Pubblico e privato collaborano a Saronno

Una cooperativa acquista e recupera per un milione e mezzo di euro per uno stabile in disuso: sarà dedicato al recupero di autonomia e assistenza dei disabili

A Saronno avremo per una volta uno stabile sottratto alla logica dell’occupazione dei centri sociali e convertito invece in una struttura di grande utilità. Nel quartiere che un tempo era ritenuto a il più malfamato della città -“il Matteotti” - e che ancora oggi fatica talvolta ad abbandonare la triste nomea, arriva la Cooperativa Il Granello Don Luigi Monza che acquista l’edificio che ospitava la scuola materna del quartiere per farne un centro rivolto all’aiuto del recupero dell’autonomia dei disabili. Tramite un proprio comunicato, il Comune di Saronno ha infatti reso nota in questi giorni la nascita dell’iniziativa. Il sindaco Alessandro Fagioli lo ha annunciato con orgoglio sottolineando che “Questo va a dimostrazione dell’importante e proficuo rapporto tra pubblico e privato grazie al quale, anche in questo caso, è stato possibile mettere al servizio della cittadinanza un servizio sociale di grande utilità a favore di persone tra le più bisognose. Allo stesso tempo si va a potenziare un quartiere, il Matteotti, che quindi non viene abbandonato a se stesso”.

A seguito della ristrutturazione dell’edificio “ex asilo” sito in via Galileo Galilei al quartiere Matteotti, resasi necessaria per adattare la struttura alle esigenze della nuova utenza, la realtà socio-educativa svolgerà la sua attività. Una volta divenuta operativa la cooperativa accoglierà persone disabili che vi potranno soggiornare e acquisire o potenziare autonomie nella vita quotidiana. L’intervento ha inoltre il duplice valore di recuperare un edificio destinandolo al recupero della disabilità e di intervenire in un quartiere quasi del tutto privo luoghi di aggregazione sociale e culturale coinvolgendovi la popolazione con varie attività.

Da parte dell’Amministrazione comunale è stata espressa al Granello Don Luigi Monza la gratitudine per una collaborazione che si prospetta proficua e per l’intento di offrire alla città un’ulteriore prospettiva di servizio specificamente destinato alle persone disabili.

La scelta non nasce dal caso: tra Il Granello e Servizi Sociali del comune di Saronno è in corso da anni una fattiva e soddisfacente collaborazione, fatta di disponibilità, confronto e progettualità. L’ingresso della Cooperativa nel territorio saronnese non è dunque che l’ultimo di una serie di passi che fanno parte di un percorso che non potrà che ampliarsi e consentire un intervento sempre più incisivo e completo a favore delle famiglie che convivono quotidianamente con la disabilità. A Saronno la struttura ospiterà 2 CSE ovvero centri socio educativi, 1 SFA ovvero Servizio di Formazione all’Autonomia destinato alle persone disabili, oltre a una comunità alloggio. A questo si aggiungeranno attività collaterali come sportello famiglia, attività formative, informative e per il tempo libero.

Spiega Luca Landolfi, Direttore dei Servizi Educativi, “la cooperativa è presente con la propria attività, i propri Centri Socio Educativi e le unità per il recupero dell’autonomia di persone disabili non solo nella storica realtà di Cislago ma anche a Fagnano Olona, Guanzate, Monate, con una presenza più che significativa nel varesotto. Ora, con questo ultimo intervento, entriamo in un quartiere di Saronno che ha un nome e una lunga storia. Siamo orgogliosi di poter intervenire con questa nuova struttura che intende fungere anche da centro di aggregazione”.

La Cooperativa Sociale Il Granello don Luigi opera dal 1987 nel settore della formazione e dell’inserimento lavorativo di ragazzi e adulti con disabilità fisiche e psichiche attraverso attività socio-educative e lavorative. Tra i suoi primi fondatori il saronnese Francesco Rotondi, storico responsabile dell’area tipografia e stampa, oggi membro del Consiglio di amministrazione e Responsabile del fundraising.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.