Diciotti, adesso sbarcano tutti: li prende la Chiesa (a sue spese)

I migranti della Diciotti verranno fatti sbarcare. Venti andranno in Albania. Altri in due altri Stati. Gli altri li prende in carico la Chiesa

Diciotti, adesso sbarcano tutti: li prende la Chiesa (a sue spese)

"Gli immigrati a bordo della Diciotti sbarcheranno nelle prossime ore". Ad annunciarlo è il ministro Matteo Salvini da Pinzolo. Il leghista ai suoi seguaci ha spiegato che venti immigrati andranno in Albania, come già annunciato dal ministro Moavero Milanesi. Altri invece finiranno in due Paesi, uno dei quali è l'Irlanda E i restanti immigrati? Se ne farà carico il Belpaese? No.

Il ministro dell'Interno ha infatti spiegato che altri migranti saranno accolti dalla Chiesa italiana (a sue spese). "Siamo riusciti ad aprire le porte della Chiesa e saranno ospitati a cura della Chiesa italiana. E quindi li ringrazio. Il problema lo abbiamo risolto grazie a un Paese che non è in Europa e alla Chiesa italiana. E questo a costo zero", ha detto il ministro.

Insomma: a conti fatti nessuno deigli stranieri presenti a bordo saranno a carico del Belpaese. O meglio, non è ancora chiaro dove andranno i 13 sbarcati quando la nave era ancora a Lampedusa né i 13 scesi oggi su ordine dell'autorità sanitaria che ha fatto le visite mediche a bordo della nave.

La chiesa italiana, a partire dai vescovi fino alle associazioni cattoliche come la Caritas, si farà carico di un centinaio di migranti della nave Diciotti. "Si tratta di una soluzione concordata con il ministero dell'Interno per sbloccare ujna situazione dolorosa e insostenibile", spiega all'Adnkronos don Ivan Maffeis, responsabile della comunicazione della Cei. Come spiega Maffeis, si è arrivati ad adottare questa soluzione "per mettere fine a una vicenda dolorosa, sotto gli occhi di tutti da troppo tempo e si è preferito considerare una priorità le condizioni di salute dei profughi a bordo della Diciotti".

Gli immigrati, si apprende da fonti del Viminale, saranno portati in un centro a Messina, e poi cominceranno le operazioni di distribuzione che coinvolgeranno anche la Chiesa italiana oltre ad Albania e Irlanda. "Posso confermare che io e Charlie Flanagan (ministro della Giustizia, ndr) abbiamo concordato che l'Irlanda accetterà 20-25 migranti dalla Diciotti, soggetti alle consuete condizioni e controllo - ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri di Dublino, Simon Coveney - La solidarietà europea è importante e questa è la cosa giusta da fare. I lavori proseguono con i partner Ue per soluzioni più sostenibili".

Commenti