No vax, asili alternativi per i bambini non vaccinati

"Saremo dei fuori legge e non sappiamo cosa lo Stato vorrà fare dei nostri figli. Le famiglie si stanno organizzando quasi clandestinamente"

No vax, asili alternativi per i bambini non vaccinati

Quando il prossimo 10 marzo i loro bambini saranno esclusi da scuole e asili nido perché non vaccinati, i genitori se li riporteranno a casa. I No vax non cedono alle costrizioni del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e a quello dell'Istruzione, Valeria Fedeli, e stanno già pensando a soluzioni alternative per i figli. O meglio, ad asili riservati a bambini non vaccinati. Luoghi segreti, conosciuti solo dai genitori che si sono organizzati per affittare i nuovi spazi per il loro bambini.

Nessuno infatti sa dove apriranno questi spazi alternativi dato che i No vax non vogliono uscire allo scoperto. "Saremo dei fuori legge e non sappiamo cosa lo Stato vorrà fare dei nostri figli", ha dichiarato al Gazzettino Tony Pagliuca, veneziano, tastierista e compositore storico de 'Le Orme' che si era anche candidato per rappresentare il partito dei contrari ai vaccini in Parlamento. La sua, ha spiegato l'uomo, è una posizione free-vax che significa "libertà di scelta e libertà di informazione".

"Chi ha deciso di non fare ai propri figli tutte le somministrazioni vaccinale si sta arrangiando come può. Le famiglie si stanno organizzando quasi clandestinamente con alternative. Hanno paura, il terrore che lo Stato sta mettendo nelle nostre famiglie talvolta dividendole", ha raccontato Pagliuca.

Commenti