Professore schiaffeggia l'alunno: non voleva indossare la mascherina

La scena, verificatasi in una scuola di Teggiano, è stata ripresa da un altro studente e ha fatto il giro del web

Avrà certo delle conseguenze quanto fatto da un professore a un alunno di terza liceo di una scuola superiore di Teggiano, in Campania. Il docente ha prima schiaffeggiato e poi strattonato il ragazzo perché non voleva indossare la mascherina all’interno dell’aula. La scena è stata ripresa tramite smartphone da un altro studente e in poco tempo ha fatto il giro del web. Molte le condivisioni e i commenti a seguito di quanto visto nel video incriminato. Su quanto avvenuto stanno indagando ora i carabinieri della compagnia di Sala Consilina.

Il professore e lo schiaffo all'alunno

Secondo quanto ricostruito, il fatto è accaduto in Campania, precisamente in un liceo artistico di Teggiano, nel Vallo di Diano, in provincia di Salerno. Nel filmato di sentono chiaramente le parole pronunciate dal professore e rivolte al giovane 15enne seduto al proprio banco, prima del sonoro schiaffo: “Sbagli tu e sbaglio pure io”. L’alunno avrebbe protestato perché non voleva indossare la mascherina anti-coronavirus sul volto, scatenando l’ira del proprio insegnante. Tanto da portarlo ad aggredirlo fisicamente con una sberla sul capo.

Alcuni alunni presenti in classe avrebbero raccontato che poco prima era nata una discussione tra il professore e il loro compagno di classe, sulla necessità o meno di utilizzare la mascherina anche in aula. Il ragazzo, originario di Sala Consilina, avrebbe detto che la protezione non è obbligatoria nel momento in cui viene rispettata la distanza minima di un metro tra una persona e l’altra. Di parere contrario il professore che, nonostante l’alunno avesse alla fine indossato la mascherina per accontentare il docente, ha comunque fatto partire il sonoro schiaffone, colpendo in testa il 15enne il quale, forse anche rimasto sorpreso dal gesto, non ha avuto alcuna reazione.

La scena ripresa dai compagni di classe

Subito dopo il giovane è stato anche strattonato dal suo insegnante che continuava a urlargli se aveva capito, mentre i suoi compagni di classe chiedevano al professore di fermarsi. A riprendere la scena sarebbero stati altri due studenti che hanno poi postato il video sui social e sul gruppo whatsapp dei ragazzi. Sul fatto stanno indagando i carabinieri della compagnia di Sala Consilia. Intanto si attendono anche provvedimenti da parte della direzione dell’Istituto scolastico. Per il momento comunque non sono state rilasciate dichiarazioni né da parte della scuola, né da parte del docente coinvolto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ExOccidenteLux

Gio, 08/10/2020 - 10:20

Il "docente" collaborazionista meriterebbe un bel processo di fronte a un tribunale popolare.

mariobaffo

Gio, 08/10/2020 - 10:26

Ogni tanto qualche ceffone funziona se esiste la collaborazione dei genitori,quando andavo a scuola e raccontavo ai genitori di aver preso un ceffone dal maestro ,i genitori mi dicevano che allora vuol dire che hai fatto qualcosa che non andava e la cosa funzionava ,ma adesso si muove tutta la cricca ed apriti celo.

Jon

Gio, 08/10/2020 - 10:29

Facciano la TSO al professore, oltre che a De Luca..!!

GioZ

Gio, 08/10/2020 - 10:29

C'è poco da indagare, qualunque fosse il motivo il professore non doveva trascendere. A parte ciò, direi che una perizia psichiatrica sull'equilibrio emotivo dell'insegnante debba essere fatta per decidere se è adatto a questo tipo di lavoro. So che gli studenti a volte possono esasperare, ma nessuno lo obbliga a fare l'insegnante quel mestiere se non egge lo stress.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 08/10/2020 - 11:02

Un giorno sentii mio padre fuori dalla scuola alle elementari che aveva detto alla maestra che se non mi fossi comportato bene, avrebbe fatto bene a darmi qualche ceffone. Altro che i padri di oggi difensivi per i figli disubbidienti. Allora volavano ceffoni e tutti senza fiatare e pront con il cellulare in mano.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 08/10/2020 - 11:06

Possiamo per legge, una volta entrati in aula, posare tutti i cellulari in una cassettina sulla cattedra e con i nomi dei bambini o ragazzi che in caso di chiamata possa recuperarlo e rispondere? Nei banchi si sta con i libri e quaderni, non farsi distrarre dai telefonini. E se qualcun fa il furbetto di possederne due, una bella multa prima del ritiro del telefono sequestrato. Ma tutto di legge e chiaro che non ci debbano essere intendimenti.

