Studio gela le speranze "Ecco perché il Covid 19 può tornare ogni anno"

Le ultime dichiarazioni degli scienziati cinesi durante un briefing tenutosi a Pechino. Il Sars-Cov2 non sparirà come la Sars, dicono gli esperti, ma si ripresenterà ogni anno, forse diventerà un'influenza. Puntare tutto su nuove cure e sui vaccini

Doccia fredda dalla Cina, dove sta prendendo piede la teoria secondo la quale non sarà così semplice sbarazzarsi del Coronavirus, anzi. Secondo un team di studiosi dell'Istituto di Biologia patogena dell'Accademia cinese delle scienze mediche, il Sars-Cov2 farà ritorno ogni anno, insieme alla più comune influenza stagionale.

Questa tesi è stata avanzata durante una riunione a Pechino, alla quale hanno preso parte giornalisti e rappresentanti della comunicazione. Gli scienziati cinesi, purtroppo, non hanno dubbi: il Coronavirus non si comporterà come la Sars che, arrivata nel 2003, venne mano a mano contenuta fino a scomparire. Questo nuovo virus continuerà a circolare fra la popolazione umana, grazie alla sua pericolosa capacità di generare infetti asintomatici. Sono gli asintomatici, lo sentiamo dire da mesi, la maggior problematica di questa malattia.

La difficoltà principale di questo ceppo riguarda i portatori sani, o asintomatici, che rendono estremamente arduo individuare e contenere la diffusione del virus, mentre con la Sars di 17 anni fa le persone si ammalavano gravemente. Una volta individuati i focolai è stato relativamente più semplice contenere la gravità della situazione”, ha infatti spiegato durante la conferenza il professor Jin Qi, capo dell'Istituto di Biologia patogena. “In Cina si riscontrano ancora moltissimi casi di persone che contraggono il virus in maniera asintomatica, nonostante l'epidemia sia sotto controllo. Questo apre lo scenario di una malattia con cui la specie umana dovrà convivere a lungo”, ha proseguito il dottore, traendo le proprie conclusioni. “È molto probabile che si tratti di un'epidemia che coesisterà con l'uomo, diventerà stagionale e verrà sostenuta dal corpo umano”, ha aggiunto, come riportato da “Time”. Una tesi appoggiata anche da altri esperti. La stessa virologa Ilaria Capua, parlando del futuro del Coronavirus, ha avanzato l'ipotesi che questo possa diventare un'influenza. D'accordo con questa teoria anche il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases degli Stati Uniti Anthony Fauci: “Il covid-19, che ad oggi ha contagiato più di tre milioni di persone e causato oltre 210 mila decessi, diventerà un problema stagionale”, ha infatti dichiarato, come riportato da “Agi”.

Alcuni paesi inoltre sperano che con l'aumentare delle temperature la diffusione del virus rallenterà, ma non abbiamo prove a sostegno di questa ipotesi”, ha aggiunto durante la conferenza il dottor Wang Guiqiang, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell'ospedale dell'università di Pechino. “Il covid-19 è infatti molto diverso dai noti Sars e Mers, perché ha un periodo di incubazione molto lungo e un numero significativamente alto di pazienti asintomatici”.

Ma gli asintomatici non sono l'unico problema. Nella lotta al Coronavirus, è stata riscontrata un'elevata difficoltà nell'individuare il cosiddetto “paziente zero”. “Se il paziente zero fosse stato contagiato in maniera asintomatica, non avremmo tracce della cartella clinica. Alcuni scienziati hanno proposto di utilizzare i test antivirali per rintracciare il primo caso, ma in realtà questa metodologia di indagine consente solo di sapere se una persona e' stata infettata, senza indicazioni sulla cronologia dell'evento”, ha spiegato Guiqiang.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 28/04/2020 - 16:40

...il virus,sostanzialmente colpisce la parte più debole della Società,con patologie pregresse....QUESTI al momento stiano a casa(10%)!Con le ATTUALI terapie a disposizione,si risolve il "problema" confinandolo ad una brutta influenza(da curarsi a CASA),come TUTTE le influenze che sino a ieri,hanno colpito la popolazione,e hanno causato morti fra persone con varie patologie(obesità,cardiovascolari,diabete,ect....),e di cui nessuno si è poi tanto preoccupato....Se il RESTO della popolazione(90%),che pare non essere stata contagiata,o forse immune,o asintomatica,con le attuali migliori conoscenze sulla cura(presa in tempo),con gli Ospedali ormai liberatisi dal primo impatto(che possono fare fronte alle "emergenze"),che senso ha continuare ad affossare l'economia,limitare questo,quello,bloccare con fantasiose norme di "contenimento" ogni vita sociale al resto 90%?

