Maltempo, previsti forti eventi: è allerta arancione su Liguria, Piemonte e Lazio

Forte maltempo nelle prossime ora in diverse Regioni italiane. In Campania previsto forte vento e grandinate. Sotto osservazione molti corsi d’acqua

Maltempo, previsti forti eventi: è allerta arancione su Liguria, Piemonte e Lazio

Forte maltempo in avvicinamento all’Italia. Un ciclone proveniente dalle Isole Baleari si sta muovendo verso il nostro Paese, tanto che nelle prossime ore raggiungerà la Sardegna.

Numerose le regioni, da nord a sud, che saranno interessate da piogge intense. In una nota diramata dalla Protezione civile del Lazio si legge che “il Centro Funzionale Regionale ha adottato oggi un avviso di criticità con indicazione che dal pomeriggio di oggi, giovedì 24 ottobre, e per le successive 12 ore si prevede nelle seguenti zone di allerta del Lazio criticità idrogeologica per temporali codice arancione su bacini costieri Nord, Roma e bacini costieri sud; codice giallo su medio Tevere, Appennino di Rieti, Aniene e bacino del Liri”.

Oltre a ciò è tutt’ora valido l'avviso di condizioni meteorologiche avverse emesso ieri. Pertanto, la sala operativa permanente della Regione Lazio ha diramato l'allertamento del sistema di protezione civile, invitando contemporaneamente tutte le strutture ad adottare gli adempimenti di competenza.

Il forte maltempo riguarderà anche altre regioni. In Piemonte resta l’allerta arancione nell'alessandrino per le piogge diffuse iniziate nella tarda serata di ieri e che dovrebbero attenuarsi nella notte per poi esaurirsi nella mattinata di domani. Tutti i livelli idrometrici dei corsi d’acqua, Po compreso, al momento non sono preoccupanti. Il Lago Maggiore è in crescita, ma abbondantemente sotto la soglia di pericolo.

A seguito delle forti piogge dei giorni scorsi, la protezione civile segnala 16 persone evacuate ad Arquata Scrivia in frazione Rigoroso, 43 persone a Gavi, 4 a Mornese, 4 a Parodi Ligure, 52 a Castelletto d'Orba, 2 persone a Carrosio e altrettante a Novi Ligure. In diverse località dell'Alessandrino, inoltre, le scuole restano chiuse. Lezioni sospese fino a lunedì a Castelletto d'Orba e Gavi mentre a Novi Ligure solo nella giornata di domani non ci siederà tra i banchi.

Anche la Liguria sarà interessata da precipitazioni intense. Dalla mezzanotte sulla Regione è scattato l'allerta arancione. Il consigliere delegato alla Protezione civile del Comune di Genova Sergio Gambino ha sottolineato che “si prevedono ancora piogge diffuse ancora per un paio di ore, ma fortunatamente non ci sono temporali”. Le scuole a Genova restano aperte mentre sono chiuse quelle nelle Valli Scrivia e Stura, alle 5 Terre e in numerosi comuni dell'entroterra. Sotto sorveglianza le frane cadute nei giorni scorsi, come quelle di Campo Ligure e di Rossiglione.

In Campania, la Protezione civile ha diramato un avviso di allerta meteo di colore Giallo sulle zone 1 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana) e 3 (Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini). Dalle 22 di stasera e fino alle 10 di domani mattina si prevedono “precipitazioni a possibile carattere di rovescio o temporale, puntualmente anche intense, soprattutto sui comuni della fascia costiera e sulle isole”.

Nel corso dei temporali sono possibili anche forti raffiche di vento, fulminazioni, possibili grandinate e a caduta di rami o alberi. Inoltre si segnalano possibili “ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale, allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno, scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse e occasionali fenomeni franosi superficiali legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili, in bacini di dimensioni limitate”. La Protezione civile della Campania raccomanda alle autorità competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni attesi al fine di ridurre i rischi per la popolazione.

Commenti