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Gio, 08/10/2020 - 11:11

Non e' sempre facile mantenere la calma di fronte a giovani imbecilli e strafottenti , semplicemente doveva chiamare i carabinieri. Allontanamento dalla classe coatto e multina di 1000 euro . Poi vai a raccontarlo ai genitori , testina di vitello.

magnum357

Gio, 08/10/2020 - 11:31

Comunque sia è stata una mancanza di rispetto reciproca e ne dovranno rispondere entrambi !!!!!!!!!!

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 08/10/2020 - 11:35

Licenziamento in tronco del "professore" . Mi sembra il minimo.....le mani le tiene in tasca se vuole.......

barbarablu

Gio, 08/10/2020 - 11:43

le norme sono chiare la mascherina si porta solo se non c'è il ditanziamento, i protocolli della scuola parlano chiaro se non è possibile il distanziamento non possono andare a scuola, tant'è che si sono organizzati per andare a scuola a gruppi alternati gli altri seguono la dad, per lo meno in lombardia è così! La mascherina al banco non deve essere portata perchè è previsto il distanziamento, in più fa male mettetevelo in testa fa male e per come viene usata dalle persone comuni aumenta la possibilità di contagio! andrebbe cambiata ogni due ore, non dovrebbe essere toccata in alcun modo, deve essere messa e tolta seguendo una specifica procedura e solo dopo essersi disinfettati le mani. ma aparte questo.. UN DOCENTE COSI' E' DA RINCHIUDERE E BUTTARE VIA LA CHIAVE! il problema è che si sono abituati a stare a casa sul divano senza far nulla, ma a stipendio pieno ed ora non vogliono più lavorare!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 08/10/2020 - 11:44

Il ragazzo non abbiamo bisogno di definirlo perché lo fa da se, il professore forse ha esagerato in questo contesto, ottenendo alla fine il risultato contrario, benché un ceffone non abbia mai ucciso nessuno.

agosvac

Gio, 08/10/2020 - 12:58

Un professore non può, in nessun caso, picchiare un alunno. Credo sarebbe giusto farlo visitare da un bravo psichiatra, probabilmente è inadatto all'insegnamento.

Ritratto di navajo

navajo

Gio, 08/10/2020 - 13:10

Do ut des, qui si parla di un professore manesco e i telefonini c'entrano come i cavoli a merenda. E quelli che pensano che i manrovesci siano utili nell'educazione giovanile (ed è chiaro che non conoscono altro) ritornino nelle caverne.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 08/10/2020 - 13:20

Ha sbagliato: questo fuor di dubbio, specie se l'alunno alla fine della discussione ha indossato la mascherina. Pur essendo pubblico ufficiale ai sensi della sentenza della Corte di Cassazione n. 15367/2014, avrebbe dovuto evitare discussioni, far uscire dall'aula gli alunni con la mascherina tenendoli sotto sorveglianza (che compete a lui) e chiedere l'intervento del preside per il seguito di competenza avverso l'alunno fino a quel momento considerato "recalcitrante".

ExOccidenteLux

Gio, 08/10/2020 - 13:44

@vince50_19 Soluzione degna del miglior regime. Complimenti.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 08/10/2020 - 13:44

Roberto_70 - 11:44 "..benché un ceffone non abbia mai ucciso nessuno." In effetti quando ho frequentato le elementari/medie (circa .. 60anni fa) i ceffoni spesso volavano e se un alunno provava a dirlo ai genitori ne prendeva, a casa, un altro paio! A me è accaduto ma, ripeto, furono altri tempi.. Oggi è tutto cambiato, secondo me giustamente, però sono daccordo con lei: la fanno troppo grossa!

