Gessica Notaro, Cassazione conferma condanna all'ex fidanzato

La Cassazione ha confermato la pena a 15 anni e 5 mesi di reclusione per Edson Taveres, l'ex fidanzato di Gessica Notaro

Gessica Notaro, Cassazione conferma condanna all'ex fidanzato

Quindici anni, cinque mesi e venti giorni di reclusione. La Cassazione ha confermato la condanna nei confronti di Edson Tavares, ex fidanzato di Gessica Notaro, per aver perseguitato e sfregiato con l'acido la compagna. Gli ermellini hanno respinto il ricorso presentato dall'avvocato Riccardo Luzi, difensore dell'uomo, ritenendo la richiesta "inammissibile".

L'aggressione e la condanna per Tavares

I fatti risalgono al 10 gennaio 2017, in via Bidente, a Rimini. Gessica stava rincasando da una cena con il nuovo compagno quando, pressapoco alle 22 e 30, si è imbattuta nel suo ex, Eddy Tavares. L'uomo, un 32enne di origini capoverdiane, le ha lanciato contro una bottiglia contenente acido finendo per colpirla in pieno volto. Scampata al peggio per un soffio, la 29enne ha riportato ustioni profonde al corpo con danni severi all'occhio sinistro. Tavares è stato rintracciato e arrestato l'indomani della brutale aggressione dopo una serratissima attività di indagine. Il 15 novembre del 2018, la Corte d'Appello di Bologna lo ha condannato a 15 anni, 5 mesi e 20 di reclusione per stalking perpetrato per un lungo periodo. I giudici di secondo grado avevano definito la violenza con l'acido come la "plastica rappresentazione di una meditata, ferma volontà di punire per sempre la vittima, privandola non solo della sua speciale bellezza, ma della sua stessa identità, così da cancellarla agli occhi di chiunque, non potendola 'possedere' egli stesso".

La conferma della Cassazione

Nella mattinata di martedì 15 dicembre, la Cassazione ha approvato in via definitiva il verdetto emesso dai giudici della Corte d'Appello ritenendo "inammissibile" la richiesta di ricorso presentata dal legale dell'aggressore. La sentenza ha anche confermato l’espulsione dall’Italia di Tavares a fine pena e i risarcimenti alle parti civili, cioè Gessica, difesa dagli avvocati Fiorenzo e Alberto Alessi e l’associazione Butterfly, che si batte contro la violenza sulle donne, rappresentata dall’avvocato Elena Fabbri. Secondo il pg della Cassazione Picardi, le pronunce di merito sono assolutamente coerenti e logicamente articolate con le evidenze processuali.

Il messaggio di Gessica Notaro

Oggi, Gessica Notaro si occupa di donne maltrattate. Lo scorso 25 novembre, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ha rivolto un appello accorato sui social. "Vorrei chiedere di affiancare ai giudici dei professionisti come psicologi o psichiatri, nel caso in cui ci sia una denuncia di stalking con delle indagini preliminari. - ha detto in un video - Chi interroga un uomo maltrattante, deve avere la preparazione tecnica per definire il grado di pericolosità e questo non può avvenire quando il giudice si trova da solo. Non essendo un professionista ha un grande margine di errore".