Delitto Novi Ligure, Erika De Nardo si è sposata

Erika De Nardo, la ragazza che nel 2001 uccise a coltellate la madre e il fratellino di 11 anni, si è sposata. L'annuncio è stato dato da Don Mazzi

"Erika De Nardo si è sposata". A darne annuncio è Don Antonio Mazzi, il sacerdote che nel 2011, all'indomani della scarcerazione della ragazza, accusata di duplice omicidio, l'accolse nella sua comunità di recupero per detenuti "Exodus" di Lonato (Brescia).

Una notizia destinata a suscitare non poche polemiche quella delle nozze di Erika, i cui trascorsi sono ben noti alla cronaca giudiziaria e al pubblico. Il 21 febbraio del 2001, la ragazza - all'epoca un'adolescente di 16 anni – uccise con ben 40 coltellate la madre Susy Cassini (41) e il fratellino di 11 anni, Gianluca De Nardo (trafitto al corpo con un coltello da cucina per 57 volte dopo un precedente tentativo di annegamento e uno di avvelenamento con topicida), nella casa familiare in via Don Beniamino Dacatra 12, nel quartiere Lodolino di Novi Ligure. La sedicenne, dichiarata colpevole e condannata a 16 anni di reclusione in via definitiva della Cassazione il 9 aprile 2003, agì con la complicità di Mauro Favaro – soprannominato "Omar" per via dei suoi tratti balcanici – il suo fidanzatino dell'epoca condannato a 14 anni di carcere. Il 5 dicembre 2011, a seguito dei benefici dell'indulto, la giovane venne scarcerata e accolta presso la comunità del presbitero veronese dove ha seguito un intenso percorso di recupero. Ora è una persona libera.

Sono passati 18 anni da quella drammatica circostanza ed Erika De Nardo, ad oggi 35enne, sembra ormai completamente redenta. "Erika ha una nuova vita, si è sposata – ha dichiarato Don Mazzi in una intervista al settimanale Oggi Ha maturato la giusta consapevolezza sulla tragedia, quella che permette di continuare a vivere. Il padre è stato molto importante in questo percorso". Fondamentale nel cammino di rinascita della ragazza è stato il padre Francesco De Nardo che, nonostante il devastante dolore in seno alla tragedia familiare, non ha mai abbandonato la figlia concedendole il perdono e schermandola da eventuali attacchi mediatici. Se, infatti, l'uomo ha saputo gettarsi il passato alle spalle con encomiabile discrezione, lo stesso non si dica per "il tribunale popolare" che - comprensibilmente o meno – non ha mai dimenticato l'efferatezza del "Delitto di Novi Ligure".

Nel 2009, quando la ragazza dichiarò di aver conseguito la laurea in Lettere e Filosofia, divampò una polemica senza precedenti alimentata successivamente dalle dichiarazioni della giovane che, qualche anno più tardi, lamentava di non riuscire a trovare una occupazione per via dei suoi trascorsi penali. Anche in quella circostanza, fu Don Mazzi a tenderle una mano offrendole un impiego come educatrice presso una scuola del Madgascar. E ora, a distanza di anni, cosa accadrà? Nell'attesa che il pubblico si esprima – perché sarà inevitabile – Erika De Nardo continua dritto per la sua strada, una strada nuova.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Civis

Civis

Sab, 30/11/2019 - 13:46

Auguri al marito.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 30/11/2019 - 14:16

..."Ha maturato la giusta consapevolezza sulla tragedia, quella che permette di continuare a vivere"(con la madre ed il fratellino,barbaramente massacrati...)Mah!....

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Sab, 30/11/2019 - 14:24

Don Mazzi non perde mai occasione per comportarsi da buffone qual è. Questa tipa merita semplicemente l'oblio, nessuna celebrazione nel bene o nel male, che porta solo a darle popolarità mediatica immeritata. Don Mazzi è bravo a usare la sua comunità diseducativa per auto affibbiarsi dei trofei, con personaggi usciti da lì peggio di come sono entrati, come ad esempio Fabrizio Corona.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Sab, 30/11/2019 - 14:27

Condoglianze alla vedova

L'oggettivo

Sab, 30/11/2019 - 14:30

A quando il matrimonio del fratellino? Ah....già... NON SI SPOSERA'MAI

Demetrio.Reale

Sab, 30/11/2019 - 14:34

a questo punto aboliamo il carcere come chiedono i radicali e mandiamoli direttamente da don mazzi (che è "don" tanto quanto biancalani e simili)

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 30/11/2019 - 14:34

Anche se ha pagato il suo debito con la giustizia,ma solo quello,io mai e poi mai sposerei una che si è macchiata di un delitto così orrendo ed efferato. Doveva avere l'ergastolo.

paolo1944

Sab, 30/11/2019 - 15:07

Invece di spararsi (raggiunta consapevolezza...) si sposa. Poveraccio il marito, come farà a dormire sereno...

antonmessina

Sab, 30/11/2019 - 15:08

io non dormirei tranquillo

venco

Sab, 30/11/2019 - 15:34

Sarà un matrimonio felice dopo aver ucciso mamma e fratello?

