Il nuovo piano anti migranti: "Ora controlli anche via terra"

In pochi giorni hanno attraversato illegalmente il confine a Est oltre 100 migranti. Il governatore Fvg Fedriga: "Sono estremamente preoccupato"

Il nuovo piano anti migranti: "Ora controlli anche via terra"

Altri 18 migranti sono stati bloccati al confine tra il Friuli Venezia Giulia e la Slovenia. Ieri le forze dell'ordine avevano individuato nel comune di San Dorligo della Valle (Trieste) oltre 100 immigrati, di origine pakistana e afghana, mentre camminavano in piccoli gruppi vicino a zone boschive.

Questa mattina invece gli agenti della polizia di frontiera hanno fermato 18 migranti che sono stati poi accompagnati al centro di fotosegnalamento della Caserma di Fernetti.

Si riaccende così l'allarme al confine con la Slovenia. Se il ministro dell'Interno Salvini chiude i porti, i migranti continuano ad arrivare in Italia da Est, dopo aver percorso tutta la rotta balcanica. Difficile, come avevamo documentato, tenere sotto controllo il Carso che presenta una vegetazione folta in mezzo alla quale si può camminare senza essere visti.

Lo scorso anno, Salvini e il governatore della Regione Massimiliano Fedriga avevano messo in campo un piano per incrementare i pattugliamenti. La mossa del Viminale aveva portato all'arresto di numerosi passeur e all'espulsione di decine di clandestini.

Controlli congiunti

Il piano del governo ha dato buoni risultati, ma anche altri attori devono scendere in campo. Dal 1 luglio, come spiega il Gazzettino, prenderanno quindi il via i controlli congiunti ai confini con la Slovenia. Si tratta di pattugliamenti misti per proteggere i valichi, bloccare eventuali sfruttatori e fermare l’immigrazione irregolare. Lo ha annunciato il governatore del Friuli Venezia Giulia. "Sono estremamente preoccupato per quanto sta accadendo al confine italo-sloveno - ha spiegato Fedriga -. Malgrado l'enorme sforzo del governo la situazione non può risolversi se tutti i Paesi coinvolti non offrono il loro contributo".

"Abbiamo bloccato gli ingressi via mare e ora rafforziamo la vigilanza per proteggere le frontiere terrestri. Dopo anni, l’Italia non è più il campo per clandestini dell’Europa", ha dichiarto il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Se le criticità lungo la rotta balcanica non dovessero essere superate in breve tempo, Fedriga ha spiegato che la Regione "valuterà di richiedere al Governo la sospensione del trattato di Schengen".

Commenti