Picchia e stupra la fidanzata per tutta la notte: arrestato ecuadoriano

La giovane si è salvata perché l'uomo l'ha riaccompagnata a casa credendo di averla persuasa, con percosse e violenze, a non denunciarlo

Picchia e stupra la fidanzata per tutta la notte: arrestato ecuadoriano

Un ecuadoriano di Carugate, in Brianza, è stato arrestato per violenza sessuale aggravata, sequestro di persona, minacce aggravate e violenza privata. Dopo una lite per gelosia, lo scorso 4 marzo, il 40enne ha sequestrato la fidanzata, una 20enne italiana, e l'ha picchiata e violentata per tutta la notte nel suo box. Poi l'ha minacciata di morte.

Come riporta Tgcom24, la giovane si è salvata perché l'uomo l'ha riaccompagnata a casa credendo di averla persuasa, con percosse e violenze, a non denunciarlo. La 20enne è stata ricoverata in ospedale.

La vicenda

Il 40enne incensurato era andato a prendere la sua ragazza per chiarire una lite ma quando la giovane è salita sull'auto, lui l'ha colpita al viso con pugni e schiaffi e le ha strappato i capelli. La donna ha cercato di scendere dalla macchina, ma l'uomo ha messo in moto e l'ha portata in un box di sua proprietà, minacciando di ucciderla con una bottiglia di vetro. Una volta all'interno del garage, ha trascinato la fidanzata sul pavimento e ha abusato di lei per ore.

L'uomo ha poi finto di volerla riaccompagnare a casa. L'ecuadoriano ha cercato di convincerla a chiedergli scusa per averlo fatto arrabbiare, poi l'ha riportata nel suo box, dove l'ha violentata ancora e costretta a registrare un video nel quale ammetteva un inesistente tradimento.

Dopo una lunga notte di abusi, verso le tre del mattino, l'ha lasciata davanti al cancello di casa, convinto che lei non lo avrebbe mai denunciato. Con il volto devastato dalle percosse, la giovane è stata trasportata dai familiari in ospedale. Durante il ricovero, l'uomo ha continuato a scriverle messaggi, chiedendo di poterla incontrare.

Commenti