I virologi preparano al coprifuoco: "Scuola e lavoro, stop al resto"

Pregliasco: "Scuola, lavoro: ora il resto va stornato". Galli: "Siamo nella peste". Gli esperti preparano il coprifuoco delle attività serali

Niente lockdown, per ora, ma il coprifuoco è sempre più vicino. A preparare il terreno a uno stop delle attività serali non sono solo "i palazzi del potere romano", come rivela Giuseppe Marino su Il Giornale del 16 ottobre, ma anche i virologi. E la Lombardia è la prima regione, dopo la Campania, su cui aleggia lo spettro di una nuova chiusura per frenare la corsa dei contagi.

"Oggi avremo un incontro del Comitato tecnico scientifico regionale, - dice Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università degli Studi di Milano e componente del Cts lombardo, intervenuto ad Agorà su Rai3 - nel quale si discuteranno iniziative da modulare che presumibilmente andranno in quel senso. Potremmo attuare provvedimenti che non siano scioccanti e micidiali, ma che proprio per evitare interventi più drastici in futuro prevedano restrizioni soprattutto in quella che è l'attività ludica". Insomma, per ora Pregliasco sembrerebbe scongiurare il blocco immediato di scuola e lavoro. Nel mirino del Cts lombardo ci sarebbero, invece, "la parte più ludica e non indispensabile" delle attività. Azzerare il divertimento serale per evitare "l'incubo del lockdown generalizzato o altre opzioni che purtroppo vediamo già in essere in Inghilterra o in Francia". Misure, riconosce il direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano sicuramente efficaci da un punto di vista sanitario, ma devastanti per un'economia già traballante.

Sul contraccolpo inflitto da eventuali chiusure concorda anche Massimo Galli, primario infettivologo dell'ospedale Sacco di Milano. "Il lockdown è la misura più semplice - riflette l'espero - perché non hai bisogno di lambiccarti il cervello a trovare altre soluzioni, ma anche la più drammatica perché le conseguenze sarebbero inevitabili." Poi, però, nelle previsioni di Galli, intervistato da Repubblica, parrebbe inevitabile. " Guardi siamo nella peste. Tra 15 giorni saremo come la Francia, la Spagna, il Regno Unito. La situazione a Milano si sta facendo molto allarmante, al limite della saturazione. E ci sono forti criticità anche altrove. Abbiamo assoluto bisogno di far funzionare le indicazioni del decreto del governo. Diversamente, la strada già tracciata è quella degli altri Paesi europei". Ma allora lo spettro del lockdown di Natale è realistico? "All'amico Crisanti è scappata questa idea, è preoccupato come lo sono io. Ma forse qualche segnale importante per dire che stiamo andando a sbattere dobbiamo pure darlo - riconosce Galli - Non so se ci sarà un lockdown di Natale e non me lo auguro, dobbiamo lavorare strenuamente per evitarlo".

Galli bacchetta il lassismo di un'estate allegra come il vero responsabile della seconda ondata."Questa estate in vacanza, positivi giovani; a settembre ritorno a casa, positivi giovani; poi il contagio in famiglia, l'età cresce. Adesso tornano ad essere colpiti gli anziani. E dunque cresce la paura, la sintomatologia, il ricorso alle cure ospedaliere, le terapie intensive. Le vittime, ormai lo sappiamo, le vedremo più in là". Pregliasco, invece, ragiona su una possibile tabella di marcia per frenare la curva in salita e scongiurare il lockdown. "Va sottoscritto un grande patto sociale - dice il virologo intervistato da Il Corriere della Sera -. Serve un grande sforzo collettivo per ridurre i contatti al minimo indispensabile. Scuola, lavoro: il resto ora va stornato". Invece di chiudere le scuole come in Campania, il virologo invita a sacrificare tutti i contatti non essenziali. "Certo, la didattica a distanza potrebbe aiutare soprattutto nel caso dei ragazzi più grandi. In classe potrebbero andare i più piccoli, anche per non creare ulteriori disagi ai genitori che lavorano. Poi, è fondamentale trovare spazi per isolare chi necessita di cure semplici, ma anche per garantire quarantene sicure". Insomma, saremmo in un limbo critico, ma ancora gestibile.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Massimo25

