Litigano violentemente e l’ex compagno le brucia l’autovettura

L’uomo, 38 anni, da almeno sei mesi, sottoponeva la sua ex fidanzata ventenne di Napoli a violenze psicologiche e fisiche. Arrestato dai carabinieri dovrà rispondere di atti persecutori, minacce aggravate e danneggiamento a seguito di incendio

Litigano violentemente e l’ex compagno le brucia l’autovettura

Una storia d’amore finita male ha reso la vita impossibile ad una donna di 20 anni di Secondigliano, uno dei quartieri più problematici di Napoli, almeno fino a ieri. L’ex compagno, da almeno sei mesi, sottoponeva la ragazza a violenze psicologiche e fisiche. L’uomo, 38 anni, non sopportava di essere stato lasciato dalla fidanzata, la seguiva continuamente e, spesso, la malmenava e la offendeva al culmine di litigi che duravano ore.

La donna, in tutto questo tempo non aveva mai denunciato il suo aggressore, ma ieri quest’ultimo è andato oltre ogni limite, provocando la reazione della ragazza. In seguito all’ennesima discussione, sfociata in violento litigio, l’uomo ha cosparso di benzina l’auto dell’ex fidanzata, in sosta a pochi passi dalla sua abitazione, e le ha dato fuoco. A quel punto la donna si è rivolta alle forze dell’ordine segnalando il gesto inconsulto dell’ex compagno.

Giunti sul posto, i carabinieri del nucleo radiomobile del reparto operativo di Napoli hanno identificato l’autore del deprecabile gesto e lo hanno tratto in arresto. Il 38enne, che aveva ancora tra le mani il contenitore in plastica con i residui di benzina, dovrà rispondere davanti al giudice di atti persecutori, minacce aggravate e danneggiamento a seguito di incendio.

Commenti