Ruba al nono mese di gravidanza: nomade arrestata e rilasciata

La donna di 23 anni con numerosi precedenti, insieme ad un’altra nomade 18enne, è stata sorpresa in flagrante furto in appartamento: avevano nasconsto la refurtiva nei reggiseni. Determinanti per la buona riuscita dell'operazione i vicini di casa della vittima

Sono state arrestate due donne nomadi di 18 e 23 anni, soprese in flagrante furto in appartamento a Busto Arsizio (Varese). La meno giovane era all’opera nonostante fosse al nono mese di gravidanza e proprio tale status le ha permesso di tornare in libertà. Entrambe hanno alle spalle numerosi precedenti e nomi fittizi: la ventitreenne ne ha addirittura 29.

Determinante per il successo dell’intervento è stata la sollecitudine dei vicini di casa della vittima, che hanno allertato immediatamente la centrale operativa e poi hanno collaborato attivamente con i poliziotti nel tenere sotto osservazione le numerose vie di fuga dal condominio. Sul posto, in via XI febbraio, sono arrivati gli agenti del commissariato bustocco che hanno condotto l’operazione affiancati da una pattuglia della polizia locale.

L’allarme è scattato intorno alle 14,30 di sabato pomeriggio. La volante ha verificato che un appartamento al primo piano presentava la porta finestra del terrazzo forzata; segni di effrazione erano presenti anche su alcune porte interne e la camera da letto dell’abitazione era completamente a soqquadro.

Nel frattempo dalla zona garage sono state viste uscire di soppiatto due ragazze che, cercando di non farsi notare né sentire, si sono allontanate a piedi dallo stabile. Le due sono state seguite e fermate e dopo una perquisizione sono state trovate in possesso di cacciavite, passepartout, chiave inglese e pezzi di plastica rigida, tutti oggetti utilizzati per forzare serrature ed infissi. Le due inoltre nascondevano nei reggiseni monili in oro e banconote, esattamente corrispondenti a quanto era stato sottratto dall’appartamento. I beni sono stati dunque immediatamente restituiti alla proprietaria.

Le forze dell’ordine hanno poi accertato che la coppia aveva colpito approfittando della momentanea assenza da casa della padrona di casa, uscita a fare la spesa con i figli.

Le malfattrici, grazie alle impronte digitali, sono state identificate come due nomadi di 18 e 23 anni, con numerosi alias (29 quelli della meno giovane) e altrettanti precedenti. Entrambe sono state arrestate in flagrante furto con scasso in appartamento ma la ventitreenne, essendo al nono mese di gravidanza, confermato anche da una visita in ospedale, è stata rilasciata (celebre un caso simile, quello di "Madame furto").

Vi è il sospetto, fa sapere la polizia, che si tratti delle autrici di altri furti in abitazione commessi nella zona anche perché la donna incinta era già stata segnalata dal commissariato dopo che qualche mese fa era stata inquadrata da alcune telecamere installate in un condominio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mer, 30/10/2019 - 12:06

chi ha stabilito che una rom incinta non deve andare in galera?? la portino dentro...chiu frega se è incinta?chi sbaglia DEVE pagare il conto alla societa'..altrimenti ritornino nella loro amata slovenia/romania

Popi46

Mer, 30/10/2019 - 12:21

Si segnala che la gravidanza NON è una patologia e il nascituro può tranquillamente continuare a fare le sue capriole e succhiarsi il pollice felice e contento,tanto non vede il sole a scacchi.....

Ritratto di Artù007

Artù007

Mer, 30/10/2019 - 12:57

Cambiare urgentemente la legge!!!!!!

maxxena

Mer, 30/10/2019 - 13:06

la mia domanda è seria e non provocatoria (conosco la legge a cui si appellano queste "pulzelle"): Perchè una donna in gravidanza non può essere imprigionata? Posso capire se si trattasse di una gravidanza a rischio , ma questo sarebbe stato evidenziato. Per quale motivo, le donne che lavorano (onestamente) possono fare la stessa vita delle altre persone fino a pochi giorni dal parto e queste "signore" no ? Sono le stesse donne che in questo caso dovrebbero pretendere pari trattamento con codeste "professioniste". Forse che tutta questa delicatezza nasconda qualcosa di diverso? In ogni caso il nostro paese si pone sempre all'avanguardia nella tutela di chi delinque. Aspetto con ansia che qualcuno difenda Abele.

cesare caini

Mer, 30/10/2019 - 13:10

In galera i derubati e a Busto Arsizio strada dedicata alle ladre !

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 30/10/2019 - 13:42

Inutile menare il can per l'aia: a queste persone vanno tolti i figli se insistono a commettere reati penali. Una volta partorito, la donna va sottoposta nel giro di pochi giorni a processo con rito immediato e messa in galera, se recidiva e se ricorrono i termini.

Giorgio5819

Mer, 30/10/2019 - 13:55

Licenza di delinquere...

Pinozzo

Mer, 30/10/2019 - 14:15

Ma io mi domando, voi in che pianeta vivete? Questa legge esiste almeno dal dopoguerra (prima non so), non avete mai sentito parlare di "Ieri, oggi, domani", film del 1963 di De Sica con Sophia Loren che fa la venditrice di sigarette di contrabbando a napoli e che continua a farsi mettere incinta per non andare in galera? E' una storia vecchia come il cucco, se non vi va bene lamentatevi col felpato che invece di modificare la legge era al papeete a sbronzarsi.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mer, 30/10/2019 - 14:39

Perchè il Fenomeno non ha modificato questa legge ridicola , invece di fare campagna elettorale permanente?

ulio1974

Mer, 30/10/2019 - 14:51

anticalcio 12:06: esatto. ed aggiungo: le venga allontanato il nascituro ed affidato ai servizi sociali.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mer, 30/10/2019 - 14:55

marino.birocco, suppongo che lei per fenomeno si riferisca a Salvini, comprendo che il partito per cui tifa, debba in ogni modo screditare colui che in questo momento è il più considerato in italia e lei da buon allineato all'unico pensiero, cerca nel suo piccolo di farlo passare per incapace. Il problema è che non basta una persona per cambiare una legge, credo che anche lei nonostante sia un esponente del Pd possa capirlo (ma i dubbi restano), le dirò che così facendo altro non fate che aumentare la stima del matteo leghista, ma anche qui non credo capisca, lei è del pd, non brillate per intelligenza.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 30/10/2019 - 15:33

Pinozzo - Lungi dal difendere Salvini (che non ho mai votato): una cosa è - come lei afferma, non io - sbronzarsi al papeete e fare sciocchezze, altro è essere per natura incapaci come tanti politici che lo criticano parlando a sproposito. Buon ultimo Zingaretti: i risultati in Umbria sono chiari ma tant'è: non c'è peggior cieco di chi non vuole vedere, sordo di chi non vuol sentire. Quelli che lo hanno preceduto non avrebbero potuto far modificare la legge o erano esentati? Continui così e vedrà quanto andrà su "mr. papeete"..