La Fedeli scrive al Corriere ma sbaglia pure il congiuntivo

Un'altra gaffe per il ministro dell'Istruzione: utilizza il congiuntivo presente al posto del congiuntivo imperfetto. Il web la punzecchia e scatta lo sfottò

La Fedeli scrive al Corriere ma sbaglia pure il congiuntivo

Valeria Fedeli alle polemiche è abituata. E anche alle critiche, che spesso hanno riguardato - è dato di cronaca - la sua carriera scolastica e accademica. Questa volta però il ministro dell'Istruzione casca proprio là dove chi ricopre il suo incarico non dovrebbe mai cascare.

In una lettera scritta oggi al Corriere della Sera, la Fedeli ha clamorosamente sbagliato un congiuntivo con un errore da scuole elementari. Si legge testualmente nella lettera vergata dalla titolare del Miur: "A proposito di costante aggiornamento, sarebbe opportuno che lo studio della Storia non si fermasse tra le pareti delle aule scolastiche ma prosegua anche lungo i percorsi professionali."

Un proposito certamente lodevole, che però non è stato espresso nel rispetto delle regole del corretto italiano. Al posto di prosegua, il ministro avrebbe dovuto scrivere proseguisse, congiuntivo imperfetto peraltro concordato con fermasse.

L'errore non è però sfuggito all'occhio vigile del web che subito ha punzecchiato la Fedeli, già finito nell'occhio del ciclone poco meno di un anno fa, quando si era scoperto che, contrariamente a quanto affermato nel proprio sito personale, non si era mai laureata.

Riceviamo e pubblichiamo:

Gentile direttore,
in merito a quanto pubblicato oggi sul suo giornale e sul sito web riguardante la ministra Fedeli, mi preme informare lei e tutti i lettori che la «gaffe» da voi segnalata è in verità frutto di un mio errore nel tagliare il testo scritto dalla Ministra per renderlo compatibile con gli spazi previsti ai fini della pubblicazione. Così, due proposizioni originariamente indipendenti sul piano grammaticale, sono diventate una principale («sarebbe opportuno») e due subordinate («che lo studio della Storia non si fermasse tra le pareti delle aule scolastiche ma prosegua anche lungo tutti i percorsi professionali»).

Nel testo originale si trattava di due proposizioni principali: «sarebbe opportuno....; sono infatti convinta». A questa seconda seguiva la subordinata «che debba proseguire anche lungo tutti i percorsi professionali». Quel «debba proseguire» è diventato un congiuntivo esortativo «prosegua», erroneamente collegato con un «ma» alla proposizione precedente. Errore grave, ma mio, non della ministra che, essendo impegnata in una serie di incontri istituzionali al momento dell’invio, non ha potuto rileggere la versione finale del testo.

Per quanto mi riguarda non posso che scusarmi con i diretti interessati e con i lettori. A lei chiedo di tener conto di quanto qui scritto al fine di ristabilire su giornale e sito web la verità dei fatti.

Simone Collini
Portavoce della ministra Valeria Fedeli

Commenti