Firenze, aggredisce due controllori che lo multano: denunciato somalo

Lo straniero, con precedenti di polizia alle spalle, aveva con sè un biglietto non obliterato, che ha preteso di timbrare solo dopo aver compreso che i due operatori stavano effettuando una verifica sulla validità dei titoli di viaggio: è andato in escandescenze dopo aver ricevuto una contravvenzione

Un nuovo episodio di violenza a bordo di un mezzo pubblico arriva da Firenze, dove due controllori Ataf sono stati insultati ed aggrediti da un cittadino extracomunitario per aver "osato" compilare e quindi consegnargli una contravvenzione a causa della mancata obliterazione del biglietto.

L'episodio a cui si fa riferimento, secondo quanto riportato dalla stampa locale, si è verificato durante il pomeriggio dello scorso giovedì 2 dicembre, a bordo di un autobus che in quel momento stava percorrendo lungarno Soderini.

Sono all'incirca le 15:30, quando sul mezzo pubblico salgono due dipendenti dell'Ataf Firenze, due uomini rispettivamente di 34 e 39 anni, i quali si mettono subito all'opera per verificare la validità dei titoli di viaggio dei passeggeri che si trovano a bordo.

I controlli vanno avanti senza alcun problema, almeno fino al momento in cui non arriva il turno di un giovane straniero. Alla richiesta da parte degli operatori di dimostrare di essere in regola, quest'ultimo estrae dalla tasca un biglietto regolare, tuttavia non timbrato e pertanto non valido per la corsa in atto.

Quando l'extracomunitario ha compreso che i due dipendenti Ataf, come da regolamento, controllavano non solo il possesso del biglietto ma anche la sua obliterazione, si è affrettato a proporre ai due di timbrare anche il suo. La sua volontà di rispettare le regole è tuttavia arrivata troppo tardi, e quando già era parso chiaro ai controllori il suo tentativo di conservare la validità del biglietto solo fino al momento in cui non fosse stato obbligato ad utilizzarlo in seguito ad una verifica.

Il passo successivo, quindi, è stato quello di scendere dal mezzo pubblico insieme al viaggiatore abusivo, di chiedere i suoi documenti ed infine iniziare a compilare una contravvenzione ai suoi danni.

Quando l'extracomunitario si è reso conto di cosa stesse accadendo, ha iniziato ad inveire pesantemente nei confronti dei controllori ed a sputare loro addosso. Non solo, dato che poco dopo si è scagliato contro i due aggredendoli e strappando di mano il verbale. Uno degli operatori Ataf, spintonato con grande violenza dal facinoroso, è rovinato a terra: fortunatamente, a breve distanza, alcuni militari che avevano assistito alla scena sono intervenuti in soccorso degli operatori ed hanno contenuto la furia dello straniero.

Sotto choc, il controllore aggredito è stato assistito dal personale del 118 e quindi trasportato al pronto soccorso del Santa Maria Nuova per una verifica delle condizioni di salute: per lui, comunque, nessuna lesione.

Gli uomini della questura di Firenze, invece, si occupano di arrestare lo straniero: si tratta di un somalo originario di Mogadiscio di 34 anni, personaggio già noto, tra l'altro, alle forze dell'ordine: arriva una semplice denuncia per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Sab, 04/01/2020 - 15:02

Lo dico da sempre, lo straniero non deve avere precedenti penali, al primo fermo va recluso fino al suo rimpatrio.

buonaparte

Sab, 04/01/2020 - 18:07

AVETE LETTO L'ULTIMA RIGA.. UNA DENUNCIA DA FAR RIDERE .. COME SEMPRE.. QUESTA è LA VERGOGNA DEI GIUDICI ROSSI.. UNA VOLTA DI PIU..RESISTENZA ED OLTRAGGIO E NON LESIONI ED AGGRESSIONE.. VERGOGNA GIUDICI ROSSI. PER QUESTE VERGOGNE GLI STRANIERI AGGREDISCONO TUTTI SE INVECE SAPESSERO CHE PAGANO CARAMENTE QUESTE AGGRESSIONI NON LE FAREBBERO,. MA I GIUDICI CON I LORO GRANDI STIPENDI E NEI LORO CONFORTEVOLI UFFICI CHE NE SANNO DEI PERICOLI CHE OGNI GIORNO CORRE IL PERSONALE DEI SERVIZI CITTADINI? VERGOGNA.