Dall'estorsione ai conti correnti congelati: lo scandalo Vaticano si allarga

Ieri sera l'arresto del broker Torzi, oggi la notizia sul congelamento di conti correnti svizzeri: Il Vaticano chiamato ad affrontare un'altra Vatileaks

Lo scandalo del palazzo di Londra si allarga. Ieri sera è stato arrestato Gianluigi Torzi, broker molisano, che è accusato d'estorsione e di altre fattispecie. Quello che sta emergendo in queste ore, però, racconta pure di conti correnti congelati dai giudici svizzeri su richiesta di quelli del Vaticano. La storia che rischia di sconvolgere ancora i sacri palazzi assomiglia molto ad una Vatileaks 3. Ma i singoli ruoli interpretati dai protagonisti della vicenda non sono ancora stati del tutto chiariti. E poi c'è la narrativa: da una parte la volontà di Papa Francesco di far sì che la trasparenza divenga una regola principe del Vaticano; dall'altra le prossimità della "Chiesa in uscita" con un mondo frequentato da broker e finanzieri che possono non muoversi in un contesto troppo caritatevole. Questo pontificato era iniziato col domandarsi se il Vaticano avesse davvero bisogno di una "banca". I risvolti di questi giorni narrano di un ambiente dove l'economia sembra contare parecchio. Ma procediamo per gradi.

L'arresto di Torzi

Il Vaticano non riesce ad acquisire del tutto il palazzo di lusso sito a Londra, che forse pensava di aver comprato del tutto. La Santa Sede non ha la piena disponibilità dell'immobile perché in auge c'è ancora una partecipazione del fondo Athena, che fa riferimento a Raffaele Mincione. La volontà, che pare fosse dell'uomo che aveva sostituto il cardinale Angelo Becciu in qualità di sostituto della segreteria di Stato, ossia di monsignor Pena Parra, era quella di liberare il palazzo dalle quote che non fossero direttamente della Santa Sede. E dunque nasce l'esigenza di quella che in gergo si chiama "intermediazione". A questo punto, spunta la figura di Gianluigi Torzi, che qualcuno avrà pur presentato agli organi deputati a dare l'ok all'operazione. Il resto è cronache di queste ore, con la presunta truffa e la presunta estorsione che sarebbero state messe in atto nei confronti della Segreteria di Stato. Viene riportata anche una cifra, 15 milioni di euro, che Torzi avrebbe strappato in seguito ad una trattativa avviata con alcune alte cariche. Le ricostruzioni di queste ore sono dettagliate. Su La Stampa, per esempio, si legge di come Torzi sarebbe riuscito nell'intento di evitare che il Vaticano riuscisse ad ottenere la proprietà assoluta dell'immobile. Da qui, il principio di un pendio scivoloso che si sarebbe declinato mediante riunioni tra Torzi, funzionari ed alte sfere ecclesiastiche. Summit che avrebbero dovuto consentire alla Santa Sede di poter finalmente disporre del lussuoso palazzo, in cambio di una cifra. Vengono fatti i nomi dei presenti a questi consessi: il sostituto Parra, appunto; il rettore della Marconi Renato Giovannini; Giuseppe Maria Milanese, vertice di una cooperativa sanitaria che è considerato vicino a Papa Francesco; un avvocato della Ernst & Young. Tutto, insomma, sarebbe stato finalizzato ad uscire dal vicolo cieco. Ma qualcosa non va come immaginato. E Torzi, questo è il succo della versione per cui c'è stata l'evoluzione di queste ore, avrebbe cercato di ottenere di più. Tanto che un monsignore di rilievo come Perlasca ed un funzionario come Tirabassi avrebbero addirittura proposto di passare dal Fondo discrezionale del pontefice. Ipotesi cassata da monsignor Mauro Carlino, uno di quelli che risultano sospesi tra i membri della Segreteria di Stato. Una storia complessa, come si vede, che con ogni probabilità presenterà ulteriori sviluppi.

Ernst & Young ha precisato - come riportato pure dall'Adnkronos - che l'avvocato Manuele Intendente ha agito a titolo personale. Lo stesso avvocato appena citato non fa più parte di Ernst & Young.

