Coronavirus, 50enne di Vo' Euganeo va a sciare in Trentino: allarme

L'uomo, di Vo' Euganeo, è finito in ospedale per una frattura al femore provocata da una caduta mentre si trovava sulla pista da sci: fortunatamente è risultato negativo al test

È finito nei guai un 50enne di Vo’ Euganeo, comune italiano in provincia di Padova oggi purtroppo conosciuto per essere uno dei principali focolai di Coronavirus. Malgrado l'emergenza sanitaria in atto, nei giorni scorsi l'uomo ha lasciato la cittadina facente parte della cosiddetta “zona rossa” ed ha raggiunto il Trentino.

Secondo quanto riferito da “L'Adige”, l'intera vicenda è venuta a galla in seguito ad un ricovero in ospedale del 50enne, avvenuto lo scorso venerdì 28 febbraio. Lasciata Vo' per andare a sciare a Cavalese (Trento), l'uomo è infatti caduto mentre percorreva una delle piste, riportando seri traumi. Trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Cavalese, il soggetto ha fornito i propri dati anagrafici, ed in questo modo è stata fatta la scoperta. Il paziente, che fortunatamente non presentava i sintomi del Coronavirus, proveniva da una zona ora considerata a rischio per l'ingente numero di contagi (ben 77 persone trovate positive soltanto lo scorso sabato).

Naturalmente all'interno della struttura ospedaliera è scattato l'allarme, e sono stati immediatamente attivati tutti i protocolli per garantire la sicurezza del personale sanitario e degli altri pazienti. A tranquillizzare ulteriormente i professionisti che operano nel nosocomio e gli utenti, il fatto che l'uomo, trasportato in barella, non abbia avuto contatti con gli altri pazienti nelle sale del pronto soccorso. Durante gli esami radiodiagnostici eseguiti per valutare la presenza di fratture, il soggetto non avrebbe inoltre potuto contagiare i radiologi, che stavano indossando tutti i dispositivi di protezione individuale previsti per il genere di reparto in cui operano.

Dopo la diagnosi di frattura del femore, il 50enne è stato quindi trasferito con tutte le precauzioni possibili all'ospedale Santa Chiara di Trento, dove è stato ricoverato e sistemato in una stanza isolata. Sottoposto ad intervento chirurgico, durante il quale tutto il personale addetto ha agito con la massima sicurezza, l'uomo ha quindi effettuato anche un tampone faringeo. Nel corso del ricovero, durato 3 giorni, il personale sanitario si è occupato del paziente avendo sempre cura di indossare tutti i dispositivi di protezione indispensabili per scongiurare un possibile contagio. Il 50enne è risultato fortunatamente negativo al test e, concluso il periodo di degenza, ha fatto ritorno a casa.

Nonostante ciò, il caso è stato comunque segnalato ai carabinieri, dal momento che attualmente vige il divieto di allontanamento dai comuni facenti parte della “zona rossa”, come previsto dal recente decreto previsto dal Governo per l'emergenza Coronavirus. Chi non rispetta le regole, rischia una multa fino a 206 euro o addirittura una pena di 3 mesi di reclusione. Dai controlli è poi emerso che il 50enne si era allontanato da Vo' prima che il divieto entrasse in vigore ed aveva reso nota la propria intenzione di soggiornare in un'altra zona. Essendo uscito per sciare, tuttavia, non ha rispettato la quarantena.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mer, 04/03/2020 - 16:48

castigo divino???

Italiano_medio

Mer, 04/03/2020 - 17:05

da arresto immediato

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mer, 04/03/2020 - 17:44

Sicuramente questo fenomeno è uno dei nostri , ha voluto fare il furbo e l'ha pagata cara.

Peo11

Mer, 04/03/2020 - 18:08

Ma guardate che non stiamo parlando di peste o vaiolo. State calmi.

SPADINO

Mer, 04/03/2020 - 18:08

SCUSATE MA : E' UN BEL PxxxA.

bernardo47

Mer, 04/03/2020 - 18:26

dovevano fratturagli pure l'altro femore a quel salame!

frabelli1

Mer, 04/03/2020 - 19:20

Ora oltre alla frattura: ben gli sta, una grossa multa per aver violate le disposizioni di legge dovrebbero dargli una grossa multa. Stupido!!!

lorenzovan

Mer, 04/03/2020 - 19:48

i cinquantenni sono i piu' stupidi di tutta la serie dei decennials...ne incontri dappertutto ..fatti in serie.....sempre con arie da piu' intellgenti..piu' bravi..piu' furbi..piu' esp+erti..e non sanno che invece ,,essendo "fioriti " negli anni del benessere economico..gli anni della milano da bere..per intemndersi..sono i piu' imbecilli e ignoranti del "reame"

buonaparte

Mer, 04/03/2020 - 20:12

mettete le mascherine ..

Ritratto di mailaico

mailaico

Mer, 04/03/2020 - 20:25

un altro è andato a orbassano (to) e l'hanno trasferito chissà dove. Vi conviene non andare nei ps. la vi prendono e vi portano nei gulag.

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Mer, 04/03/2020 - 21:29

E non e` l'unico: Migliaia e migliaia di LUMBARD, anziche' chiudersi in casa sono arrivati nelle loro case di vacanza specialmente in Liguria, per spargere, novelli UNTORI, il virus dove non c'era.

maxxena

Mer, 04/03/2020 - 23:23

gent.mo Peo11 Mer, 04/03/2020 - 18:08 di stare calmi lo dica alle vittime e ai loro parenti (e se nel frattempo ha riflettuto, a tutte le decine di migliaia di immunosoppressi)...ma forse voleva dire "state sereni".

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 05/03/2020 - 08:16

Mi piace la multa di 206 euro, non cifra tonda. Ma come ci sono arrivati i cervelloni a calcolare che devono essere 206 euro e non 200 o 250 euro oppure 1000 euro.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 05/03/2020 - 08:20

@PeccatoOriginale,...e magari li paghiamo pure. Il Governo è stato chiaro, nessuno perderà lo stipendio di quelli che sono obbligati a rimanere fuori dal lavoro.

killkoms

Gio, 05/03/2020 - 08:28

in galera!