Cosenza, scoppia rissa durante un battesimo

A Cariati quello che doveva essere un giorno di festa è finito nel sangue, un animatore è stato trasportato in ospedale in gravi condizioni

Una festa di battesimo con epilogo drammatico quella avvenuta a Cariati, in provincia di Cosenza. Il fatto è accaduto nel corso di un ricevimento in occasione del battesimo di un bambino. La giornata, che avrebbe dovuto essere all'insegna della festa e della spensieratezza, è stata interrotta da un'improvvisa rissa. Coinvolto anche un animatore, che è stato trasportato in ospedale: le sue condizioni risultano essere gravi.

Da quanto leggiamo dalla testata La Gazzetta del Sud, nel corso del tipico momento musicale caratterizzante ricevimenti di questo genere, uno degli animatori avrebbe iniziato ad intonare una canzone napoletana. Sembra, da quel poco che è stato ricostruito, che la melodia partenopea abbia generato le reazioni violente di un commensale di 32 anni. Ancora non si conosce il motivo dell'ira scatenata dall'invitato, ma si parla di una delusione, in quanto il brano in questione avrebbe voluto cantarlo lui al posto dell'animatore di servizio. Un'altra ipotesi è che la canzone partenopea sia stata erroneamente interpretata come un apprezzamento (non gradito) nei confronti della moglie dell'uomo.

Quel che è certo è che la discussione sarebbe gradualmente generata fino a che il commensale, irritato, avrebbe afferrato una lama, si parla di un coltello lungo 16 centimetri, ferendo lo sventurato che aveva deciso di intonare quel brano. L'animatore è stato portato inizialmente presso un centro di primo soccorso, ma data la gravità delle sue condizioni, è stato in seguito trasferito in elisoccorso presso l'ospedale di Cosenza dove si trova al momento ricoverato in prognosi riservata. Il 32enne si è in seguito allontanato dal luogo di del ricevimento assieme ad altre due persone, in seguito denunciate. Il responsabile del ferimento è stato infine fermato dai carabinieri ed accusato di tentato omicidio. Le indagini proseguono.