Ven, 16/10/2020 - 11:03

Il panico vero,le paure,il terrore nelle persone soprattutto quelle meno difese...sono peggio del covid e questi personaggi ne sono esperti ai massimi livelli...poi con la banda di roma l'opera viene compiuta ..la gente non ne può più stiamo raggiungendo il culmine poi se ne accorgeranno anche questi

Fjr

Ven, 16/10/2020 - 11:08

Il lockdown è la misura più semplice - riflette l'esperto - perché non hai bisogno di lambiccarti il cervello a trovare altre soluzioni, ma anche la più drammatica perché le conseguenze sarebbero inevitabili."Aggiungo io “ad avercelo un cervello” caro Galli,e un’esortazione a trovare un punto di unione fra voi espertoni,unite i cervelli e quando avete trovato una soluzione al problema che sia uno solo a parlare,perché anche voi ogni volta che ve ne uscite con i vostri deliri ne mettete di carichi sul popolo italiano e adesso basta col fare le prime donne

Italy4ever

Ven, 16/10/2020 - 11:19

Scuola e lavoro. Punto. Come se la vita delle persone non avesse bisogno di altro. Tipico del regime comunista. Vale solo la salute fisica, ma alle implicazioni psicologiche legate all'assenza degli affetti e del tempo libero non interessa a nessuno. Eppure i casi di depressione sono quintuplicati. Ma ovviamente quello che interessa è solo non fermare l'economia, per il resto il popolo è assimilato ad una schiera di robottini!!! non sono un no mask, ma comunque penso che il Governo e suoi fedeli stiano in tutti i modi cercando di ingabbiare gli italiani. Mascherina, pulizia e attenzione. Se poi si viene contagiati vuol dire che tutte queste misure sono solamente delle buffonate.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 16/10/2020 - 11:20

Massimo25, e dare una soluzione no ???? Diventa sempre molto + facile puntare il dito e dire. è colpa loro....... vero ? PROPONGA QUALCOSA , grazie

baio57

Ven, 16/10/2020 - 11:24

Questi sedicenti virologi detentori del verbo non ne hanno azzeccata una che una , degni figuranti di varietà televisivi dalle comparsate quotidiane per dire tutto ed il contrario di tutto .A proposito l'esperto number one Burioni ,quello che a febbraio "....pericolo pressochè zero..." dov'è finito ,forse a studiare la peste bubbonica trasmessa dalle marmotte al pastore della Mongolia ? Bisogna anticipare i tempi ekkekketz.

SPADINO

Ven, 16/10/2020 - 11:41

PREMETTO CHE SONO UN AMMIRATORE DI TRUM-BERLUSCONI-BRIATORE. MA PERCHE' QUESTI VECCHI E RICCHI SIGNORI SE LA SONO CAVATA IN POCHI GIORNI MENTRE I VECCHI POVERACCI MUOIONI? PER FAVORE DATE ANCHE A NOI VECCHI POVERACCI LE STESSE MEDICINE CHE AVETE DATO A QUESTI VECCHI E RICCHI SIGNORI? LA REALTA MI SEMBRA MOLTO CHIARA. PROBABILMENTE QUESTI VECCH E RICCHI SIGNORI HANNO SPESO MOLTI SOLDI PER AVERE LE MEDICINE GIUSTE. DOPOTUTTO ANCHE BERLUSCONI HA DETTO CHE SE L'ERA VISTA BRUTTA. EPPURE E' GUARITO IN POCHI GIORNI.

Mborsa

Ven, 16/10/2020 - 11:44

Fantastici questi esperti: non hanno fatto altro che consigliare norme igieniche e trovare qualche categoria da colpevolizzare! Hanno dato la colpa del rilassamento estivo ai 2-3 milioni che sono andati in discoteca tacendo dei 20-25 milioni di italiani che si sono mossi, hanno fissato la capienza dei mezzi pubblici al 50% senza calcolare se bastava per portare la gente a scuola e al lavoro, ora danno la colpa alla movida senza tenere conto del totale dei contatti quotidiani, hanno sostenuto il tracing(ma non Immuni) senza calcolare che per ogni 10000 tamponi a casa occorrono 3000 persone/die, hanno invitato a vaccinarsi contro l’influenza senza preoccuparsi della disponibilità e della data di inizio della campagna. Grazie, ma siamo capaci da soli di perdere la guerra contro il virus!

