Pasqua, la messa di Francesco: ​"Scandalo divario ricchi e poveri"

L'appello di Francesco per la pace in Medio Oriente e in Siria. Piazza San Pietro blindatissima

Pasqua, la messa di Francesco: ​"Scandalo divario ricchi e poveri"

I responsabili delle Nazioni abbiamo il coraggio di "evitare il dilagare dei conflitti" e di "fermare il traffico delle armi". È l'appello di Papa Francesco nel messaggio che precede la benedizione Urbi et Orbi (alla Città di Roma e al Mondo) nel giorno di Pasqua, in una piazza San Pietro blindata. "Il Pastore Risorto - dice - Si fa carico di quanti sono vittime di antiche e nuove schiavitù: lavori disumani, traffici illeciti, sfruttamento e discriminazione, gravi dipendenze. Si fa carico dei bambini e degli adolescenti che vengono privati della loro spensieratezza per essere sfruttati; e di chi ha il cuore ferito per le violenze che subisce entro le mura della propria casa". Si fa "compagno di strada" di quanti "sono costretti a lasciare la propria terra a causa di conflitti armati, di attacchi terroristici, di carestie, di regimi oppressivi". È a questi "migranti forzati" che fa incontrare "fratelli sotto ogni cielo", per "condividere il pane e la speranza nel comune cammino".

Per i migranti forzati, non manca, anche oggi, l'appello al cessate il fuoco ad Aleppo, vittima di una guerra che non smette di "seminare orrore e morte", dopo l'ultimo "ignobile attacco" di ieri ai profughi in fuga. Con la Siria, il Papa ricorda anche le altre zone del mondo che "patiscono il perpetuarsi di conflitti": il Medio Oriente, a partire dalla Terra Santa, come pure l' Iraq e lo Yemen. Ma anche il Sud Sudan, il Sudan, la Somalia e la Repubblica Democratica del Congo, aggravati dalla "gravissima carestia che sta colpendo alcune regioni dell'Africa". In una lettera inviata oggi al vescovo di Assisi, Domenico Sorrentino, Bergoglio denuncia lo "scandaloso" divario tra "lo sterminato numero di indigenti, spesso privi dello stretto necessario, e la minuscola porzione di possidenti che detengono la massima parte della ricchezza e pretendono di determinare i destini dell'umanità". L'occasione è l'inaugurazione del Santuario della Spogliazione nella chiesa di Santa Maria Maggiore, antica cattedrale della città umbra. "Purtroppo, a duemila anni dall'annuncio del Vangelo e dopo otto secoli dalla testimonianza di Francesco, siamo di fronte a un fenomeno di inequità globale e di economia che uccide".

Commenti