Rapinatore sequestra un dipendente postale per portare via 70mila euro

Il delinquente ha puntato la pistola alle tempie della vittima costringendola a riaprire l'ufficio, stava portando via un ingente bottino ma la polizia ha fatto irruzione nei locali e lo ha arrestato

Una rapina alle poste con un bottino da 70mila euro preceduto dal sequestro di un dipendente dell’ufficio con tanto di pistola puntata alla testa. Attimi di paura e tensione che fortunatamente hanno avuto un finale positivo. È accaduto a Messina nel primo pomeriggio di oggi nell’ufficio postale del centro città e solo poco fa la polizia è riuscita a fermare ed arrestare il responsabile del reato dopo un’irruzione resa delicata dalla tipologia di soggetto in questione. Soprattutto perché armato e con una persona presa di mira alla quale poteva accadere di tutto da un momento all’altro. Il rapinatore in questione è Davide Bonaccorso, 20enne del luogo.

Andiamo con ordine per capire cosa è successo. Erano da poco le 15 quando il dipendente, finito il suo turno di lavoro stava per uscire dall’ufficio. All’improvviso si è visto davanti il rapinatore col volto travisato da cappello e bandana e, nemmeno il tempo di capire cosa stesse accadendo si è ritrovato la pistola puntata alle tempie. Costretto a riaprire le porte, il dipendente si è trovato prigioniero nelle mani del delinquente che, di fatto, lo ha sequestrato. In poco tempo Bonaccorso è riuscito ad afferrare un imponente bottino. Ha razziato il denaro presente in cassaforte e all’interno dello sportello bancomat, circa 69.000 euro,sistemandolo in un grosso sacco. Compiuta la sua missioneBonaccorso era pronto a darsi alla fuga. Fortunatamente, mentre dentro le poste si consumava la rapina, negli uffici della polizia era arrivato l’allarme attraverso la sala operativa. I poliziotti della volanti si sono messi subito in auto nel tentativo di evitare il peggio e per fortuna ci sono riusciti.

Sono arrivati nel palazzo, hanno fatto irruzione dentro l’ufficio e hanno colto in flagranza di reato il 20enne. Lui era pronto alla fuga, ma vedendosi circondato si è arreso. Ha consegnato l’arma, una Beretta 7,65 con matricola abrasa, la stessa con la quale poco prima aveva minacciato il dipendente sequestrato, fortunatamente incolume ma terribilmente spaventato. Il rapinatore è stato quindi ammanettato e condotto in caserma per le formalità di rito. Sono stati recuperati anche il berretto e la bandana con i quali il 20enne si era coperto il volto per avvicinare il dipendente e compiere la rapina. Dopo l’arresto, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato trasferito presso la casa circondariale Messina Gazzi. Il bottino della rapina è stato riconsegnato al responsabile dell’ufficio postale. Per quanto riguarda invece la vittima del sequestro, solo tanta paura.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 02/01/2020 - 10:36

baronemanfredi, vieni a commentare quello che fanno i tuoi paesani!