Ritratto di Antonosofiro

Antonosofiro

Ven, 16/10/2020 - 11:48

Io li capisco questi "illustri" avanti con gli anni e gia in odore di terra e vermi. Studiate e Lavorate.. "il resto ciccia !!" e meno male che vorrebbero farci svolgere queste attività (altrimenti le tasse con il Cxxx che le si possono pagare) senza catene e/o frustate. Stiamo scivolando verso la consensiente schiavitù ...? beh almeno dateci il libero porto d'armi, magari qualcuno una dozzina di soddisfazioni se le potrà togliere (fra il fragore degli applausi di molti). Lavorare testa bassa e "signorsì sissignore".. altro che ORWELL

Ritratto di PecoronidiTaGlia

PecoronidiTaGlia

Ven, 16/10/2020 - 11:51

caro GREGGE italiata siate grati al REGIME, VI DIRANNO COSA POTETE FARE E COSA NO nelle VOSTRE CASE,finchè decideranno l'ABOLIZIONE COMPLETA DELLA PROPRIETA' PRIVATA

Ritratto di Smax

Smax

Ven, 16/10/2020 - 11:53

A parte che di esperti non se ne vedono, ma quello che non è chiaro è che aumentando i tamponi aumentano gli infetti. Quanto è il rapporto? Non è che è sempre lo stesso? scommetto che se facessero 350000 tamponi in un giorno il contagio schizza in alto.

ANTONIO1956

Ven, 16/10/2020 - 11:54

In questo momento se smettessimo di fare i tamponi e non sapessimo che c'è il Covid ci accorgeremmo di essere in una cosi detta "pandemia" ?? La risposta é no .... allora perchè succede tutto questo ??

Ritratto di asimon

asimon

Ven, 16/10/2020 - 11:57

in generale tutti questi "scienziati virologi" governativi che già ora annunciano il lockdown a Natale perchè non sollecitano il governo a prendere provvedimenti intelligenti e non semplicemente distruttivi come chiudere tutto, poi vorrei sapere quanti di loro hanno criticato l'Azzolina e il governo per i soldi buttati sulle sedie a rotelle (3,5 miliardi di euro) quando è sotto gli occhi di tutti che i problemi e le soluzioni del settore scuola erano e sono ben altri.

epc

Ven, 16/10/2020 - 11:58

Scuola e lavoro, stop al resto? Benissimo, sono d'accordo. Peccato però che bar, ristoranti e locali siano lavoro, per i loro titolari e soprattutto per i dipendenti. In Italia una grandissima parte del lavoro è nel ramo ristorazione/ospitalità, che produce fra l'altro un enorme ammontare di tasse.

Cambiamoatteggi...

Ven, 16/10/2020 - 12:02

La verità è tanto semplice quanto lampante, i virus non si fermano, a volte nemmeno con una tuta stagna a causa degli errori umani. Invece di perdere tempo cosa aspettanno ad investire in più posti letto, medici e farmaci è l'unica cosa che si può fare. Se fosse poi così letale questo virus saremmo quasi tutti morti. Se avete un anziano o un debole lo isolate lui e solo lui in casa e vi organizzate per portargli il necessario, ma non è detto che il virus non arrivi da un uccellino, o aprendo la finestra...

epc

Ven, 16/10/2020 - 12:05

Propongo io qualcosa: 1) enti pubblici non essenziali (cioè quasi tutti a parte scuole, ospedali e poco altro) CHIUSI, con dipendenti IN FERIE (non come nell'altro lockdown a casa ma a stipendio pieno compresi buoni pasto) 2) per tutta la durata della chiusura e per tutti gli enti pubblici chiusi che debbano dare autorizzazioni, permessi ecc. vale il SILENZIO ASSENSO. Alla riapertura faranno i controlli ex post. 3) Se imprese, locali, ristoranti ecc. devono chiudere per, che ne so, un mese, pagheranno un dodicesimo in meno di tasse, un dodicesimo in meno di IMU, ecc. 5) tutte le attività di volontariato o sedicente tale SOSPESE 4) sospensione del reddito di cittadinanza per coprire i mancati introiti.

