Rifilò uno schiaffo alla leghista. La sinti condannata a 20 giorni

Condannata la sinti che diede lo schiaffo a Lucia Borgonzoni: venti giorni di carcere per l'aggressione alla leghista

Era il lontano 3 novembre del 2014 quando l'allora consigliera comunale, e oggi senatrice sottosegretario alla Cultura, Lucia Borgonzoni, veniva schiaffeggiata da una sinti in un campo nomadi di Bologna. Il tutto di fronte alle telecamere, che registrarono il fattaccio, sollevarono la polemica politica e resero in qualche modo "famosa" la salviniana della prima ora (guarda qui il video).

Dopo quasi cinque anni, oggi la donna che colpì con uno schiaffo, insultò e rifilò un calcio alla Borgonzoni è stata condannata a venti giorni di carcere. M. T. T., 52 anni, è stata condannata per violenza privata per i fatti al campo nomadi di via Erbosa. A emettere la sentenza, scrive il Resto del Carlino, il giudice Danilo Mastrocinque. Per conoscerne le motivazione bisognerà però attendere novanta giorni. Intanto, come scrive il quotidiano locale, pare che il giudice abbia riconisciuto "l’attenuante di 'aver reagito in stato di ira determinata da un fatto ingiusto altrui'".

I fatti. Nel novembre del 2014 la Borgonzoni insieme ad Alan Fabbri, allora candidato alla presidenza della Regione e oggi sindaco di Ferrara, si presentò al campo nomadi insieme alla Digos. La situazione degenerò, la sinti urlo "vattene e vieni qua che ti spacco il naso" e alla fine volarono lo schiaffo, un pugno allo stomaco e un calcio alla gamba.

Le accuse iniziali furono di violenza privata e ingiurie. Come scrive il Resto del Carlino, il vicepreocuratore onorario aveva richiesto la condanna a un mese per la violenza e l'assoluzione per le ingiurie, sottolineando che il "blitz" della Borgonzoni con la stampa "potrebbe aver creato un certo fastidio".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kennedy99

Mar, 02/07/2019 - 13:16

certo l'attenuante mi sempra logico se era la leghista che dava uno schiaffo alla nomade era logico l'aggravante.

veromario

Mar, 02/07/2019 - 14:43

solita banda di magistrati impeccabili.

frabelli1

Mar, 02/07/2019 - 15:48

Perché questi criminali hanno sempre le attenuanti?

Brutio63

Mar, 02/07/2019 - 16:18

Una sentenza marcia frutto di una interpretazione faziosa del codice che viene mollemente interpretato per alcuni e rigidamente applicato ad altri Certi giudici pare non si rendano conto della gravità dei messaggi che mandano con queste sentenze dove attenuano a piacimento le responsabilità e le condanne Ancora una brutta pagina per la giustizia in Italia

EFISIOPIRAS

Mar, 02/07/2019 - 16:28

Troppa discrezionalità, sti giudici buonisti che interpretano, piutosto che appicarle le leggi dello Stato italiano.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mar, 02/07/2019 - 17:18

queste simpatiche migranti ...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 02/07/2019 - 17:51

Al conrtario ci sarebbe stata l'aggravante invece dell'attenuante. Giusto perchè la giustizia è uguali per tutti, i sinistri.

effecal

Mar, 02/07/2019 - 19:56

I cattocomunisti hanno manifestato la totale solidarietà alla violenta signora.

pilandi

Mar, 02/07/2019 - 20:02

Beh perlomeno li sono entrati, nello stabile occupato da innumerevoli anni da casa bau manco quello, altro che sgombero!

Ritratto di camerata.ghigno

camerata.ghigno

Mer, 03/07/2019 - 08:04

Tutto questo ci porterà ad avere un Duce 3.0. Ci meritiamo un dittatore, se le leggi sono queste.

Ritratto di Antero

Antero

Mer, 03/07/2019 - 10:42

il solito buonismo .... fuori luogo e mal riposto !

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 03/07/2019 - 10:51

toghe rosse,what else???

Alessandro.Pisan

Gio, 04/07/2019 - 10:51

20 giorni di cosa se in carcere o ai domiciliari non ci va?