Lieve aumento dei nuovi casi, ancora tanti i decessi: 814

Risale il rapporto positivi/tamponi: 11,3%. In calo attuali positivi e ricoveri ordinari e in terapia intensiva

Sono 24.099 i nuovi contagi di venerdì 4 dicembre a fronte di su 212.741 tamponi. Il tasso positivi/tamponi sale all'11,3%. In lieve calo i morti 814, contro i 993 di ieri.

VALLE D'AOSTA

Sono 27 i nuovi positivi in Valle d'Aosta per un totale di 6.646 da inizio pandemia, secondo i dati del bollettino regionale. I positivi attuali sono 1.080, 38 in meno di ieri, di cui 109 ricoverati. Tra questi 11 sono in terapia intensiva e 960, 34 meno di ieri, invece sono le persone attualmente in isolamento domiciliare. Sono 326 invece i decessi da inizio pandemia, 2 in più rispetto a ieri.

PIEMONTE

Sono 2.132 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 in Piemonte, pari al 10,2 % dei 20.846 tamponi eseguiti. Sono 54 invece i decessi registrati, di cui 8 verificatisi oggi. Lo rende noto la Regione sulla base dei dati diffusi dall'unità di crisi. Dei 2.132 nuovi contagi, gli asintomatici sono 926, pari al 43,4 %. I casi sono così ripartiti: 512 screening, 1052 contatti di caso, 568 con indagine in corso; per ambito: 345 RSA/Strutture Socio-Assistenziali, 111 scolastico, 1676 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 175.063, così suddivisi su base provinciale: 15.257 Alessandria, 8.190 Asti, 6.051 Biella, 24.102 Cuneo, 13.502 Novara, 93.033 Torino, 6.622 Vercelli, 5.804 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 951 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1551 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 357 (-9 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 4351 (- 108 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 63.768.

ALTO ADIGE

In Alto Adige restano molto alti i dati legati al contagio da Covid-19. I decessi sono ancora in doppia cifra, 11, per 569 vittime dal inizio pandemia. Sempre elevati i nuovi contagi giornalieri, ben 375 in più nelle ultime 24 ore. L'azienda sanitaria provinciale scinde il dato dei nuovi casi: 270 sono emersi dall'analisi di 2.009 tamponi Pcr e 90 su 1.912 test antigenici eseguiti. Il dato legato a quest'ultimi, oggi è maggiore rispetto a quello di ieri quando su 3.040 test eseguiti, i positivi erano 86. Su 151.045 persone sottoposte a tampone Pcr, 24.847 sono risultate positive al coronavirus. Lieve calo di ricoveri in ospedale. I pazienti covid che si trovano nei normali reparti ospedalieri sono 270 (10 in meno rispetto a ieri) e quelli che si trovano nelle strutture private convenzionate restano fermi a 148. I pazienti che necessitano delle cure della terapia intensive sono 32 (3 in meno di ieri). Netto calo delle persone in isolamento domiciliare che da 7.467 scendono a 6.616. Le persone guarite salgono a 13.092, 303 in più rispetto a ieri.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 1.040 nuovi contagi (l'11,10 per cento dei 9.370 tamponi eseguiti). Sono inoltre stati registrati 26 decessi da Covid-19, ai quali si aggiungono ulteriori 10 decessi pregressi inseriti oggi a sistema afferenti al periodo 5-19 novembre. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 34.010, di cui: 7.901 a Trieste, 14.812 a Udine, 6.652 a Pordenone e 4.230 a Gorizia, alle quali si aggiungono 415 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione risultano essere 15.606. Rimangono stabili a 59 i pazienti in cura in terapia intensiva e sono 632 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 977, con la seguente suddivisione territoriale: 332 a Trieste, 389 a Udine, 202 a Pordenone e 54 a Gorizia. I totalmente guariti sono 17.427, i clinicamente guariti 433 e le persone in isolamento 14.482.

EMILIA ROMAGNA

Dall'inizio dell'epidemia da coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 130.009 casi di positività, 2.143 in più rispetto a ieri, su un totale di 17.667 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 12,1%. Sono 63, invece, i nuovi decessi registrati. Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano. Prosegue la discesa dell'Rt regionale, l'indice di trasmissibilità del virus, sceso sotto l'1: è infatti arrivato a 0,99 dall'1,11 della settimana scorsa. Lo comunica la Regione guidata da Stefano Bonaccini nel bollettino di oggi. Prosegue l'attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.017 sono asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 422 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone, 629 sono stati individuati all'interno di focolai già noti. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 46,5 anni. Sui 1.017 asintomatici, 565 sono stati individuati grazie all'attività di contact tracing, 85 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 16 con gli screening sierologici, 18 tramite i test pre-ricovero. Per 333 casi è ancora in corso l'indagine epidemiologica.

