Pellegrina, la sorella "ribelle" di Padre Pio

Il settimanale "Chi" svela una storia inedita: la sorella del Santo di Pietralcina ebbe un figlio prima del matrimonio

Rimase incinta prima del matrimonio, si allontanò dalla famiglia, morì in solitudine a 52 anni. Una triste storia che potrebbe appartenere a una qualsiasi donna vissuta nell'Italia della prima metà del '900. Ma Pellegrina Forgione non proveniva da una famiglia ordinaria. Soprattutto aveva un fratello speciale: Francesco Forgione, Padre Pio, oggi venerato come santo.

La storia raccontata da "Chi"

Il settimanale Chi ha portato alla luce la storia della sorella di padre Pio. Nel numero in uscita il 7 novembre si racconta che Pellegrina rimase incinta nel 1911. Uno scandalo inaccettabile per l'epoca, tanto più nel contesto del piccolo villaggio di Pietrelcina (Benevento). Il fidanzato riconobbe il figlio e Pellegrina si sposò poco tempo dopo. Ma per la gente rimase una "poco di buono". Un marchio che la portò ad allontanarsi dalla sua terra.

Una vita difficile

La vita di Pellegrina fu segnata dalle difficoltà. Perse altri tre bambini, poi il marito si trasferì in America. Lei rimase in Italia: nel 1944, a 52 anni, fu ricoverata in un ospizio di Chieti. E qui morì, il 18 febbraio dello stesso 1944, proprio nella città abruzzese. Venne stroncata dalla tisi e fu sepolta in una tomba povera e anonima, dimenticata dalla famiglia.

La testimonianza degli studiosi

La drammatica vicenda di Pellegrina Forgione è venuta alla luce dopo il ritrovamento della tomba nel cimitero di Chieti, scoperta da una delegazione del Fondo Ambiente Italiano (Fai). Le testimonianze di due dei massimi studiosi della vita di padre Pio, Gianni Mozzillo e Claudio Crovella, hanno permesso di ricostruire le tappe della sua esistenza. Una "spina" nella vita del santo di Pietrelcina.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.