Di Pietro sul caso Palamara: 'Un magistrato lo fermi solo in 2 modi'

Intervistato da Nicola Porro, l'ex magistrato Antonio Di Pietro rilascia dichiarazioni sconcertanti: "Per quanto mi riguarda, io sono contrario all'esistenza stessa della Anm. Un magistrato può essere fermato o da un altro magistrato, o lo ammazzano"

Choc ieri sera nello studio di "Quarta Repubblica", programma tv in diretta su Rete4 e condotto da Nicola Porro, dopo le forti affermazioni dell'ex magistrato Antonio Di Pietro, invitato ad esprimersi sul tanto dibattuto caso Palamara.

Ormai finita al centro di una vera e propria bufera mediatica che non accenna a placarsi, la vicenda del pm Luca Palamara e dei suoi messaggi Whatsapp contro il leader della Lega Matteo Salvini ha scatenato un vero e proprio effetto domino, arrivando addirittura a far tremare lo stesso Consiglio superiore della magistratura (Csm).

Deciso ad affrontare a sua volta l'argomento, il giornalista Porro ha voluto invitare l'ex sostituto procuratore che fece parte del pool di "Mani pulite" per chiedere anche a lui un'opionione in merito ai fatti.

Le affermazioni di Di Pietro hanno creato non poco sconcerto. "Sta parlando ad una persona che da magistrato non si è iscritta all'Associazione nazionale magistrati e non concorda sul fatto che all'interno della magistratura ci debbano stare le correnti. Per quanto mi riguarda, io sono contrario all'esistenza stessa della Anm", dichiara il politico.

"Ma è un sindacato, vi rappresenta", aggiunge allora Porro.

"È proprio questo che io contesto", replica Di Pietro. "Il sindacato serve per difendersi da qualcuno. Il potere giudiziario è un potere, si difende da chi?".

Il conduttore di "Quarta Repubblica" ricorda allora la questione dell'indipendenza della magistratura, alla quale si è appellato anche il pm Palamara. "Si ricordi una cosa", afferma allora Di Pietro."L'indipendenza della magistratura è garantita dalla Costituzione. E, seconda cosa, un magistrato che vuole essere indipendente ed autonomo può essere fermato in soli due modi: o da un altro magistrato, o lo ammazzano. Non ci azzecca niente la politica".

Gelo in studio, lo stesso Nicola Porro resta basito: "Ma lei sta dicendo una cosa gravissima".

"L'ho vissuto sulla mia pelle", prosegue Di Pietro."Cito il mio caso. Ho ricevuto diversi dossier nei miei confronti. Qualsiasi persona, se vuole fermare un magistrato senza ammazzarlo, può solo calunniarlo, diffamarlo. Ma il magistrato va da un altro magistrato per avere giustizia. Il politico di turno può fare solo qualche dossieraggio".

Il dibattito si sposta quindi sulle intercettazioni. Intercettazioni che sono state "tagliate e cucite", come dichiarato da alcuni magistrati. "Da chi sono state tagliate?", domanda provocatoriamente Di Pietro. "Non mi preoccupo del taglia e cuci che possono fare i giornalisti, mi preoccupo di quello fatto in sede di indagine, che è molto più delicato e più grave. Mi preoccupo soprattutto quando si fanno le trascrizioni delle intercettazioni. Le trascrizioni vanno contestualizzate. Qui stiamo scoprendo un animo umano che non ci azzecca niente col magistrato. Ma il fatto che lo faccia un magistrato, anche se lo fa in privato (riferendosi a Palamara ed ai messaggi ricevuti da altri colleghi, Giuseppe Cascini e Marco Mancinetti), indubbiamente lede la reputazione della magistratura. Io sono molto amareggiato".

"Lei non ha mai chiesto un biglietto per andare allo stadio?", domanda Porro.

"Sa quando andavo allo stadio io? Quando facevo il commissario di polizia, per ordine pubblico", risponde Di Pietro.

"Ma questi due magistrati possono continuare a stare nel Csm?".

"Io sono totalmente contrario a un Csm che viene costituito in questo modo elettivo. Sono contrario all'esistenza delle correnti, e della stessa Associazione nazionale magistrati", replica il politico. "Io mi sono tolto la toga perché hanno fatto un dossieraggio nei miei confronti. Ho preferito dimettermi per difendermi all'interno del sistema giudiziario. Però nel mio caso era più facile, io ero innocente".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

DRAGONI

Mar, 09/06/2020 - 11:27

RIENTRI IN MAGISTRATURA......POICHE' SA CHE NON C'E' ALCUN MAGISTRATO CHE AMMAZZA I TACCHINI DESTINATI ALLE RICCHE E PRILEGIATE TAVOLE DI NATALE CHE DEVONO CONTINUARE A PERPETARSI.

ulio1974

Mar, 09/06/2020 - 11:31

non ci trovo nulla nè di scandaloso nè di sorprendente in questa affermazione

Duka

Mar, 09/06/2020 - 11:33

Altro "compare" che sarebbe stato meglio non avere tra i piedi. Ha solo riempito le sue tasche.

