solo vengono a rapinarvi e se va male vi ammazzano,ma li dovete pure risarcire. Sul serio, lo dico davvero, mi vergogno di essere nato in Italia, siamo i peggiori.

nonnoaldo

Gio, 28/12/2017 - 13:43

Elkid, un tizio la attira a casa sua (come?), lei ci va (perchè), ma nottetempo, non suona il campanello, non chiama, si infila in casa rompendo una finestra o forzando una porta... Mi scusi, ma prima di scrivere questo post cosa ha bevuto?

ziobeppe1951

Gio, 28/12/2017 - 14:06

nonnoaldo..13.43....ma soprattutto cosa fuma

Malacappa

Gio, 28/12/2017 - 14:27

La legittima difesa non e' un rebus e' un diritto

petra

Gio, 28/12/2017 - 14:29

Se poi le vittime sono della Lega... nessuna pietà per loro.

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Gio, 28/12/2017 - 14:45

Elkid per vedere come funziona a casa mia provi ad entrare di notte solo nel cortile e di svegliarmi facendo rumore , poi ce la raccontiamo come va a finire. Ma tanto lei sbraga tanto solo perché le lasciano scrivere ciò che vuole e sicuramente ha tanto coraggio come il gatto di mia zia Gina .

Ritratto di charlye08

charlye08

Gio, 28/12/2017 - 14:46

Concordo quanto scritto da Mefel68

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 28/12/2017 - 14:50

---caro nonno---ammettiamo che io voglia farle del male--per attirarla da me anche nottetempo posso usare uno specchietto delle allodole sempre funzionante---un bella raga per esempio -che le faccia gli occhioni dolci---anche se lei usa il viagra da tempo son sicuro che viene---lei suonerà sicuramente il campanello---ci penserò io dopo a forzare la porta e simulare lo scasso--ma insomma --lei è proprio privo di fantasia?--le ricordo per esempio- che prima che entrasse in vigore l'omicidio stradale --molti investivano i tipi con i quali avevano conti in sospeso tanto erano sicuri di prenddere asetticamente il colposo--ci sono casi di cronaca che lo testimoniano--

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 28/12/2017 - 15:01

paràpadano---è proprio per i tipi come lei che la legge che volete non passerà mai---perchè lei è capace di accoppare pure il ragazzino che magari le ruba un'arancia dal giardino o che magari tenta di recuperare la palla caduta accidentalmente al di là della sua inferriata---curatevi --pistoleri della domenica--insoddisfatti della vostra vita---

giovanni235

Gio, 28/12/2017 - 15:06

E il giudice,lo sappiamo bene,giudica secondo quale piede ha posato per primo scendendo dal letto:sinistro ti condanno,destro ti archivio.Il guaio è che scendono quasi tutti con il sinistro!!!!

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Gio, 28/12/2017 - 15:16

Primo punto da far passare: non può esserci "proporzionalità" in un'aggressione; anche un uomo forte e vigoroso può essere ammazzato di botte se si trova contro tanti...pensate poi ad un anziano, benché ancora lucido, contro anche un solo energumeno sbarcato da poco sulla Penisola. Chi è aggredito nella propria abitazione deve poter usare una forza SOVERCHIANTE per neutralizzare il rapinatore. Secondo punto: chi commette un furto o una rapina perde ogni diritto ad un risarcimento, anche in caso di dolo o colpa dell'aggredito che si difenda. Infine togliere l'eccessiva discrezionalità alla Magistratura, che proprio in questi casi da sfoggio nel fare politica di sinistra attraverso le sentenze. ( come esortava Magistratura Democratica ai suoi iscritti)

Ritratto di tangarone

tangarone

Gio, 28/12/2017 - 15:35

La legittima difesa e l'inviolabilità del domicilio devono essere assolutamente sacrosanti, tuttavia, non tutti i casi riportati come esempio di diverse decisioni dei giudici sonon riconducibili alla legittima difesa. Io credo che anche quando avremo finalmente una legge più giusta, se io inseguo un ladro che sta scappando e gli sparo non posso avvalermi della legittima difesa... mentre (secondo me) dentro casa ogni cosa dovrebbe essere lecita, anche una ferita alle spalle. Parere mio personale.