I conti correnti congelati

Ma la questione che riguarda la presunta estorsione di Torzi non è l'unica a tenere banco in queste ore. Stando a quanto si legge su Il Corriere della Sera, alcuni conti correnti svizzeri sarebbero stati sottoposti a sequestro dopo un'indicazione arrivata diretamente dalla magistratura della Santa Sede. Anche in questa circostanza vengono riportati dei nomi: il primo è quello di Raffaele Mincione, che è indagato. Il secondo è quello di Fabrizio Tirabassi, che avrebbe partecipato anche ai summit cui era presente Torzi. Poi viene fatto quello di Perlasca, un consacrato il cui nome viene spesso fatto in relazione a questa vicenda. E ancora Enrico Crasso, che è il vertice di un fondo maltese denominato Centurion. Infine, si fa il nome di Torzi. Queste sarebbero le persone interessate dal congelamento dei conti correnti della Credit Suisse, che ha tuttavia sottolineato al Corriere di non essere soggetta ad alcuna indagine, ma di collaborare "con le autorità nel rispetto delle normative vigenti". Vale la pena rimarcare come Tirabassi e Perlasca siano a loro volta indagati. Esisteva una filiera? La risposta, positiva o negativa che sia, necessita di tempo. Ieri, nel comunicato della Santa Sede, è stato specificato che le "vicende collegate alla compravendita" hanno "coinvolto una rete di società in cui erano presenti alcuni Funzionari della Segreteria di Stato". Torzi, nel caso il quadro dell'accusa trovasse conferma, avrebbe agito in solitaria o con l'avvallo di qualcuno?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 06/06/2020 - 16:40

adesso vediamo se il vaticano saprà uscirne pulita :-) perchè un attacco alla chiesa non è affatto normale, specie da parte della sinistra , anche se il Papa è palesemente di sinistra....

Popi46

Sab, 06/06/2020 - 16:45

Uffa,che titoloni su tutto!!! Dato che i preti in primis sono uomini e solo dopo,forse, santi, si comportano da tali e una società di base fradicia e senza più valori morali come quella in cui viviamo può esprimere solo soggetti che le assomigliano, al pari di quanto sta succedendo in politica, in magistratura,nelle amministrazioni statali, ecc,ecc

inventocolori

Sab, 06/06/2020 - 16:48

la chiesa cattolica apostolica romana....LA PIU' GRANDE INDUSTRIA DEL MONDO FONDATA SU UN'IDEA!!!!

PassatorCorteseFVG

Sab, 06/06/2020 - 17:02

gesu insegnava la importanza del regno dei cieli. forse qualcuno in vaticano se ne è dimenticato? alla fine prima di dire ad altri cosa è giusto e cosa no, siano coerenti con se stessi. ciao a tutti.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 06/06/2020 - 17:06

inventocolori 16:48....già,la prima "società di capitali" fondata sulla Terra!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 06/06/2020 - 17:07

certo che per un capo di stato che predica la poverta' assoluta....penso che in duemila anni di pontificati,questo sia davvero il peggio

Ritratto di Smax

Smax

Sab, 06/06/2020 - 17:10

Come facciamo a dare l’8 per mille a questi? Diventi una destinazione di scopo per scuola e sanità.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Sab, 06/06/2020 - 17:15

Siamo costellati da organizzazioni con gli stessi intenti di costoro, e ci battibecchiamo tra noi, come i polli di Renzo?

krgferr

Sab, 06/06/2020 - 17:20

Si rafforzano sempre di più le ragioni per il versamento dell'8 per mille al Vaticano. Saluti. Piero

detto-fra-noi

Sab, 06/06/2020 - 17:21

Il vaticano è un potere politico che si rafforza sfruttand la superstizione e la dabbenaggine dei fedeli. I quali però sono felici così. Amen.

Antibuonisti

Sab, 06/06/2020 - 17:23

E' da una vita che la chiesa cattolica parla bene e razzola male , il culmine si e' palesato adesso con il papa argentino

Boxster65

Sab, 06/06/2020 - 17:32

Continuate a fare l'8 per mille alla chiesa cattolica, bravi, bravi!!

savonarola.it

Sab, 06/06/2020 - 17:33

Nonostante questo la gente continuerà ad elargire l'8 per mille a questi signori. Così come continuerà a fare offerte per il sostentamento del clero.

trasparente

Sab, 06/06/2020 - 17:45

Penso che il Vaticano sia lo Stato più ricco del pianeta e chi ha donato sono i poveri "credenti"...talvolta manipolati ad hoc.

Scirocco

Sab, 06/06/2020 - 17:48

Ecco cosa fanno con l'8 per mille!