Ritratto di HARIES

HARIES

Mar, 09/06/2020 - 11:40

Il caro Di Pietro ha omesso un'altra possibilità : Licenziamento in tronco di quei magistrati che fanno politica, mediante una nuova legge scritta nella Costituzione Italiana dove ci siano scritte chiare e inequivocabili regole a cui si devono attenere tutti i lavoratori nel campo della Giustizia.

Atlantico

Mar, 09/06/2020 - 11:52

A breve centrodestra 'unito' al 136% mentre il centrosinistra sotto zero a meno 36%.

stesicoro

Mar, 09/06/2020 - 11:56

Lo saprà che quello giudiziario non è (o, almeno, non era) un potere ma un "ordine"? Non ha chiesto mai biglietti, solo milioni di lire. Ad ogni modo, Porro: ti seguo volentieri (anche sulla tua "Zuppa"), ma quando hai annunciato la sua presenza ho spento il televisore.

cgf

Mar, 09/06/2020 - 11:58

Mi preoccupo soprattutto quando si fanno le trascrizioni delle intercettazioni. Le trascrizioni vanno contestualizzate… davvero? poi uno allo stadio potrebbe preferire mercedes, bmw, audi

gianf54

Mar, 09/06/2020 - 12:06

Tranquilli tutti!! Finirà il polverone e il "tonno" Palamara tornerà al proprio posto, alla faccia degli Italiani (e dei suoi colleghi) onesti....

Korgek

Mar, 09/06/2020 - 12:09

@Atlantico dovrebbe essere proprio così, ma finché le piazze sono piene di inginocchiati campa cavallo.

il_Caravaggio63

Mar, 09/06/2020 - 12:12

Falcone e Borsellino, sono stati ammazzati perchè facevano il loro lavoro con onestà, gli altri? Degli omuncoli , che fanno politica attiva a senso unico a favore della sinistra, dei quaraquaqua, alla fine le inchieste di di pietro e dei suoi soci che hanno portato? Hanno eliminato forse la corruzione?NO, l'hanno radicalizzata , hanno condannato qualcuno a parte Sama? No, Hanno eliminato la dc e il psi. avversasri del pc, hanno fatto di tutto contro berlusconi prima e salvini oggi, la magistratura in un paese civile, dopo tutto questo andrebbe azzerata, tutti detronizzati e decaduti, ed in parecchi casi dovrebbe esere anche perseguita per tradimento, ma fa troppo comodo alla sinistra, altrimenti sparirebbero, senza i loro complici magistrati.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 09/06/2020 - 12:23

ma come parla questo? a furia di parlare con pecore e capre.....

killkoms

Mar, 09/06/2020 - 12:25

Se lo dice lui..!

SemprePiùBasito

Mar, 09/06/2020 - 12:32

Se leggiamo la vignetta di oggi ...signori è la più sacrosanta verità.

Iacobellig

Mar, 09/06/2020 - 12:32

Infatti il sindacato dei magistrati non ha senso dal momento che i magistrati in quanto dipendenti dello stato debbono solo applicare le leggi del parlamento e non partecipare alla loro stesura e/o contestare le stesse. Autonomi si, partecipare alla creazione delle leggi no! Debbono essere inquadrati, controllati nel loro lavoro, timbrare il cartellino di entrata/uscita come tutti e in certi casi pagare per i loro errori come avviene per tutti i comuni mortali.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 09/06/2020 - 12:48

santo subito.

ulio1974

Mar, 09/06/2020 - 12:49

cgf 11:58: solo auto tedesche?? perchè non citi nemmeno una italiana?? tipo ferrari, maserati o lamborghini?? ....ti fanno così schifo?

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 09/06/2020 - 13:16

Oltre alle due opzioni estreme dette dall'esagitato Di Pietro ce ne sarebbe un'altra:dimissioni in blocco della magistratura e costituzione di un altro blocco con elezioni dirette.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Mar, 09/06/2020 - 13:17

è la prima volta che questo dice cose condivisibili. però deve dirne ancora tante di cose giuste per farsi perdonare quel sacco di pirlate che ha fatto e detto prima.

lawless

Mar, 09/06/2020 - 13:22

in italia una "marea" di ex sindacalisti ed ex magistrati arrivano agli scranni parlamentari o di importanti "uffici" statali. Se a questa gente venisse interdetta questa possibilità molte cose della nostra vita politica e sociale andrebbero a posto in modo automatico. La commistione tra politica ed istituzioni verrebbe azzerata a grande beneficio della nazione. Guardate in quale corrente politica svolgono (o hanno svolto quelli oggi inpensione) le loro funzioni per capire a chi far risalire le colpe del declino di questo paese.

