Parma, presi 3 stranieri: documenti falsi per sostenere test italiano

Determinati ad ottere il permesso di soggiorno, i tre stranieri hanno presentato i documenti di altre persone ai responsabili dell’ente di formazione, ma è risultato subito evidente che le foto non corrispondevano all’aspetto dei candidati

Sono finiti nei guai tre cittadini stranieri che lo scorso sabato, a Parma, hanno tentato di sostenere l’esame di lingua italiana (necessario per ottenere il tanto ambito permesso di soggiorno), presentando dei documenti falsi.

Il piano messo a punto dai responsabili era quanto mai banale, e per tale ragione sono stati subito scoperti. Quando sabato mattina i tre hanno esibito i documenti nella sede Cpia di via Spezia, dove si sarebbe svolto il test per conseguire l’attestato di lingua italiana di livello A2, il personale dell’ente di formazione ha immediatamente compreso di trovarsi di fronte ad un palese inganno.

Le foto nei documenti mostrati, infatti, non corrispondevano affatto agli uomini che avevano di fronte.

A quel punto sono state allertate le autorità, ed in breve una pattuglia della polizia di Stato ha raggiunto la struttura. Gli agenti hanno visionato i documenti, risultati appartenere a due cittadini indiani e ad uno dello Sri Lanka, e quindi identificato gli impostori. Si tratta di due indiani di 36 e 41 anni, e di un cingalese di 44, determinati ad ottenere con l’inganno il rinnovo del permesso di soggiorno.

I tre sono stati denunciati per il reato di tentata truffa e sostituzione di persona. Non solo.

Dopo un veloce controllo, gli inquirenti hanno scoperto che sul 44enne pendeva già una misura di custodia cautelare per possesso e fabbricazione di documenti falsi. Per tale ragione lo straniero proveniente dallo Sri Lanka è finito dietro le sbarre del carcere di Parma.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 11/02/2019 - 17:16

vedremo qunta galera faranno.

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Lun, 11/02/2019 - 17:55

Come nella Nazione dove vivo. Tutti i tipi di truffa elettronica o di documenti li fanno gli asiatici "brown"!

sr2811

Lun, 11/02/2019 - 18:10

A casa sua subito altro che galera...