Parma, pugni e morsi ai carabinieri: fermato 20enne nigeriano

Per evitare un controllo mentre si trovava all’interno del parco Ducale di Parma, un 20enne nigeriano ha aggredito i carabinieri con pugni e morsi. Fermato, lo straniero è stato giudicato con rito direttissimo e rimesso in libertà, con obbligo di firma, in attesa del processo che si terrà a marzo

Litiga con un ragazzo all’interno del Parco Ducale a Parma e, poi, aggredisce selvaggiamente i carabinieri intervenuti per riportare la situazione sotto controllo.

Protagonista dell’episodio di violenza, verificatosi nel pomeriggio della scorsa domenica nella storica area verde della città emiliana, è un 20enne nigeriano risultato, in seguito, essere incensurato.

Lo straniero, probabilmente sotto l’effetto dell’alcol, stava discutendo piuttosto animatamente con un altro extracomunitario. I militari del Nucleo radiomobile, giunti sul posto immediatamente, hanno individuato e fermato i contendenti.

Alla richiesta di esibire i documenti, uno dei due litiganti ha acconsentito senza problemi mentre il nigeriano ha reagito in maniera violenta. Il giovane, infatti, nel tentativo di divincolarsi ha prima sferrato due pugni in faccia a un carabiniere e poi ha morso violentemente il collega.

La situazione, piuttosto tesa, è stata risolta dal provvidenziale arrivo di un’altra pattuglia. Solo con i rinforzi, il 20enne è stato bloccato, ammanettato e condotto nella caserma di via delle Fonderie a Parma, in attesa del processo per direttissima.

Il giudice ha rimesso in libertà il giovane nigeriano con l’obbligo di firma in attesa del processo che si celebrerà nei primi giorni di marzo. I due uomini dell’Arma feriti dall’immigrato nel corso della colluttazione, invece, sono stati medicati con i medici che hanno giudicato le loro lesioni guaribili in 7 e 30 giorni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mer, 30/01/2019 - 12:51

Dategli la pena di morte.

Ritratto di akamai66

akamai66

Mer, 30/01/2019 - 13:11

Il giudice ha rimesso in libertà il giovane nigeriano con l’obbligo di firma.Beh allora siamo a posto!

Mobius

Mer, 30/01/2019 - 14:20

"Aggredisce selvaggiamemte"?? Ehi, moderate i termini...

sr2811

Mer, 30/01/2019 - 16:48

Attenzione a reagire sig. carabinieri prendetele e basta altrimenti vi incriminano per razzismo...