Ritratto di tangarone

tangarone

Gio, 28/12/2017 - 15:40

Poi - dimenticavo - non solo le leggi attuali sono a favore dei delinquenti, ma anche le circostanze. Se un ladro entra mi ammazza e scappa, chi sarà stato mai? Vallo a trovare. Se invece lo freddo, è in casa mia, non scappo da nessuna parte. Tutte queste norme o circostanze a favore del delinquente devono portare a una legittimità della difesa domenstica. All'aperto, ok, ne riparliamo, ma dentro HO SEMPRE RAGIONE IO. Se non sei d'accordo fai a meno di venire a rubare.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 28/12/2017 - 16:07

Dov'è finita la proposta del governo a firma di Ermini? Nei w.c. della camera o del senato?

mariolino50

Gio, 28/12/2017 - 16:11

Mi risulta che sia così per tutti i reati, la legge non è una scienza esatta, anche altrove il giudice ha ampie possibilità di movimento, nei paesi di common law i giudici fanno in pratica le leggi, in gran parte non scritte, in GB nemmeno è scritta la costituzione. Per quanto riguarda la difesa solo in Usa è quasi libera, in GB i privati non possono detenere pistole a nessun titolo, nemmeno per sport serio, solo armi lunghe, poco pratiche al chiuso.

Pitocco

Gio, 28/12/2017 - 16:21

Vada tolta la scorta dei giudici e allo stesso tempo si costituisca un fondo economico per le vittime delle aggressioni in cui i giudici stessi, chiamati a giudicare, versino un contributo annuo di DUE MESI di stipendio. Siamo certi che di fronte a questi provvedimenti il corpo della magistratura non emetterà più nessuna sentenza a carico degli aggrediti.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Gio, 28/12/2017 - 16:30

@ tangarone: sono perfettamente d'accordo, non può essere considerata legittima difesa se mi affaccio dalla finestra e sparo agli aggressori che sono usciti; ma dentro un'abitazione poco importa se i rapinatori vengono trovati "stesi" di fronte, di spalle o di tre quarti... che i troll commentatori, amici del ladri nonché ideologicamente odiatori della proprietà privata si trastullino pure in fantasie di proprietari che sparano ai ragazzini intrusi che giocano in giardino o che invitano in casa con l'inganno qualche nemico personale, per potergli sparare impunemente...

leopard73

Gio, 28/12/2017 - 16:33

Basta dire al giudice che voti KOMUNISTA sei graziato!!!

gneo58

Gio, 28/12/2017 - 16:35

Elkid - io me ne frego, se ti trovo a casa mia non invitato fai la fine del topo, meglio uno in meno, in ogni caso. Punto.

david71

Gio, 28/12/2017 - 16:47

A beh certo... sparare ad un ladro armato nella tua camera da letto e da una finestra ad un'altro che mentre scappa sono la stessa cosa. Giuseppe, a casa fare i compiti!

frabelli1

Gio, 28/12/2017 - 16:51

Quello che sta succedendo in Italia in questo campo è deplorevole. Per la stessa azione si viene assolti o imprigionati. Ma non c'è una legge chiara? Che vergogna quest'Italia con leggi che vengono interpretate invece che applicate. I Cittadini sono in balia dei criminali e questi hanno ragione se uno si difende in casa proprio. VERGOGNA!!!