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 08/10/2020 - 16:26

ExOccidenteLux - 13:44 Quale sarebbe il regime? Si spieghi per bene invece di dare risposte senza costrutto.

ruggerobarretti

Gio, 08/10/2020 - 16:57

amedeov: quindi a chi ha stilato l'attuale protocollo, perche' che tu lo sappia o no (non lo sai o fai finta cosi' per giocare un po)non esiste nessun obbligo di indossare sempre la museruola in classe.

ExOccidenteLux

Gio, 08/10/2020 - 18:18

@vince50_19 Rileggi il mio commento. Ho detto che la soluzione da te auspicata è degna di un regime. Che domande fai?

necken

Gio, 08/10/2020 - 19:14

guai in vista per l'insegnante

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 09/10/2020 - 10:30

ExOccidenteLux - 18:18 Non c'è niente da rileggere e la mia domanda è chiara. Gliela ripongo in altro modo affinchè, alla fine, arrivi a comprendere il mio dire: il termine regime può riferirsi ad es. a quello patrimoniale, monarchico, dittatoriale, democratico, liberale... Presumo che lei volesse dire regime democratico, dico bene?

ExOccidenteLux

Ven, 09/10/2020 - 11:01

@vince50_19 Non fare il finto tonto. Ho detto: "la soluzione da te proposta è degna di un regime". Secondo te parlavo di un regime patrimoniale?

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 09/10/2020 - 11:51

ExOccidenteLux - 11:01 Esimio intelligentone: ho fatto un esempio sul termine regime prendendolo per INTERO da un dizionario, attribuendo peraltro e in seguito al SUO dire il termine democratico. Naturalmente ha fatto sciocca ironia, per di più infantile: non ha specificato quale termine associare alla parola regime nel suo primo commento, come avrebbe dovuto fare. Al peggio non c'è mai fine: LEI ne è l'esempio più lampante.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 09/10/2020 - 12:09

ExOccidenteLux - 11:01 Egregio genietto della lampada le costava così tanto specificarlo nel suo primo commento? Si sarebbe risparmiato tempo e uso di polpastrelli. Coraggio scriva la "parolina" invece di abbandonarsi ad un inutile sproloquio che neanche mi scalfisce.

ExOccidenteLux

Ven, 09/10/2020 - 12:20

@vince50_19 Come saprai, buona parte della comunicazione verbale è contestuale, citare il vocabolario serve a poco senza un minimo di perspicacia e capacità interpretativa. Ci proverò un'ultima volta, nel caso tu non abbia davvero capito. Cosa è successo? Primo atto: tu suggerisci che l'insegnante avrebbe dovuto far uscire tutti gli alunni mascherati e convocare il preside "per il seguito di competenza avverso all'alunno recalcitrante". Secondo atto: io mi complimento con te e ti dico che sarebbe una "soluzione degna del miglior regime". Terzo atto: preso da improvvisa crisi ermeneutica, mi chiedi "quale sarebbe il regime". Quarto atto: ti rispondo di farti furbo. Se a questo punto ancora ti stai chiedendo se stessi parlando di regime fiscale o altro, ti suggerisco di passare del tempo con qualche italiano madrelingua o leggere qualche quotidiano per impadronirti di quelle sottili sfumature linguistiche che evidentemente ti sfuggono.

ExOccidenteLux

Ven, 09/10/2020 - 12:24

@vince50_19 Ma quanto sei permaloso? Mamma mia...

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 09/10/2020 - 14:18

ExOccidenteLux - 12:24 bla bla bla .. Permaloso io, dovrei farmi furbo? Crisi ermenutica? .. ahahaha .. Inutilità al massimo livello le sue! Piuttosto scriva la parolina che ritiene opportuna così farà la sua bella figura.. (le faccio notare che per una forma di rispetto cui non vengo meno con nessuno, sto usando la terza persona singolare. Certe confidenze non me le prendo con nessuno e non accetto che chiunque se le prenda con il sottoscritto). LE suggerisco, pertanto, di non perdersi in inutile sfoggio di consigli non richiesti, ergo meno chiacchiere e più sostanza!