Una-mattina-mi-...

Mar, 28/04/2020 - 17:01

ADESSO CHE HANNO INVENTATO IL PRETESTOVIRUS DALLE UOVA D'ORO SI PUO' COSTRINGERE LA POPOLAZIONE AD OGNI GENERE DI SOTTOMISSIONE E CRETINERIA: NON SARA' COSA CHE MOLLERANNO FACILMENTE, E CHE RACCOGLIE IL TESTIMONE DALLA "LOTTA AL TERRORISMO", CHE IN EFFETTI, DOPO ANNNI DI STANCA SENZA CHE SUCCEDESSE UN GRANCHE', COME PRETESTO AVEVA PERSO TANTA FORZA.

Jon

Mar, 28/04/2020 - 17:10

Certo che e' una influenza..ed il Tampone la rileva..ma come?? La CDC americana ha svelato che il TAMPONE e' stato creato per prevedere tutte le mutazioni genetiche, e segnala ogni CoronaVIrus e pure i Virus Rna. PROPRIO PER FORNIRE LA MINIMA POSSIBILITA' DI FALSI NEGATIVI, e' studiato per AVERE L'80% DI FALSI POSITIVI, ed escludere SOLO chi non ha nessun tipo di Virus. Quindi il Tampone e' stato USATO per una DIAGNOSI EFFETTIVA, e non per SEMPLICE ESCLUSIONE. Si rilevano quindi TUTTI I BETA-CORONAVIRUS.UMANI, quelli che ogni anno causano influenze e sindromi respiratorie, Per ovviare OCCORRE INDIRIZZARE I POSITIVI AL TEST DI CONFERMA (RT-PCR). Migliaia di NUMERI FASULLI che i Media SPACCIANO per veri....BASTA FAKE..!!

agosvac

Mar, 28/04/2020 - 17:10

C'è di buono che se diventa stagionale e vuole continuare a sopravvivere dovrà decidersi a non uccidere più nessuno!!!!!

Ritratto di VenCom

VenCom

Mar, 28/04/2020 - 17:15

@zagovian in italia gli ultra 65 anni con almeno una patologia sono oltre 10 milioni, vogliamo farli morire tutti? Gli italiani con diabete sono oltre 3 milioni, facciamo morire anche loro?

Ritratto di Adespota

Adespota

Mar, 28/04/2020 - 17:23

Ma se diventa solo stagionale, ce la faremo a pagarle i contributi e la disoccupazione per il resto dell'anno ? Temo che ci farà causa e che si sposterà in Paesi più affidabili.

Unoamareggiato

Mar, 28/04/2020 - 17:31

Forse i medici e scienziati di una volta erano più seri e non sparavano studiggiani ogni volta che si alzavano al mattino. Hanno superato la Spagnola, la Sars, l'Asiatica e tante altre epidemie senza clamore e falsi allarmismi aiutando con professionalità, perizia, abnegazione le persone colpite ad uscirne vive, in piena libertà. Imparate novelli maghi.

Divoll

Mar, 28/04/2020 - 17:41

Certo che puo' tornare, basta rispargerlo ogni anno...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 28/04/2020 - 18:50

VenCom 17:15...No di certo!Li teniamo a casa,li curiamo a casa(con le terapie che abbiamo SUBITO,...non dopo 15gg,quando ormai il "problema" è GROSSO,...ed i casi più gravi li portiamo in OSPEDALE(che non sarà intasato),....il resto della popolazione è inutile che stia ingabbiato,annientando l'economia e la sostenibilità anche di chi è sotto cura!

Maver

Mar, 28/04/2020 - 19:35

@ Divoll mi ha tolto le parole di bocca.