TOSCANA

Sono 1.071 i positivi in più rispetto a ieri, su un totale, da inizio epidemia, pari a 106.875 unità. I nuovi casi sono l'1% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 1.071 casi odierni è di 48 anni circa (il 13% ha meno di 20 anni, il 23% tra 20 e 39 anni, il 32% tra 40 e 59 anni, il 22% tra 60 e 79 anni, il 10% ha 80 anni o più). I guariti crescono del 4,7% e raggiungono quota 70.798 (66,2% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.620.101, 14.074 in più rispetto a ieri, di cui il 7,6% positivo. Sono invece 4.152 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 25,8% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 4.313 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 33.279, -6,1% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.681 (58 in meno rispetto a ieri), di cui 263 in terapia intensiva (9 in meno). Oggi si registrano 42 nuovi decessi: 23 uomini e 19 donne con un'età media di 80 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 11 a Firenze, 4 a Prato, 6 a Pistoia, 4 a Massa Carrara, 3 a Lucca, 6 a Pisa, 2 a Livorno, 2 a Arezzo, 3 a Siena, 1 a Grosseto. Alcuni dei decessi comunicati agli uffici della Regione nelle ultime 24 ore si riferiscono a morti avvenute nelle settimane scorse. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

LAZIO

Aumentano i nuovi positivi nel Lazio. "Oggi, su quasi 23mila tamponi, si registrano 1.831 casi", rende noto l'assessore alla Sanità regionale, Alessio D'Amato. Ieri i nuovi positivi erano stati 1.769, sempre su quasi 23mila tamponi eseguiti. Cresce anche il numero dei decessi: sono 62 a fronte dei 38 di ieri. I guariti nelle ultime 24 ore sono stati 811.

ABRUZZO

Sono complessivamente 29604 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 408 nuovi casi (di età compresa tra 8 mesi e 100 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 54, di cui 14 in provincia dell'Aquila, 17 in provincia di Pescara, 10 in provincia di Chieti e 13 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 15 nuovi casi e sale a 955 (di età compresa tra 60 e 93 anni, 6 in provincia dell'Aquila, 4 in provincia di Teramo, 5 in provincia di Pescara). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 10857 dimessi/guariti (+429 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 17792 (-36 rispetto a ieri). Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 428610 test (+4240 rispetto a ieri). 700 pazienti (+2 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 73 (-3 rispetto a ieri - si registrano 6 nuovi ricoveri, 4 dimissioni e 5 decessi) in terapia intensiva, mentre gli altri 17019 (-35 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 9625 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+133 rispetto a ieri), 5675 in provincia di Chieti (+79), 5968 in provincia di Pescara (+132), 7908 in provincia di Teramo (+89), 249 fuori regione (invariato) e 179 (-25) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Lo comunica l'Assessorato regionale alla Sanità.

MARCHE

Nelle Marche sono stati individuati nelle ultime 24 ore 492 nuovi casi di 'Covid-19', il 30,3% rispetto 1.625 tamponi processati Lo si apprende dal primo aggiornamento del Servizio Sanità della Regione Marche. Rispetto a ieri, sono cresciuti sia i positivi individuati (erano stati 476), sia il rapporto con i test effettuati (al 26,3% su 1.599 tamponi). Il totale dei casi positivi individuati in tutta la regione dall'inizio della crisi pandemica è salito così a 31.532. Sempre ieri, sono stati effettuati 1.222 test antigenici e riscontrati 42 casi positivi (3,4%), che saranno sottoposti al tampone molecolare, e 1.970 test nel percorso guariti. I nuovi positivi sono stati individuati 167 in provincia di Macerata, 92 in provincia di Ancona, 105 in quella di Pesaro-Urbino, 70 nel Fermano, 48 nel Piceno e 10 da fuori regione. Questi casi comprendono 64 soggetti sintomatici, 108 contatti in ambiente domestico, 135 contatti stretti con positivi, 23 contatti in ambiente lavorativo, 13 contatti in ambienti di socialità, 6 contatti in ambiente assistenziale, 20 contatti con coinvolgimento di studenti, 12 individuati attraverso lo screening nel percorso sanitario; per altri 111 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

UMBRIA

Sono 168 i nuovi casi di positività rilevati oggi in Umbria. Scende il numero degli attualmente positivi che passa da 6.762 a 6.423. Sono 4, invece, i decessi registrati per un totale di 444 vittime. Lo rende noto la Regione nell'aggiornamento quotidiano dei dati pubblicato sul sito.

PUGLIA

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi in Puglia sono stati registrati 9.480 test per l'infezione da Covid-19 e sono stati registrati 1.419 casi positivi: 741 in provincia di Bari, 161 in provincia di Brindisi, 165 nella provincia BAT, 106 in provincia di Foggia, 97 in provincia di Lecce, 135 in provincia di Taranto, 11 residenti fuori regione, 3 casi di provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 72 decessi: 21 in provincia di Bari, 8 in provincia BAT, 4 in provincia di Brindisi, 35 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 2 in provincia di Taranto.

