Molestata da straniero che si cala pantaloni, l'incubo di una 18enne

Tanta paura per la giovane, avvicinata e molestata dal pakistano che, ormai completamente fuori controllo, non ha esitato a calarsi i pantaloni. All'arrivo degli agenti della Polfer, il soggetto ha dato in escandescenze, arrivando a scagliarsi contro di loro

Brutta esperienza per una giovane di 18 anni, approcciata e pesantemente molestata a bordo di un treno regionale da un cittadino straniero che, in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuto all'abuso di alcolici, non ha esitato a mostrarle addirittura le parti intime.

Secondo quanto riferito dai quotidiani locali che hanno riportato la notizia, il fatto si è verificato durante la serata di mercoledì 4 dicembre su un convoglio diretto a Padova. Un viaggio da autentico incubo per la 18enne, che è stata subito presa di mira dall'extracomunitario non appena questi è salito sul treno.

Ubriaco e fuori controllo, l'uomo ha avvicinato la ragazza, cominciando ad infastidirla ed a rivolgerle pesanti e volgari apprezzamenti. Completamente inutili i tentativi della giovane di ignorare il suo molestatore. Il soggetto ha seguitato con il suo fastidioso atteggiamento, deciso ad ottenere l'attenzione della giovane. La situazione è ulteriormente degenerata quando lo straniero, eliminato ogni freno, è addirittura arrivato a calarsi i pantaloni dinanzi alla malcapitata vittima.

Terrorizzata ed indifesa, la 18enne si è infine decisa a richiedere l'intervento delle forze dell'ordine. Informati sui fatti, gli agenti della polizia ferroviaria sono saliti a bordo del convoglio quando questo si è fermato alla stazione di Padova.

Raggiunta la carrozza dove si trovava la ragazza molestata, i poliziotti hanno subito individuato il responsabile, trovato con ancora le braghe abbassate.

Alla vista degli uomini in divisa l'extracomunitario ha dato in escandescenze, motivo per cui gli agenti della Polfer hanno dovuto faticare non poco per immobilizzarlo e farlo scendere dal treno. Deciso a non farsi prendere, infatti, il facinoroso non ha esitato a scagliarsi contro di loro.

Raccolta la denuncia della 18enne, i rappresentanti delle forze dell'ordine hanno tradotto il responsabile negli uffici della locale centrale, dove si sono svolte le pratiche di identificazione ed incriminazione.

Sottoposto ai controlli di rito, il soggetto è risultato essere un pakistano di 31 anni, tale A.H. Per lui, accusato di atti osceni in luogo pubblico per lo squallido spettacolo offerto alla giovane, è scattata anche un'incriminazione per resistenza a pubblico ufficiale, dato che alla richiesta degli agenti di scendere dal treno ha reagito con violenza.

Trovato in evidente stato di ebbrezza, il 31enne è stato infine segnalato all'autorità giudiziaria locale per ubriachezza molesta. Rimesso in libertà, il pakistano è in attesa di provvedimenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

oracolodidelfo

Ven, 06/12/2019 - 18:38

Care ragazze, tenete in borsa un paio di forbici taglienti....ed in casi come questi....ZAC!!!!!

oracolodidelfo

Ven, 06/12/2019 - 18:41

I mussulmani non bevono alcolici. Questo soggetto era alterato solo dai suoi bassi ed animaleschi istinti.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 06/12/2019 - 18:57

Avendo i pantaloni abbassati si poteva agevolmente lasciargli un marchio indelebile che gli ricordasse cosa significa vivere civilmente in Occidente. Dopo il quale,doveva essere immediatamente defenestrato quale ospite non gradito.

6077

Ven, 06/12/2019 - 19:11

un'altra occasione sprecata.

ilrompiballe

Ven, 06/12/2019 - 19:15

Domani libero subito. Avanti così, naturalmente. Pare che la legalità (di cui la politica si riempie la bocca) sia un'optional.

Anonimo51

Ven, 06/12/2019 - 19:34

Beh! E' un film gia' visto e, a quanto pare, che in Italia la giustizia sia a senso unico, va bene cosi'. Non importa a nessuno e tanto meno alle istituzioni, che giovani ragazze siano molestate in pubblico e che a farne le spese, siano sempre le solite forze dell'ordine che intervengono per proteggerle. Anzi, sotto molti aspetti, alcune toghe rosse, sarebbero piu' contente se proprio non intervenissero, cosi non debvono intervenire ad emettere sentenze.

scaruglia

Ven, 06/12/2019 - 20:12

Se fossimo stati nel ventennio......la milizia avrebbe fatto diventare il pakistano...un uomo nuovo...

Una-mattina-mi-...

Ven, 06/12/2019 - 20:25

OKKIO, CHE LE SARDINE DELL'ANPI VEGLIANO INFLESSIBILI SULLA PATRIA MARTORIATA!