Marcolux

Gio, 28/12/2017 - 16:55

Nessuna legge chiara è possibile in questo maledetto Paese. L'unica casta che decide della vita e della morte dei cittadini è la Magistratura. Sono i giudici che vogliono stabilire chi colpire e chi assolvere, in base non alla legge ma alle loro simpatie, quasi sempre esclusivamente politiche.

david71

Gio, 28/12/2017 - 16:58

ops, un altro.

levy

Gio, 28/12/2017 - 17:14

Chi entra con violenza nella casa altrui, fosse anche per rubare una sola caramella deve sapere che lo fa' a proprio rischio e pericolo, senza se e senza ma e sopratutto senza risarcimento. Chi si difende da una aggressione non causata ha diritto a difendersi.

squalotigre

Gio, 28/12/2017 - 17:24

Mariolino 50- nei paesi di common law i giudici fanno riferimento alle sentenze precedenti ed è per questo che in casi analoghi non vi è difformità di giudizio come avviene in Italia dove la legge é uguale per tutti ma colui che ti giudica no. Inoltre il PM é un avvocato dell' accusa non un collega che ha l'ufficio accanto e con il quale trascorri le vacanze. E last but not last i magistrati pagano per i propri errori. Non esiste obbligatorietà dell'azione penale e nemmeno la carcerazione cautelare che fa scontare la pena prima della sentenza.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Gio, 28/12/2017 - 17:42

Tutti gli interventi di elkid (tolti i rimbrotti) sono finalizzati ad "insegnare" a tutti gli altri come si fa a stare al mondo. La conclusione è sempre "legga; si informi". SEMBRA sempre che sappia tutto in tutti i campi, in realtà è la personificazione del detto: "CHI NON SA INSEGNA" tipica dell'ignorante arrogante e saccente di sinistra sedicente acculturato. Se c'è un nome da pistolero della domenica è proprio elkid. Forse pistolotto.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 28/12/2017 - 17:50

--mario --le leggi sulla legittima difesa più o meno si equivalgono in tutta europa---in italia i giudici applicano pure la putativa che è bella chiara in germania---i destri nostrani vogliono invece farci diventare tutti americani---mentalità completamente diversa la loro

Malacappa

Gio, 28/12/2017 - 18:24

elkid il signor Ermes ha fatto quello che farebbero milioni di veri italiani perche' questa feccia deve essere eliminata dalla faccia della terra.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 28/12/2017 - 18:25

---JSBSW67--hai ragione---sono provocatorio a ragion veduta---e sono pure cinico apposta---ma al di là di tutto---spesso e volentieri---come pistolero sparo delle verità sacrosante--elkid campeador-swag

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Gio, 28/12/2017 - 18:53

@ Mariolino50: pochi anni fa in Gran Bretagna a un ladro che chiedeva un risarcimento per le legnate prese dal proprietario che l'aveva scoperto in casa propria, il giudice rispose che essendo andato a rubare nulla gli era dovuto.

UgoCal

Gio, 28/12/2017 - 19:02

Sino a quando i giudici potranno "interpretare" a loro piacimento le leggi non ci sarà vera giustizia.

ziobeppe1951

Gio, 28/12/2017 - 19:03

elpirla...14.50....hai fatto i conti senza l’oste...metti che la bella raga, agli occhi del padrone di casa , non dice nulla in quanto di tendenze sessuali come la tua?..no..no non funziona, trovati un’altra scusa

Ritratto di navigatore

navigatore

Gio, 28/12/2017 - 20:11

ora capisco perche´in ITAGLIA e´un proliferare di avvocati e concorsi per magistrati e giudici, chiamali fessi, sono una CASTA intoccabbile difesa dai complici di partito

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Gio, 28/12/2017 - 21:44

Sarà una delle priorita del prossimo governo di destra, togliere al giudice l'ultima parola, chi viola il domicilio commette reato, ed è l'unico a subirne le conseguenze.

Divoll

Gio, 28/12/2017 - 22:53

Speriamo che questo rebus venga risolto una volta per tutte dal prossimo governo.

jaaaar

Ven, 29/12/2017 - 07:41

Un ladro ti ruba 1000 Euro, un giudice ed i suoi processi 100mila. La leggittima difesa va applicata nei confronti di questo sistema giudiziario folle

Ritratto di frank60

frank60

Ven, 29/12/2017 - 09:17

La difesa deve essere sempre legittima.