ANPOWER

Ven, 16/10/2020 - 12:06

SPADINO!!! Sono d'accordo!! Lo pensavo anche io ed il dubbio viene !!

epc

Ven, 16/10/2020 - 12:06

Propongo io qualcosa: 1) enti pubblici non essenziali (cioè quasi tutti a parte scuole, ospedali e poco altro) CHIUSI, con dipendenti IN FERIE (non come nell'altro lockdown a casa ma a stipendio pieno compresi buoni pasto). 2) per tutta la durata della chiusura e per tutti gli enti pubblici chiusi che debbano dare autorizzazioni, permessi ecc. vale il SILENZIO ASSENSO. Alla riapertura faranno i controlli ex post. 3) Se imprese, locali, ristoranti ecc. devono chiudere per, che ne so, un mese, pagheranno un dodicesimo in meno di tasse, un dodicesimo in meno di IMU, ecc. 5) tutte le attività di volontariato o sedicente tale SOSPESE. 4) sospensione del reddito di cittadinanza per coprire i mancati introiti.

oracolodidelfo

Ven, 16/10/2020 - 12:06

PecoronidiTaGlia 11,51 - "decideranno l'abolizione della proprietà privata" ....come indicato in Fratelli Tutti e con la fattiva collaborazione dell'inquilino del Vaticano.......

illavoro

Ven, 16/10/2020 - 12:10

come gode il sig. prof. dr. Galli al solo pensiero della segregazione (traduzione in italiano di lockdown)

antonmessina

Ven, 16/10/2020 - 12:15

sono dei criinali incalliti . vogliono distruggere il tessuto sociale a partire dalla famiglia.. noi italiani in galera (lockdown significa galera senza aria) e i clandestini a spasso a nostre spese. quando finira sarà sempre troppo tardi ormai

obiettore

Ven, 16/10/2020 - 12:30

Sanno solo copiare. Questa volta, Orwell.

bernardo47

Ven, 16/10/2020 - 12:51

stringere le maglie! attuali misure del governo, sono ridicole! se ristoranti e bar e simili chiudono alle 10 di sera, non succede nulla! e le loro attivita' economiche sono comunque salvaguardate! Serviranno la cena alle 19 o alle 20 anziche' alle 11......non la facciamo tanto lunga eh? e in ogni caso possono prevedersi incentivi mirati !

jaguar

Ven, 16/10/2020 - 12:59

Quindi coprifuoco dalle 22 alle 6? Mi sembra giusto, è scientificamente provato che il virus ti assale meglio di notte col favore delle tenebre, mentre di giorno se ne sta nascosto come i pipistrelli.

riccardo7567

Ven, 16/10/2020 - 13:17

Qualsiasi esperto di statistica Vi spiegherebbe che se un fenomeno cresce con modalità logaritmica diviene presto incontrollabile. Purtroppo allo stato dei fatti l'epidemia cresce con questa modalità e si arriverà alla saturazione delle strutture sanitarie. La soluzione è solo quella di ridurre le occasioni di diffusione del virus attraverso il distanziamento sociale. Il modello perfetto di distanziamento sociale è il lockdown di Wuhan Cina. Se non siamo in grado di attuare un lockdown cinese dobbiamo accettare che continuare a riempiere autobus e treni corrisponde a cedere completamente alla diffusione del virus accettando altri 30000 morti prima della fine dell'anno. Intervenire subito con il blocco totale delle attività ludiche e ricreative, preservando il LAVORO. La scuola può essere rimodulata in funzione dell'incidenza sui trasporti, ma nelle grandi città si deve ricorrere al DAD per i prossimi sei mesi.

riccardo7567

Ven, 16/10/2020 - 13:19

Non adiratevi con Galli, ma con quanti quest'estate hanno vissuto da cicala e festeggiato nelle discoteche.

bernardo47

Ven, 16/10/2020 - 13:32

Chiudere alle 10 di sera, se serve, va fatto. Chi subisse davvero danno va indennizzato, ma salute pubblica va avanti a tutto.....

Indifferente

Ven, 16/10/2020 - 13:47

Accanimento contro i giovani da parte di chi probabilmente non ha avuto modo di godere della propria gioventù o che comunque ormai non saprebbe che farsene. Possibile che non si capisca che se per tutto il giorno incrocio e coabito con decine di persone (di cui spesso non so nulla), il mio rischio non è la passeggaita serale con gli amici o la birretta? Se sono chiuso in un'aula per sei ore con 20/30 rgazzi e la sera esco con quegli stesi ragazzi, il mio rischio non aumenta? Qui sembra che il covid sia generato da frotte di giovani che passano il tempo tra discoteche e bar..ma che film state guardando?

