Make It Bright: il progetto JTI per universitari e neolaureati italiani

Al via il programma internazionale di JTI. In palio un’opportunità di stage nazionale e internazionale oltre a un corso di formazione in una delle top business school del mondo

Make It Bright: il progetto JTI per universitari e neolaureati italiani

Si chiama Make It Bright 2020 ed è la seconda edizione del programma internazionale offerto da JTI (Japan Tobacco International) rivolto a studenti universitari e neolaureati italiani dai 19 ai 25 anni.

Fino al 30 maggio i partecipanti potranno iscriversi per sfidare altri giovani da tutto il mondo e contendersi un'imperdibile opportunità professionale proprio all'interno di JTI, uno dei maggiori produttori di tabacco e prodotti da vaping a livello internazionale.

Sostenibilità, marketing, innovazione e una formazione a 360 gradi fornita dai professionisti di JTI: sono queste le sfide concrete contenute in un programma che offre la possibilità di mettersi alla prova in un contesto internazionale e di stretta attualità. Tante le competenze garantite, che vanno dal public speaking al project management.

Che cos'è il progetto Make It Bright

A questo proposito, per spiegare meglio il concetto attorno al quale ruota Make It Bright, è fondamentale rifarsi alle parole di Daria Andreeva, People & Culture Director di JTI Italia: “In JTI sappiamo quanto sia importante partire nel mondo del lavoro con la spinta giusta. Sappiamo essere una vera sfida, ma i giovani talenti hanno bisogno di credere nelle loro capacità e di cercare fin da subito i migliori percorsi lavorativi. Come ogni talento interno all’azienda i partecipanti di Make It Bright saranno supportati, guidati da esperti professionisti, ma anche messi alla prova e lasciati liberi di ideare, sperimentare e divertirsi”.

Il programma internazionale per universitari e neolaureati, a livello nazionale, prevede tanto il lavoro sul business case, assieme al manager, quanto la possibilità di partecipare alla selezione di due posizioni di stage retribuito nei mesi estivi presso uno dei team di JTI Italia. Una volta che sarà stato designato il miglior progetto locale, scatterà la seconda fase della competizione. E qui la sfida diventerà internazionale.

Nella seconda fase della competizione i riflettori saranno puntati sulla sfida internazionale contro i vincitori provenienti dagli altri Paesi partecipanti. Che cosa succederà a questo punto? I business case saranno presentati a una giuria globale formata da top management di JTI. Questi ne giudicheranno tanto l'innovatività quanto la portata in termini di impatto e insight. Il premio per i primi classificati prevede un programma di internship internazionale in tre diverse sedi del gruppo e un viaggio a Londra per un training all'interno di una delle migliori business school presenti al mondo.

Commenti