Coronavirus, terzo morto in Lombardia: è una donna di Crema

Terzo decesso in Lombardia per coronavirus. Si tratta di una donna anziana ricoverata presso il reparto oncologico dell'ospedale di Crema

Coronavirus, terzo morto in Lombardia: è una donna di Crema

"Abbiamo un altro decesso a Cremona. Una persona che aveva quadro clinico complesso". Lo ha confermato l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso della conferenza stampa convocata questo pomeriggio a Palazzo Lombardia per fare il punto sui casi di coronavirus e per presentare le azioni di contrasto al contagio contenute nell'ordinanza regionale.

Salgono a 2 i casi di decesso nella Regione Lombardia dove, già nella mattinata di sabato 22 febbraio, una pensionata di 77 anni, residente a Casalpusterlengo, nella "zona rossa" del lodigiano, è morta in seguito a complicanze respiratorie insorte presumibilmente dopo aver contratto il Covid-19. La vittima di quest'oggi, invece, era ricoverata in oncologia presso l'ospedale di Crema "con una situazione clinica già molto compromessa", fa sapere Giulio Gallera.

A fronte delle ultime stime, sono 3 i morti in Italia per coronavirus. Il primo decesso è stato registrato a Vo'Euganeo, nel padovano, nella serata di venerdì, dove è deceduto un pensionato di 78 anni che era ricoverato presso l'ospedale di Schiovonia con patologie pregresse. Saranno infatti gli esami autoptici, in programma per i prossimi giorni, a stabilire le cause della morte e a chiarire in che misura sia stata determinante la contrazione del nuovo virus.

Intanto, in Lombardia, si registra il numero più elevato di contagi: almeno 112 quelli finora accertati. "Abbiamo fatto più tamponi possibili, oltre 880. - conferma l'assessore al Welfare lombardo - 112 sono i casi positivi, con una media del 12%. Dei 53 ricoverati in ospedale, 17 sono in terapia intensiva".

Un vero e proprio bollettino di guerra. A confermare il trend negativo, con picchi sempre più elevati nelle città-focolaio e ad esse limitrofe, è anche il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli che riferisce di 152 contagiati su tutto il territorio nazionale, dei quali 3 deceduti tra Veneto e Lombardia. Quanto alla distribuzione territoriale dei positivi, invece, in Lombardia sono 110, in Veneto 21, in Emilia Romagna 9, nel Lazio 2. I ricoverati con sintomi sono 55, 25 sono le persone in terapia intensiva, 19 quelle in sorveglianza domiciliare e 26 in verifica.

Una famiglia lombarda è risultata positiva al coronavirus mentre era in vacanza in Trentino e in queste ore è già stato predisposto il loro trasferimento in Lombardia. Lo rende noto il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti."Tre turisti lombardi provenienti dai comuni interessati dal coronavirus in Lombardia sono stati riscontrati positivi sul territorio Trentino. Questo è avvenuto oggi e la notizia l'abbiamo avuta alle 14. Abbiamo subito preso i contatti con il presidente della Regione Attilio Fontana, che ringrazio, e l'Azienda sanitaria lombarda - spiega Fugatti in un video diffuso sul suo profilo Facebook -. In questi momenti abbiamo organizzato il trasferimento della famiglia presso una struttura lombarda. Quindi nessun trentino è stato contagiato".

Un dermatologo dell'ospedale Policlinico, l'ospedale maggiore del capoluogo lombardo, con 900 posti letto in 35 padiglioni, tutti nel pieno centro della città, è risultato positivo al test per il Covid-19 ed è ricoverato all'ospedale Sacco di Milano. Quattro medici specializzandi del reparto hanno e hanno avuto nei giorni scorsi sintomi compatibili con il Coronavirus, in particolare febbre e tosse, ma nessuno è ancora stato sottoposto al tampone che può confermare il contagio. Uno degli specializzandi è stato male lo scorso fine settimana e, guarito, era già rientrato al lavoro. La direzione sanitaria dell'ospedale sta al momento valutando la chiusura in via precauzionale del reparto di dermatologia e tentando di ricostruire i contatti del medico. Nel frattempo tutti i colleghi venuti a contatto con il dermatologo sono stati invitati ad astenersi dal lavoro. Domani pomeriggio è prevista una riunione dei capi di dipartimento, per valutare le misure da adottare anche sulla base dell'ordinanza regionale e per coordinare le attività con l'Università Statale di Milano, dal momento che il Policlinico è il principale ospedale universitario della città e ha circa 300 medici specializzandi impiegati. Regione Lombardia oggi ha sospeso tutti i corsi per le professioni sanitarie, ma ad esclusione di specializzandi e tirocinanti.

Quanto al bilancio mondiale del coronavirus, la stima si attesta attorno a quota 2.461 vittim. Stando ai dati pubblicati dalla mappa online della statunitense Johns Hopkins University, i casi di contagio confermati all giornata di domenica 23 febbraio sono 78.766, tra cui 76 italiani. Sono invece 23.313 le persone negativizzate, quindi presumibilmente guarite, in tutto il mondo.

Commenti