QuasarX

Ven, 16/10/2020 - 13:51

gli unici da mettere in lackdawn sono quelli che lo propongono; pero' siamo generosi e teniamoli in lackdawn a lungo anche; per il loro bene

Cheyenne

Ven, 16/10/2020 - 13:56

Una proposta: di covid-19 parliamone 5 minuti al giorno e licenziamo tutti i cosiddetti virologi ignoranti come la calia (si dice in Sicilia)

cabass

Ven, 16/10/2020 - 14:02

@SPADINO: Briatore, Trump e Silvio non sono guariti grazie a medicine miracolose, ma semplicemente perché avevano SOLO il covid. Così come i "vecchi poveracci" raramente muoiono DI covid; più spesso muoiono per altro, ma se erano anche infetti, li contano comunque! Ormai il giochetto è evidente a tutti, tranne a chi non vuole vedere.

agosvac

Ven, 16/10/2020 - 14:12

Ma si può sapere con certezza quanti siano i reali morti "per" covid che giustificano questo catastrofismo di galli??? Anche nei tempi più bui di Marzo/ Aprile scorso, non è che fosse ben chiaro chi moriva per Covid e chi invece moriva con Covid. Oggi la confusione è ancora più grossa. Voglio dire : chi sono i ricoverati in terapia intensiva? Malati con sintomatologie strettamente Covid oppure positivi che hanno gravi patologie extra Covid? Nessuno lo specifica da parte del Governo e se un medico abituato a curare gli ammalati osa solo specificare qualcosa lo aggrediscono come negazionista quasi fosse un delinquente comune.

Ricky70

Ven, 16/10/2020 - 14:19

La proposte per evitare il contagio pullulano e tutti sono concordi sul "DISTANZIAMENTO" e mascherina in specialmodo sui mezzi pubblici. Mi chiedo se non si potrebbe rispolverare l’uovo di Colombo e invece di fare viaggiare la gente che va a lavorare ammassata come bestie sui carri bestiame del trasporto pubblico e privato senza il DISTANZIAMENTO primario veicolo del virus, passare alle lezioni on line degli studenti delle scuole superiori come fatto l’anno passato? Il futuro dietro l’angolo e non nel 2050, è l'insegnamento “on line”. Ho sentito in TV che i presidenti Zaia e Toti, dove il Cdx ha stravinto le regionali proporre tale soluzione e ritengo favorevole anche De Luca del Csx, non so se ci sono altri, ma ho sentito il ridens Zingaretti segretario PD e Presidente del Lazio che influenza le decisioni del Governo Conte, scartare decisamente tale possibilità.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Ven, 16/10/2020 - 14:23

riccardo7567: una precisazione. La crescita attuale non è logaritmica, è geometrica. Personalmente sono d'accordo con le tue considerazioni, ma ti prego di non maltrattare la matematica.

moichiodi

Ven, 16/10/2020 - 14:30

Magari riusciamo a salvare scuola e lavoro.

filder

Ven, 16/10/2020 - 14:48

Mi dispiace ma questo signore che occupa tutti i canali televisivi a tutte le ore del giorno e sera tardi oramai mi ha stufato e quando lo vedo cambio canale tra l'altro ho capito che ha tendenze di sinistra.

bernardo47

Ven, 16/10/2020 - 14:58

Morbo avanza e servono misure immediate di contenimento, chiudete tutto alle 11 di sera sarebbe opportuno!

ruggerobarretti

Ven, 16/10/2020 - 15:01

Esperti: Giorgio Palu, non proprio un carneade, soprattutto rispetto agli pseudoesperti televisivi,: " il 95% dei positivi e' ASINTOMATICO, non ha alcun senso stare a rincorrere la gente sana"..Alberto Donzelli, che proprio carneade non e': "l'uso prolungato della mascherina puo' peggiorare la situazione", tant'e' che uno studio del CDC juessei (tipo il nostro ISS) rileva:" l'85% dei contagiati indossava la mascherina, il 70% sempre il 15% saltuariamente". Il miglior antitodo a mio modesto avviso sarebbe quello della chiusura delle trasmissioni televisive e di certa informazione; stop all'uso indiscriminato dei tamponi, quantomeno utilizzare i numeri per quello che sono, i malati sono tali e tutti gli altri sono SANI. Permettere ai medici generici di intervenire immediatamente con la cura, cosa che ancora oggi non avviene (deja vu???).

