Naufragio nel Canale di Sicilia: ​oltre 340 immigrati morti in soli due giorni

Terzo naufragio nelle ultime 48 ore. Recuperati nel Canale di Sicilia sette cadaveri. Altri 96 sarebbero ancora dispersi

Naufragio nel Canale di Sicilia: ​oltre 340 immigrati morti in soli due giorni

Un ennesimo naufragio riempie di cadaveri il Canale di Sicilia nell'indifferenza dell'Unione europea. Questa mattina Medici senza frontiere ha soccorso una imbarcazione dove a bordo c'erano, secondo i superstiti, almenon 130 immigrati. Di questi soltanto ventisette sono stati tratti in salvo e portati sulla nave Argos. "Sono gli unici sopravvissuti - spiegano dall'organizzazione umanitaria - ogni giorno una tragedia nel Mediterraneo". Sarebbero, dunque, novantasei i dispersi di cui si cercano i corpi. Per il momento sono stati recuperati sette cadaveri.

Più di 340 immigrati hanno perso la vita attraversando il Mediterraneo nelle ultime quarantott'ore. Flavio Di Giacomo, portavoce dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim), ha spiegato che c'è stato un primo naufragio con quindici sopravvissuti e trentacinque dispersi, un secondo con ventitré immigrati tratti in salvo e 99 dispersi e un terzo con 114 sopravvissuti, un cadavere recuperato e cinque dispersi. Il tutto mentre il governo Renzi e l'Unione europea discutono di flessibilità senza trovare una soluzione concreta all'emergenza immigrazione.

Nel frattempo riprendono gli sbarchi a Pozzallo. La nave "Responder" dell'ong Moas, con a bordo il personale di Emergency, ha portato sulle coste italiane 554 immigrati che arrivano dal Bangladesh, dalla Nigeria, dalla Libia, dal Gambia, dalla Costa d'Avorio, dal Senegal, dal Mali, dal Sudan e dalla Tunisia. Tra loro ci sono anche dodici bambini e novanta donne. Messi in salvo in cinque operazioni di recupero, non sono stati segnalati casi clinici di particolare entità ma le autorità si sono dovute scontrare con l'emergenza sbarchi in cui versa tutta l'isola. Quando questi sono sbarcati, al centro di prima accoglienza di Pozzallo erano presenti già 215 immigrati con almeno 150 minori. E, dal momento che il centro è già oltre la capienza massima, sono state posizionate le tende nel piazzale della cittadina interessata da una pioggia abbondante.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento