Ramadan e restrizioni da Covid: rischio di possibili tensioni

Il 23 aprile avrà inizio il Ramadan, mese sacro per i musulmani. Le norme anti-Covid ne limiteranno ampiamente le cerimonie: le autorità si troveranno a dover gestire una situazione complicata

Il 23 aprile avrà inizio il mese sacro di Ramadan ed è dunque plausibile che molti musulmani in Italia e in Europa in generale, rivendichino il diritto di recarsi in moschea e nei centri islamici per le relative funzioni religiose, scontrandosi però con le restrizioni da Covid-19.

Non vi è poi soltanto l'aspetto legato alla religione, ma anche tutto un meccanismo socio-economico che gira attorno ad affollatissime macellerie islamiche, negozi di kebab, bazar, tutte attività commerciali che fioriscono durante il mese sacro dell'Islam e con una vita sociale della Ummah che si intensifica fortemente.

Le autorità italiane si troveranno dunque a fronteggiare questo problema e avranno una bella gatta da pelare visto che se saranno più tolleranti nei confronti dei musulmani, rischieranno di scatenare l'ira dei cristiani che sono stati costretti a fare Pasqua a casa. Se metteranno in atto la stessa intransigenza, rischieranno di imbattersi nell'ostilità dei musulmani, spesso non molto inclini ad accettare regolamentazioni istituzionali sul "sacro". Basti pensare che in Bangladesh decine di migliaia di persone si sono riversate al funerale di Jubayer Ahmed Ansari, leader del partito islamista Bangladesh Khelafat Majlish, ignorando totalmente le disposizioni del governo sul Covid. Un problema che potrebbe riguardare anche le banlieue francesi e belghe, ma anche i quartieri a maggioranza islamica in Gran Bretagna e in altri Paesi europei.

È bene tener poi conto che è molto forte tra i musulmani più radicali la teoria del complotto in relazione al Covid-19, come già ampiamente emerso sui social. Tra le più comuni vi sono la "creazione sionista" del virus, la creazione e importazione del Covid da parte degli Usa e relative lobbies per "dominare e controllare il mondo", ma anche quella del virus manipolato dai cinesi "massacratori di musulmani ugiuri" (seppur meno diffusa rispetto alle prime due).

Considerato che gran parte dei musulmani in suolo italiano è fortemente attaccata alle proprie abitudini derivanti dai Paesi d'origine, c'è il rischio che si verifichino tensioni e disordini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 20/04/2020 - 10:33

certo! per gli arabi deve valere le stesse regole altrimenti i contagi ricominciano! non a caso, trump mette sullo stesso piano (di restrizioni anticontagio) islam e chiesa cattolica! :-) in questa ottica, non è proprio il caso di far entrare anche i clandestini: non è affatto il momento di aggravare i rischi di contagi! ma questo alla sinistra se ne frega altamente !! COMPLIMENTI AI BABBEI COMUNISTI GRULLI!!!

dagoleo

Lun, 20/04/2020 - 10:43

ma si lasciateli riunire baciare ed abbracciare liberamente, sono protetti da Allah il grande e l'unico, non possono infettarsi.

cgf

Lun, 20/04/2020 - 10:47

è da quando è iniziato il lockdown che lo dico, ecco perché penso che per il 23 maggio conte calerà le… farà cessare il divieto

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 20/04/2020 - 10:59

Allora se vogliono rimanere in Italia devono rispettare le nostre leggi, ma che regolarizzarli.

Dolcevita1960

Lun, 20/04/2020 - 11:01

La Mondializzazione finora ci ha portato miseria e malattie ..e anche l'Europa....

Surfer67

Lun, 20/04/2020 - 11:11

Lasciateli fare se non sarà allah sara oms a proteggerli tutti logicamente a spese nostre

Giorgio5819

Lun, 20/04/2020 - 11:27

Se ne vanno TUTTI nelle loro terre e il gioco é fatto. Qui ci sono delle regole, o le rispettano o FUORI.

Santorredisantarosa

Lun, 20/04/2020 - 11:28

IL GRANDE MUFTI, PROPRIO QUELLO CHE HA MESSO IN GUARDIA L'OCCIDENTE DALL'INVASIONE DI QUESTI, HA ORDINATO CHE IL MANGIARE E BERE VINO NOTTURNO, DEV'ESSERE ESEGUITO NELLE LORO CASE. ORA I PEGGIORI INVASATI CHE NON SANNO RISPONDERE SE VENGONO INTERROGATI SULLE INTERPRETAZIONI DELLA LORO ADORAZIONE AD ALLAH, FARANNO SCENE DI PAZZIA IN QUANTO NON RIUSCIRANNO A CAPIRE IL VERO PERICOLO CHE VIENE DALL'ORIENTE, ANZI E' ARRIVATO DALL'ORIENTE. QUANDO CI SONO DOMANDE CIRCOSTANZIATE E PRECISE LORO SE NE VANNO...... ECCOME SCAPPANO

27Adriano

Lun, 20/04/2020 - 11:40

..Mandateli da conte e Mattarella. Anche da lamorgese.

steacanessa

Lun, 20/04/2020 - 12:08

Chiese chiuse = moschee chiuse.

Aleramo

Lun, 20/04/2020 - 13:17

Se il governo non avrà la forza di opporsi ai fondamentalisti islamici, allora sarà giunta l'ora di mandarlo a casa. Salvini non avrebbe avuto dubbi su cosa fare.

GPTalamo

Lun, 20/04/2020 - 13:26

State sicuri che i liberal-comunisti li favoriranno, in un modo o nell'altro.

frabelli1

Lun, 20/04/2020 - 15:00

Non capisco le differenze. Noi cristiani, cattolici, a Pasqua non abbiamo potuto recarci in chiesa per celebrare la rinascita di Cristo proprio a causa dell’epidemia. Quindi perché mai per i mussulmani bisogna fare eccezione? Loro sono “ermejo”?

Scirocco

Lun, 20/04/2020 - 15:42

Se i musulmani vivono,ahimè, in Italia si adeguano alle LEGGI ITALIANE come facciamo noi cattolici altrimenti, come diceva Diego Abatantuono, "Take the camel and go home" e il ramadan lo vanno a fare a casa loro con annessi e connessi. Non mi sembra molto difficile.