BASILICATA

la task force regionale comunica che ieri, 3 dicembre, sono stati processati 1.701 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 158 (e fra questi 139 residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Ieri inoltre risultano guarite 100 persone. Inoltre, risultano decedute 3 persone: 1 di Bella e 2 di Marsiconuovo. Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 6.243 (6.207 all'ultimo aggiornamento, a cui si aggiungono 139 positività di residenti e si sottraggono 100 guarigioni di residenti e 3 deceduti) di cui 6.075 in isolamento domiciliare. Sono 2056 le persone guarite dall'inizio dell'emergenza sanitaria e 158 quelle decedute (a cui si aggiungono 3 deceduti in Basilicata ma residenti in altre regioni). Sono 168 le persone attualmente ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane: a Potenza 39 pazienti sono ricoverati nel reparto di Malattie infettive, 12 in Terapia intensiva, 29 in Pneumologia e 16 in Medicina d'urgenza dell'ospedale San Carlo; a Matera 52 persone si trovano nel reparto di Malattie infettive, 8 in Terapia intensiva e 12 in Pneumologia dell'ospedale 'Madonna delle Graziè. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono stati analizzati 158.358 tamponi, di cui 147.800 risultati negativi.

SARDEGNA

Sono 23.429 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale si registrano 551 nuovi casi. Si registrano anche 5 decessi (511 in tutto). Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano. Il totale delle vittime comprende un riallineamento dei dati della Provincia di Nuoro che ha portato al ricalcolo dei decessi: 43 avvenuti nel periodo precedente e già inseriti all'interno del flusso informativo della piattaforma dell'Istituto superiore della sanità. Si aggiunge anche un decesso avvenuto precedentemente nella provincia di Oristano. In totale sono stati eseguiti 389.753 tamponi con un incremento di 4.774 test. Sono invece 591 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (due in meno rispetto al dato di ieri), mentre è di 70 (+4) il numero dei pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 13.840. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 8.324 (+213) pazienti guariti, più altri 93 guariti clinicamente. Sul territorio, di 23.429 casi positivi complessivamente accertati, 4.886 (+107) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 3.745 (+106) nel Sud Sardegna, 1.935 (+100) a Oristano, 4.396 (+156) a Nuoro, 8.467 (+82) a Sassari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ruggerobarretti

Ven, 04/12/2020 - 18:04

Fino a febbraio 2020 nessun mezzo di (dis)informazione si e' mai occupato di contabilizzare giornalmente le dipartite giornaliere. Da allora tutti i giorni sta pippa. La morte e' insopportabile per chi non riesce a vivere diceva un saggio emiliano. Onore a Yukio.

upwithrich

Ven, 04/12/2020 - 18:07

Il virus clinicamente morto uccide più adesso che a Marzo. Il Dr. Zangrillo dovrebbe ammettere di aver detto una (cfr. Fantozzi) pazzesca

Tizzy

Ven, 04/12/2020 - 18:13

Questo anno tutto è covid....Si potrebbero per favore avere i dati delle influenze e virus vari degli anni precedenti?? Queste notizie fine a se stesse, stanno solo alimentando il terrore..... Appartenendo alla generazione dell'usare il proprio cervello (purtropo in estinzione)vorrei capire fino a che punto è realtà e fino a che punto è uso del terrore per mantenere il potere..

fabioerre64

Ven, 04/12/2020 - 18:14

@upwithrich, ancora?! Quando lo ha detto era luglio e corrispondeva alla realtà.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 04/12/2020 - 18:19

chi è stato a dire qualche mese fa: "andrà tutto bene...", siamo arrivati quasi a 60.000 morti...

Junger

Ven, 04/12/2020 - 18:35

E' del tutto evidente che la strategia di contenimento di Conte non ha alcun effetto sull'andamento dell' epidemia. Un mese di assurdi coprifuochi e di costosissime chiusure per nulla. L'unico fattore che poteva avere una minima incidenza (le scuole dell' obbligo) perfettamente aperte per gli imperativi categorici dell' autorevolissima signorina Azzolina!

Ilsabbatico

Ven, 04/12/2020 - 18:36

Ma morti di che?????? Vorrei sapere i numeri corretti suddivisi per patologie , età , rispetto all'anno scorso. Morti di covid o morti con covid??????????

steluc

Ven, 04/12/2020 - 18:39

Quando mettere una croce ( sbagliata) su una scheda significa metterne 60.000 al cimitero. E non imparare la lezione.

ruggerobarretti

Ven, 04/12/2020 - 18:40

Lanzi: e' se il bilancio finale fosse invariato rispetto agli altri anni?? Tizzy: semplice piu' o meno 50.000 decessi/annui per affezioni respiratorie varie.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 04/12/2020 - 18:42

CE LA FAREMO! ANDRA TUTTO BENE!....A me non sembra proprio.

manson

Ven, 04/12/2020 - 19:01

E vedrai a gennaio! Giusto in tempo per non riaprire le scuole

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 04/12/2020 - 19:25

@upwithrich - molti a sinisrta dissero la stessa cosa a gugno e fino a settembre in giro in vacanza ad infettarsi per bene. Anche lo stesso Conte disse a settembre, chiudiamoci a ottobre e novembre e faremo un bel Natale più libero. Abbiamo visto. Fanfarone tu e loro.