Il governo cambia passo: "Tamponi a chi ha avvicinato gli infetti"

L'annuncio dell'epidemiologo Walter Ricciardi: "Dovremo adottare una strategia coreana, forse si parte dalla prossima settimana"

Il Coronavirus continua ad avanzare in Italia: a parte le basiche raccomandazioni sulla distanza di sicurezza e sull'igiene da rispettare, ora si sta elaborando una serie di strategie volta a bloccare la catena dei contagi. Per fare chiarezza sulle prossime mosse è intervenuto Walter Ricciardi: il consulente speciale del Ministero della Salute ha fatto sapere che si stanno valutando tutti gli strumenti - tecnologici ed epidemiologici - per migliorare ulteriormente il tracciamento, che risulta essere la strada migliore "che porterà a un contenimento più efficace dei contagi". Dalla Corea, che ha sconfitto il Covid-19 attraverso tamponi mirati e l'incrocio dei dati delle celle telefoniche, sono arrivati molti insegnamenti.

Dunque ora è giunto il momento di adottare un modello coreano: "Si faranno ancora più tamponi, ma al momento non è pensabile, e non è utile, eseguire tamponi di massa. Ne abbiamo fatti già oltre 200mila". Anche perché questo tipo di piano è mirato ai contatti stretti dei pazienti positivi: "È qui che anche noi dobbiamo insistere. Peraltro, i cosiddetti test veloci che sono stati proposti da qualcuno, finora hanno dato anche dei falsi negativi". E si sta lavorando "per essere pronti all’inizio della prossima settimana". Va ricordato che la ricerca dei casi positivi "va attivata su tutti i soggetti entrati in contatto con persone malate nei giorni precedenti alla diagnosi". Pertanto ci sarà "un cambiamento di strategia, anzi una evoluzione".

"Dobbiamo bloccare l'epidemia"

Nell'intervista rilasciata a La Nazione, l'epidemiologo dell’Università Cattolica di Roma ha specificato che alle Regioni è affidato il compito di andare alla ricerca del cosiddetto portatore sano: "Sono azioni sanitarie da compiere a livello locale". Mentre lo Stato può "coordinare, indirizzare, controllare, ma senza sostituirsi". Ma la commissione tecnico scientifica del dicastero non ha gli strumenti per indicare chi deve fare cosa? "Sono strumenti programmatori, non operativi, quelli che possiamo mettere in atto, a meno che non subentrino ordinanze o decreti della Presidenza del Consiglio", ha spiegato.

Ricciardi ha sicuramente preso coscienza del fatto che negli ambulatori scarseggiano le protezioni e i test, ma ha voluto rassicurare: "Avremo presto 300 medici nella task force della protezione civile. Sono solo i primi provvedimenti, ne seguiranno altri". Probabilmente il cambio di rotta andava fatto prima, ma i problemi da affrontare sono davvero complicati e infiniti: "Certo, ora che abbiamo visto i risultati elaboriamo un modello italiano basato sull’esperienza di Seul, nel rispetto dei diritti civili che riguardano l’accesso ai dati personali. L'esigenza resta quella di bloccare l’epidemia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

APPARENZINGANNA

Dom, 22/03/2020 - 10:28

Il governo vive alla giornata, senza una strategia precisa e tempestiva. Prima hanno detto di essere ottimisti. Poi, in ritardo, hanno annunciato un decreto giorni prima che entrasse in vigore, consentendo agli infetti di scappare in giro per l’Italia. Tutti i provvedimenti restrittivi ed economici sono stati adottati dal governo in ritardo e annunciati ben prima di adottarli. Chiedono unità e solidarietà con le istituzioni solo quando a loro fa comodo. Gli annunci, come quello di ieri sera, sono pieni di retorica, confusi e generano disorientamento. Evidentemente abbiamo votato in modo da meritarci questi governanti.

