Coronavirus, il medico dello Spallanzani: "Paziente italiano in buone condizioni, turisti cinesi stabili"

Dalla struttura specializzata in malattie infettive arriva anche il bollettino della coppia di turisti cinesi, risultata positiva al test e ricoverata da qualche giorno: "Condizioni cliniche invariate e stabili, ma ancora in prognosi riservata"

Era tra i 56 cittadini italiani ritornati dalla città cinese di Wuhan, i quali, in questi giorni, stanno passando un periodo di osservazione (e quarantena) alla Cecchignola per tenere monitorato il nuovo coronavirus. Nelle ultime ore, tra loro, dopo alcune verifiche era risultato positivo al contagio il primo italiano, subito ricoverato all'istituto Lazzaro Spallanzani di Roma,specializzato in malattie infettive, dove in questi giorni è sottoposto alle cure dell'équipe che segue il caso.

La divulgazione del bollettino

In queste ore, secondo quanto riportato da Repubblica, il dottor Nicola Petrosillo, avrebbe letto il bollettino medico circa le sue condizioni. "Nella giornata di ieri, è stato trasferito nel nostro istituto dalla struttura dedicata della città militare della Cecchignola, il cittadino italiano di sesso maschile risultato già positivo al test di screening effettuato dal laboratorio militare", ha spiegato il dottore. Che ha poi aggiunto: "Il risultato è stato confermato dal laboratorio di virologia del nostro istituto e, successivamente, dall'istituto Superiore di Sanità, come previsto dalle attuali procedure".

"Il paziente è in buone condizioni"

Secondo quanto riferito da Petrosillo, in occasione di un incontro con la stampa, il paziente sarebbe in "buone condizioni generali": "Presenta lieve febbricola e lieve iperemia congiuntivale. Il quadro clinico e quello radiologico polmonare sono negativi". In base a quanto dichiarato da Petrosillo, l'italiano contagiato dovrebbe avere iniziato una terapia antivirale nelle ultime ore. Il medico dell'istituto Spallanzani ha riferito anche dello stato di salute dei due turisti cinesi in Italia, che sono stati ricoverati nella struttura sanitaria romana dopo essere risultati positivi al coronavirus.

Le condizioni dei turisti cinesi

"I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, positivi al test del nuovo coronavirus, sono tuttora in terapia intensiva nel nostro istituto", ha chiarito Petrosillo. Che ha poi continuato: "Le loro condizioni cliniche sono ancora invariate, con parametri emodinamici stabili. Sono, attualmente, in trattamento antivirale, con il farmaco Remdesivir. La prognosi è, tuttora, riservata". Su 44 pazienti, passati per l'accettazione dell'istituto specializzato in malattie infettive Spallanzani, in totale, le persone ricoverate e confermate risultate positive al virus cinese sarebbero, finora, tre. Intanto, continua la quarantena per i 20 che sono stati contatti dai due coniugi cinesi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

trasparente

Sab, 08/02/2020 - 20:24

Basta terrorismo con questo virus, le case farmaceutiche in questo momento si stanno arricchendo spudoratamente.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Dom, 09/02/2020 - 00:10

Mi sa che è tutto un BLUFF per VENDERE...