ANPOWER

Ven, 16/10/2020 - 15:16

A mio avviso qui a Milano e provincia dovrebbero chiudere tutti i negozi bar ristoranti dentisti parrucchieri etc almeno fino al 15 Novembre per salvare lo shopping natalizio altrimenti sarà peggio! Le scuole a sequenza alternata con superiori ed università da remoto Uffici ed industrie aperte solo se indispensabli mentre le altre smart! Saluti ed auguri

Sempreverde

Ven, 16/10/2020 - 15:17

Il lavoro dei dipendenti pubblici e specialmente degli uscieri e custodi dei ministeri e della banca d Italia. Tutta rendita da tutelare.

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Ven, 16/10/2020 - 15:23

A qualcuno , come a me , e' mai venuto il dubbio che purtroppo molto semplicemente e tristemente , NON ci sia una SOLUZIONE?

Calmapiatta

Ven, 16/10/2020 - 16:04

Il propblema dell'Italia non è il virus, ma una politica fatta di pupazzi di stoffa. Compito di chi governa era creare le condizioni per poter permettere alle persone di vivere in costanza del virus. Non è stato fatto nulla. In questi mesi post lockdown abbiamo solo sentito chiacchiere. Ora vogliono chiudere. Ebbene chiudere è facile, governare è difficile. Loro stanno massacrando il paese, altro che COVID.

baio57

Ven, 16/10/2020 - 16:21

Qualcuno parla di futuro, giustissimo il futuro.... basta con le relazioni sociali, le "attività ludiche " come dice qualcun altro ,i bimbi possono anche stare anni senza giocare o correre ,ci sono i videogiochi, basta con gli affetti familiari a contatto, la scuola ,il lavoro, i matrimoni ,i battesimi, i FUNERALI LI AVEVANO GIA' ABOLITI.. Che tutto sia eseguito via web a casa propria nel nuovo mondo virtuale ,d'altronde vi ricordate come eravamo felici durante il CONFINAMENTO ( CHIAMIAMOLO IN ITALIANO!!!),quando sfornavamo crostate e pizze in videoconferenza con spot pubblicitari dove allegri nonnini salutavano i nipoti , ed al crepuscolo cantavamo felici bellaciao sul balcone. Il controllo delle nostre vite deve essere totale ,ben vengano videocamere facciali ,chip, apk che certificano pure se hai fatto sesso dove e con chi, e probabilmente verrà penalizzato chi è anormale e cioè gli etero.

ruggerobarretti

Ven, 16/10/2020 - 16:22

bernardo, dai facciano alle 23,15, che un quarto d'ora puo' essere fondamentale.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 16/10/2020 - 17:24

Il problema risiede nell'indennizzo di chi, con la chiusura, ci rimette. Il governo da la sensazione, con lockdown parziali, di cercare escamotages per non pagare. Ma se alla fin dell'avventura fallissero sul serio qulche decina di migliaia, centinaia di migliaia di pmi, vorrò proprio vedere cosa si inventeranno per tirare a campare: alttro che riduziuone di tasse sotto l'egida della Ue sempre più pretenziosa. Dare il via a quanto richiesto da sora Merkel per ridurre il debito pubblico che, inesorabile, continua a crescere - 2.579 mld di euro ieri? Toccare il risparmio degli italiani equivarrebbe ad una condanna politica inevitabile.

ruggerobarretti

Ven, 16/10/2020 - 17:25

baio57: complimenti!!!!

baio57

Ven, 16/10/2020 - 18:02

(segue) Nel nuovo mondo virtual-progressista nulla sarà lasciato al caso,i grossi gruppi recapiteranno i prodotti ordinati via web mediante il drone di quartiere direttamente sul balcone. Non dovremo più recarci dal medico o dallo specialista,ci preleveranno direttamente da casa ogni qual volta l'Apk segnalerà un comportamento "anomalo" ,spostandoci in strutture più "idonee". E' in atto un'esperimento sociale in chiave autoritaria di controllo delle masse ed in attesa di nuovi vaccini a cui seguiranno nuovi virus ,si sta alterando l'equilibrio delle popolazioni con ripercussioni sulla salute fisica e psichica.Il tutto accettato con ebete euforia dalle mandrie con campanaccio ,lobotomizzate al punto di rientrare nel recinto ad ogni schioccare di dita.