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mar, 09/06/2020 - 13:31

Di Pietro si è arricchito in tanti modi diversi forse non illegali ma spesso "borderline". Le sue farneticazioni lasciano il tempo che trovano. Piuttosto sarei curioso di sapere quanto lo ha pagato Mediaset per la comparsata da Porro.

Brutio63

Mar, 09/06/2020 - 13:31

Di Pietro il magistrato che disse di Berlusconi: io quello lo sfascio e dopo fu ben compensato con la candidatura sicura nel collegio elettorale rosso del Mugello. Di Pietro è stato l’emblema della distorsione della funzione giudiziaria per fini politici! Palamara parli e dica la verità sul mercato delle nomine e sull’uso strumentale della giustizia per fini politici! Si nascondono dietro due giganti come Falcone e Borsellino e poi lucrano pure i biglietti dello stadio a scrocco, nani mediocri!

Lugar

Mar, 09/06/2020 - 13:42

A mio avviso ha detto una grande verità. Non credo molto alla non ingerenza della politica.

Ritratto di sepen

sepen

Mar, 09/06/2020 - 13:44

In pratica ha detto quello che Berlusconi dice da 26 anni. Benvenuto sulla Terra.

Capricorno29

Mar, 09/06/2020 - 13:53

c'è la terza soluzione lo candidi con il PD

Valvo Vittorio

Mar, 09/06/2020 - 13:59

I poteri dello stato, stando a quanto descritto nella Carta Costituzionale, sono tre: legislativo, giudiziario ed esecutivo. Non dovrebbero essere conflittuali, ma l'emotività è umana e si può solo attenuarla e giammai eliminarla del tutto. Quanto assunto dal Di Pietro è fuori dalla realtà. Siamo umani e non dei robot!

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Mar, 09/06/2020 - 14:01

Un magistrato ha un enorme potere senza essere eletto da nessuno, quindi la costituzione dovrebbe limitarlo in qualche modo; per esempio dovrebbe fare il magistrato per un tempo limitato (10 anni?) e poi non dovrebbe poter accedere a qualunque ufficio pubblico per un determinato periodo (5 anni?). Invece in Italia i magistrati una volta assunti solo la morte li può fermare, e per questo i comunisti si sono buttati in magistratura. Il marcio è nella costituzione.

antipifferaio

Mar, 09/06/2020 - 14:15

L'Italia è una barzelletta...un marciume politico e sociale che è difficile vedere in altri paesi...tranne in quelli sottosviluppati dell'Africa...e forse è per questo che importano africani...ci abbassano a quel livello pur di continuare a gozzovigliare indisturbati.

ruggerobarretti

Mar, 09/06/2020 - 14:35

Di certo non sbagliava il fu Cossiga a definire il sistema giudiziario come lo definiva lui.

Europ

Mar, 09/06/2020 - 15:21

La mafia in casa? Ma chi può rimuoverlo?

sbrigati

Mar, 09/06/2020 - 15:55

Si è dimenticato di citare la terza possibilità : lo promuovi.

Ginestra

Mar, 09/06/2020 - 16:32

Correntismo all'interno della Magistratura? Ma come mai nessuno solleva il problema di Magistratura Democratica? Me li vedo gli iscritti aqquattati in attesa che si plachi la bufera.

apostata

Mar, 09/06/2020 - 16:32

mah! di pietro non può fare la morale

antiom

Mar, 09/06/2020 - 16:49

Peccato che la soluzione più semplice, in svariate cose non sempre viene applicata. Nel caso della proliferazione di magistrati e sindacalisti che accedono alla politica per proprio tornaconto: basterebbe impedirne la possibilità! Tutto qui, per un mondo migliore.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 09/06/2020 - 16:53

Non mi risulta che molti magistrati siano stati ammazzati, anche se purtroppo qualcuno di loro ci ha lasciato la pelle, ma certamente in numero molto ridotto rispetto a quanto accaduto a Carabinieri e Poliziotti.

d'annunzianof

Mar, 09/06/2020 - 18:24

I magistrati devono essere eletti dal popolo. Democrazia diretta

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 09/06/2020 - 19:38

@stesicoro Io faccio ancor prima: queste trasmissioni le registro e quando parlano certi personaggi come questo, la fusani (ancora non capisco perché la mettano sempre in tutti i brodetti), mughini, il figlio di dario fo e compagnia, vado avanti molto veloce. Loro in casa mia non hanno diritto di parola. Cosa dite, che non sono un democratico? VERO! Ma non ho mai finto di esserlo.