cecco61

Dom, 22/03/2020 - 10:38

Ma se non vengono fatti i tamponi neppure ai conviventi dei positivi accertati? E malgrado la persistente presenza dei sintomi vengono autorizzati ad uscire di casa dopo i canonici 14 giorni. E' inutile chiudere tutti in casa se poi centinaia o migliaia di positivi, asintomatici o meno, possono andare a fare la spesa, salire sui mezzi pubblici, ecc. ecc.

killkoms

Dom, 22/03/2020 - 11:07

siccome i (quasi) 3/4 delle vittime sono in lombardia,la soluzione sono i tamponi alla maggior parte delle persone residenti nelle aree colpite!ma il guaio è che dopo averlo effettuato a defunti ultra-ottantenni,non lo fanno ai congiunti o a gente a casa con la febbre!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 22/03/2020 - 11:08

Mi pare doveroso. Come al solito andava fatto da subito.

claudioarmc

Dom, 22/03/2020 - 11:13

Sembra Beautiful e chissà se alla millesima puntata questi idioti del governo faranno la cosa giusta, sempre ovviamente a reti unificate

audionova

Dom, 22/03/2020 - 11:35

tutti medici e statisti qua,complimenti.

sbrigati

Dom, 22/03/2020 - 12:11

Non c'è bisogno di essere personalmente "medici e statisti", ma ascoltando i veri ESPERTI si può facilmente capire come l'emergenza è stata gestita da incompetenti.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Dom, 22/03/2020 - 12:11

APPARENZINGANNA 10:28 "il governo vive alla giornata". Ma lei pensa veramente che la Lega farebbe meglio? Ricordiamo che Fontana ancora il 25 febbraio diceva "il coronavirus è poco più di una normale influenza". Rircordiamo che ul 28 febbraio Salvini era in Trentino a reclamizzare il turismo. Ricordiamo che Zaia ancora il 7 di Marzo era contro lale zone rosse. Ricordiamo che la Lega dell'Umbria ha organizzato il 9 Marzo a Terni una festa per l'elezione della on. Alessandrini. Ricordiamo Sgarbi chie diceva che era tutta una bufala.

ROUTE66

Dom, 22/03/2020 - 12:11

VE LO RICORDATE QUANDO IL VIRUS IMPERVERSAVA IN CINA E DELLE RICERCATRICI ITALIANE ERANO RIUSCITE PER PRIME AD ISOLARE IL VIRUS. LORO MOLTO BRAVE,MA POSSIBILE CHE IL RESTO DEGLI ESPERTI NON ABBIANO CAPITO CHE COSA AVEVANO PER LE MANI. ORA A DISTANZA DI SOLI 2 MESI SI CONTANO I MORTI, INERZIA O PEGGIO INVIDIA ECCO A DOVE CI HANNO PORTATO.

killkoms

Dom, 22/03/2020 - 12:24

@conteraffaello,tutti lo hanno preso sottogamba (anche per le reticenze cinesi),ma mentre la lega chiedeva la quarantena per chi rientrava dalla cina,gli altri inorridivano dicendo che bisognava, incontrarli, abbracciarli,li andava a trovare a scuola,ecc.!

agosvac

Dom, 22/03/2020 - 12:26

Punto primo: come si può capire se chi si avvicina sia un infetto? Punto secondo: ma se i tamponi non ci sono come si fa a farli??? Non esistono neanche mascherine "regolari" e " certificate" tranne quelle fai da te a casa!!!!!

schivalenza

Dom, 22/03/2020 - 12:36

E allora, il modello Italia?

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Dom, 22/03/2020 - 13:47

killkoms 12:24 guardi che non e' andata cosi'...Conte ha chiuso tutti i voli con la Cina il 31 gennaio, primo al mondo a farlo, e in ogni caso il contagio e' arrivato dalla Germania in Lombardia, per cui sarebbe stato del tutto inutile prendere di mira gli italo-cinesi come chiedeva la Lega Toscana (di questo parliamo). Infatti in Toscana non ci sono focoali di contagio come in Lombardia.

schivalenza

Dom, 22/03/2020 - 14:11

ConteRaffaelloM..., ricordiamo Conte, Zingaretti, Sala ecc.. O no?