Così il coronavirus ha riacceso le tensioni tra Italia e Francia al confine

Un percorso di quaranta chilometri, a cavallo tra l'Italia e la Francia, in provincia di Imperia ha scatenato un caso diplomatico a livello istituzionale, che sui social si è trasformato in uno scambio di accuse e veleni incrociati

Quaranta chilometri è la distanza che separa il confine italo francese di Fanghetto, sulla statale 20 della val Roya, nell'entroterra di Ventimiglia, in provincia di Imperia e Mentone, la rinomata località turistica e balneare della Costa azzurra. Un percorso che ha scatenato un caso diplomatico, riaccendendo vecchie tensioni tra l'Italia e la Francia.

Il motivo è molto semplice: da quando è scattata l'emergenza sanitaria da Coronavirus il transito alla frontiera (in entrata e uscita dall'Italia) può avvenire soltanto tramite autocertificazione. Quello di Fanghetto, tuttavia, rappresenta un caso unico (o quasi) nel nostro Paese.

Chi abita nell'alta val Roya francese, infatti, sulla statale che porta alle stazioni sciistiche di Limone Piemonte, deve attraversare una parte d'Italia per raggiungere la costa ligure di Ponente e da lì rientrare in Francia, a Mentone, la prima località dopo il confine di Ponte San Ludovico, sull'Aurelia, a Ventimiglia. Esiste anche un percorso alternativo, che passa dall'interno, ma è più lungo e tortuoso. Ultimamente molti francesi che tentano di attraversare il valico di Fanghetto vengono respinti dalle autorità italiane.

Nessuno, a dir il vero, può assicurare che questi vogliano davvero recarsi a Mentone, visto che in passato molti francesi si sono inventati di tutto, pur di entrare in Italia per comprare sigarette o generi alimentari, sicuramente più a buon mercato. Il sindaco di Mentone Jean Claude Guibal, stufo di questa situazione, ha scritto al Prefetto delle Alpi Marittime, chiedendo di contattare il collaterale organo italiano per trovare una soluzione.

"Questa decisione - afferma Guibal - penalizza gli abitanti della vallata, che devono recarsi sulla costa per esercitare la loro attività professionale, tra questi anche molti infermieri". Le tensioni più che altro trovano campo di battaglia sui social, con molti frontalieri italiani, che fanno notare di essere stati loro stessi vittime di comportamenti discriminatori, ad esempio essendo stati respinti alla frontiera perché sprovvisti dell'ultimo modello di autocertificazione o per essere stati multati, in quanto avevano violato il coprifuoco (dalle 22 alle 5) per tornare in Italia dal Principato di Monaco. Insomma uno scambio di accuse reciproche, che ancora una volta crea divisione alla frontiera.

"Tutto il mondo è paese - fa notare Elena S., sulla pagina Facebook del Comune di Mentone - anche i frontalieri italiani all’inizio della chiusura della frontiera francese sono stati trattati in egual modo. Addirittura è stato vietato l’attracco di una nave italiana a Marsiglia per far scendere più di quattrocento passeggeri francesi e noi ci insultiamo a vicenda". C'è, poi, Fredo che minimizza il tutto con un "Vive l'Europe" (Evviva l'Europa). Poche parole che la dicono molto lunga.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Dom, 19/04/2020 - 12:26

...e vogliono parlare di unione europea... buffoni.

gjallahorn

Dom, 19/04/2020 - 12:48

adesso Conte dovrà farsi carico anche del problema degli "spalloni" e dei trafficanti transfrontalieri.

agosvac

Dom, 19/04/2020 - 12:52

E questa è l'Unione Europea??? A me sembra una guerra tra bambini a tipo indiani e cow boys.

ricciardi_massi...

Dom, 19/04/2020 - 13:16

E ci vorremmo mettere in competizione con USA Russia e Cina. L.unione europea è lo zimbello del mondo

machimo

Dom, 19/04/2020 - 13:18

Che bella unione europea...che bello avere amici come la francia e la germania...uscITA e basta

cir

Dom, 19/04/2020 - 13:30

gli italiani devono ubbidire ai FRANCESI, e' una legge di natura ...

Ritratto di computerinside

computerinside

Dom, 19/04/2020 - 13:42

Grazie Machimo per avere scritto " uscita" e non ,"italexit!". Detto da uno che parla 4 lingue ed ha uno pseudonimo in inglese...ma il troppo è troppo . Exit, lock down ,task force...ecc. ma che cavolo!

frabelli1

Dom, 19/04/2020 - 14:02

I francesi i confini non li hanno mai abbandonati. Anche quattro anni fa, tra Claviere e MontGenévre i poliziotti francesi controllavano il loro confine.

Bohort

Dom, 19/04/2020 - 14:17

Ma scusate che cosa centra l'Unione Europea/Bruxelles/l'Europa? I confini nazionali sono gestiti dai Govenri nazionali, vedi a suo tempo Salvini. Sono i Carabinieri che non vogliono fare entrare i francesi o sbaglio. La Francia lascia entrare gl'italiani che vanno a lavorare in Francia e principalmente nel Principato di Monaco no? Oppure vorreste che sia la Commissione a gestire i confini interni un po' come in Italia quelli tra le Regioni ed allora i "trasferimenti" per andare al mare o dalla famiglia come li si deve giudicare/gestire? Esterofobismo italiano contro Francia, Germania, Paesi Bassi ma non verso la democratica Russia ed i solidari USA che pensano solo alla loro economia et interessi, Italia stia allineata e vassalla.

cir

Dom, 19/04/2020 - 14:33

Bohort Dom, 19/04/2020 - 14:17 ; Sante parole!!

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Dom, 19/04/2020 - 14:58

MA QUALE UNIONE EUROPEA, QUESTA E' L'UNIONE DI CHI SI FA DI PIÙ' I CAVOLI PROPRI A SPESE DEGLI ALTRI MEMBRI

Ritratto di pulicit

pulicit

Dom, 19/04/2020 - 15:10

Mandiamoli un pò di clandestini ai francesi.Regards

epc

Dom, 19/04/2020 - 15:15

Guardando semplicemente Google Maps si vede chiaramente che ci sono altre strade per Mentone, anche piu' dirette, e tutte in territorio francese. Se sono tortuose e dissestate, I Franzosi se le facciano sistemare e non rompano le scatole. Bene fanno i carabinieri a fermarli e multarli se non sono in regola.

epc

Dom, 19/04/2020 - 15:15

Guardando semplicemente Google Maps si vede chiaramente che ci sono altre strade per Mentone, anche piu' dirette, e tutte in territorio francese. Se sono tortuose e dissestate, I Franzosi se le facciano sistemare e non rompano le scatole. Bene fanno i carabinieri a fermarli e multarli se non sono in regola...

moichiodi

Dom, 19/04/2020 - 17:12

Per la serie Al lupo! Al lupo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 19/04/2020 - 17:19

Classico esempio che l'Europa non è mai esistita. Tutti sono ingordi, altro che solidali.