Sadalmelik758

Sab, 30/11/2019 - 16:24

Una così non la vorrei nemmeno come vicina di casa.

Una-mattina-mi-...

Sab, 30/11/2019 - 16:40

IN PRATICA LA PENA E' CONSISTITA NEL FARSI GLI AFFARI SUOI, MANTENUTA E RIVERITA

Seawolf1

Sab, 30/11/2019 - 16:48

Sai che bella famigliola....

necken

Sab, 30/11/2019 - 17:31

la carità cristiana è redimere non punire per sempre è questo il senso della vita che Don Mazzi ha voluto esprimere a me cosi sembra...

parmenide

Sab, 30/11/2019 - 17:42

fu Don Mazzi a tenderle una mano offrendole un impiego come educatrice presso una scuola del Madgascar. Questo don mazzi pagliaccio di corti televisive la fa diventare " educatrice " nel paese lei lemuri sei quali la psicopatica dovrebbe interesaarsi evitando il contatto con gli umani. Al tretuncoli si aggiunge il pade e a questo chi ha avuto deliri matrimonaiali con una persona borderline che potrebbe avere una coazione a ripetere. Ottima trimurti da gettare in un cassonetto

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 30/11/2019 - 17:58

grazie della censura...era solo un augurio

STREGHETTA

Sab, 30/11/2019 - 18:24

" Il palcoscenico ai delinquenti " - Adesso aspettiamo solo che vada in televisione da Fazio o in programmi simili, o che venga scritturata come eroina di un film, o che scriva un libro che va a ruba ( tipo " Come accoltellare i parenti e poi rinascere " ). Si, aspettiamo fiduciosi. Magari la corteggiano anche per qualche reality. Perchè in Italia, paese da operetta scadente e senza più morale alcuna, attenta solo al soldo e ai followers su Internet, in Italia solo i delinquenti arrivano dalle cronache da brivido alla ribalta. Le possibilità sono infinite. Per i delinquenti. Gli altri, i noiosi onesti, zitti e muti a lavorare, chè di loro non frega a nessuno.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 30/11/2019 - 18:27

Difficile se non impossibile parlare di perdono ad una che ha dato 40 coltellate alla madre e 57 coltellate ad un bambino di 11 anni. Ritengo sia molto ma molto meglio aiutare chi si trova in difficoltà ma non ricorre a coltellate alla madre ed al fratellino. Alle volte rimpiango non sia applicata la legge del taglione, molto più dissuasiva di molte altri sistemi correttivi.

Ritratto di zeropa91

zeropa91

Sab, 30/11/2019 - 18:28

Negli USA si sarebbe sposata...con una sedia elettrica.

seccatissimo

Sab, 30/11/2019 - 19:02

Il marito di questa pluriassassina deve essere per forza uno del tutto fuori di testa !

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 30/11/2019 - 19:09

LA MERAVIGLIOSA ED INCREDIBILE GIUSTIZIA ITALIANA, FORTUNA CHE C'E' QUELLA DI DIO E QUELLA DEL KARMA. AUGURI E FIGLI MASCHI, ALLA FACCIA DI CHI HAI ASSASSINATO

simonemoro

Sab, 30/11/2019 - 20:24

non vorrei nemmeno incrociarla per strada, una persona normale non puo continuare a vivere come se niente fosse dopo aver fatto quello che ha fatto. Siamo in Italia, dove la giustizia funziona che è una meraviglia, dopo 10 anni è di nuovo fuori, in un qualsiasi altro paese serio sarebbe stato ERGASTOLO, come giusto che sia.

STREGHETTA

Sab, 30/11/2019 - 22:22

" La sposina macellaia "- Il marito di questa accoltellatrice che ha infierito sui suoi, ovviamente non può che essere una testa simile. Tanto bislacca, questa testa, da non rendersi conto di essere perennemente a rischio se alla graziosa neosposa venissero di botto i nervi e volesse liberarsi dalla tensione con un po' di macelleria catartica. Probabilmente, una volta sfogata, si sente meglio e torna a sorridere. Agli altri va un po' peggio : si distendono anche loro, ma è per sempre..

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Dom, 01/12/2019 - 08:33

Il fatto di essere stato, a suo tempo, colpito dall'efferatezza del duplice omicidio, il fatto di non condividere le idee politiche di Don Mazzi, non mi impedisce di ricordare che: 1) Erika all'epoca era solo una ragazzina problematica, come ce ne sono tante - anche se per fortuna in genere non fanno ciò che fece lei; 2) ora è chiaramente un'altra persona; 3) chi ha umanamente diritto di esprimersi è il padre (un grande padre); 4) la Costituzione considera le finalità riabilitative della Pena; 5) Anche se perfettibile la Carta è stata scritta da persone immensamente più competenti degli attuali odiatori da tastiera.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 01/12/2019 - 09:20

Se la carità cristiana secondo il sig mazzi consiste nell'accettare senza infierire,come mai i preti come lui infieriscono contro Salvini che fino a prova contraria non ha ucciso nessuno.??????????????

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Dom, 01/12/2019 - 09:40

Teoricamente una bella conclusione, in pratica, purtroppo, il messaggio che ne viene è diverso. "Posso fare tutte le fesserie che voglio, tanto poi la sfango anche meglio di tanti fessi che vivono correttamente".

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Dom, 01/12/2019 - 09:53

Corsaro azzurro, gli odiatori da tastiera risiedono solo nella tua visione da saccente moralista di sinistra! Fra i commenti c'è solo sgomento su come sia possibile scannare la propria madre e il proprio fratellino undicenne ed essere trattati da eroi dai benpensanti come voi. Poi c'è la giusta riprovazione nei confronti di un personaggio ambiguo come Mazzi.

roberto.morici

Dom, 01/12/2019 - 10:03

Il messaggio dei "buoni": nessuno tocchi Caino! E chi se ne frega dello sfigato Abele.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Dom, 01/12/2019 - 11:01

@UnoNessunoCentomila, sono liberale, in passato dirigente per anni di Forza Italia e ho votato anche i candidati di AN e Lega, e sono in totale disaccordo con la sinistra moralista: si legga - se ne ha voglia - il mio brevissimo commento al fondo odierno di Sallusti. Sono, però, padre e capisco quanto in questi anni possa essere difficile allevare un figlio il quale, tra tanti messaggi che gli arrivano, può perdersi. Cosa avremmo dovuto fare con Erica: linciarla? Squagliarla nella'acido? O tentare di farne una persona nuova e consentirle di rimediare al tanto male fatto? Credo che la pena interiore che certamente prova, sia la pena più dura di tutte! Concludendo, per me gli odiatori da tastiera sono quelli che attaccano le persone, non quelli che come me, attaccano le idee e gli atteggiamenti che giudicano sbagliati. E, mi consenta, anche se forse votiamo allo stesso modo, le sue idee ed il Suo modo di esprimersi non mi piacciono affatto.

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Dom, 01/12/2019 - 11:20

Corsaro Azzurro, si vedono platealmente i risultati elettorali odierni di Forza Italia, con dirigenti come te, e si capiscono molte cose.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Dom, 01/12/2019 - 11:38

Corsaro azzurro certo che ti " consento" di non approvare le mie idee e il mio d'esprimermi ! Ho sbagliato inquadrandoti fra i sinistri, sicuramente votiamo per lo stesso schieramento,ma io sono di destra, non sono liberale, rimpiango Almirante ed il MSI.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Dom, 01/12/2019 - 13:29

Corsaro, capisco che le mie idee e i miei modi di fare da uomo di destra, non vadano a genio ad un liberale come te, ma almeno non sei di sinistra come ti avevo erroneamente etichettato e votiamo per lo stesso schieramento, quindi contro i traditori e contro le zecche rosse.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Dom, 01/12/2019 - 14:45

@UnoNessunoCentomila, I Rossi hanno pessime idee, i capi comunisti - al pari dei nazisti e di alcuni fascisti (non tutti, ma nemmeno pochi!) - si sono macchiati di crimini orrendi ma non mi piace che i loro seguaci siano chiamati "zecche". Concordo sul fatto che liberali e Missini siano diversi. Sono contento che il confronto tra noi sia rientrato nei binari della civiltà. Preciso che non mi occupo più di politica attiva dal 2000 e, quando esprimevo da capo locale le mie idee, prendevamo cifre paragonabili alla lega di oggi. Io non sono cambiato, l'Italia, invece, purtroppo si è assuefatta al clima da social e da talk-show urlato. Speriamo solo che, quando la maggioranza degli Italiani si accorgerà dei danni di questo clima, non sia troppo tardi. Mi stia bene.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Dom, 01/12/2019 - 15:06

@RindoGo, beato Lei che capisce molte cose!