Saldi invernali, si parte il 4 gennaio. Ma ci sono eccezioni

In Valle d'Aosta, Basilicata e Sicilia i saldi partiranno già il 2 di gennaio. Confcommercio ricorda ai consumatori che esistono diverse precauzioni per fare shopping senza incorrere in problemi

Il tempo corre via veloce. Se solo due giorni fa si scartavano i regali di Natale ora l’attenzione dei consumatori è tutta per i saldi invernali che scatteranno in tutta Italia qualche giorno prima dell'Epifania. Un modo per risparmiare e acquistare qualche buon vestito di cui si ha bisogno o più semplicemente per appagare il desiderio di togliersi un innocente sfizio.

Regione per regione, è già stato stabilito il calendario delle vendite scontate che, nella maggior parte dei casi, partiranno il 4 gennaio e si prolungheranno fino a marzo. Ci sono delle variazioni vista la flessibilità concessa in materia: ad esempio in Valle d'Aosta, Basilicata e Sicilia i saldi partiranno già il 2 del prossimo mese.

Ecco tutte le date secondo il calendario comunicato da Confesercenti:

Abruzzo - Dal 4 gennaio al 3 marzo

Basilicata - Dal 2 gennaio al 2 marzo

Calabria - Dal 4 gennaio al 3 marzo

Campania - Dal 4 gennaio al 3 marzo

Emilia Romagna - Dal 4 gennaio (durata 60 giorni)

Lazio - Dal 4 gennaio al 15 febbraio

Liguria - Dal 4 gennaio al 17 febbraio

Lombardia - Dal 4 gennaio (durata massima 60 giorni)

Marche - Dal 4 gennaio al primo marzo

Molise - Dal 4 gennaio (durata 60 giorni)

Piemonte - Dal 4 gennaio (durata 60 giorni)

Puglia - Dal 4 gennaio al 3 marzo

Toscana - Dal 4 gennaio al 3 marzo

Umbria - Dal 4 gennaio (durata massima 60 giorni)

Veneto - Dal 4 gennaio al 28 febbraio

Friuli Venezia Giulia - Dal 4 gennaio

Sardegna - Dal 4 gennaio (durata massima 60 giorni)

Sicilia - Dal 2 gennaio al 15 marzo

Valle d'Aosta - Dal 2 gennaio (durata massima 60 giorni)

Provincia di Trento - Tutto l'anno previa comunicazione alla Camera di Commercio

Provincia di Bolzano - Calendario diverso distretto per distretto

Confcommercio ricorda ai consumatori che esistono diverse precauzioni da non dimenticare per fare shopping senza incorrere in problemi e disguidi. Innanzitutto, la possibilità di cambiare la merce è in genere legata alla discrezionalità del negoziante. Ci sono delle eccezioni. Se il prodotto acquistato è danneggiato il commerciante è obbligato a riparare o a sostituire il bene. Se impossibilitato a farlo, deve ridurre il prezzo pagato o rimborsare il cliente. Anche la possibilità di provare gli abiti è lasciata alla scelta del negoziante. Quest’ultimo, inoltre, è obbligato a indicare il prezzo iniziale del prodotto, lo sconto praticato e il prezzo finale. L'acquirente, a sua volta, deve segnalare il difetto del bene comprato entro due mesi dalla data della scoperta.

Con i saldi, i commercianti sperano di dare una accelerata al giro di affari tutt’altro che florido. Un dato molto deludente sottolineato anche dall'Istat poche settimane fa sulle prospettive dell'economia italiana ha ricordato ch nel nostro Paese c’è una stagnazione di fatto."Per il 2019 si prevede un incremento dei consumi delle famiglie in termini reali (+0,6%) in rallentamento rispetto all'anno precedente, che si accompagnerebbe a un deciso aumento della propensione al risparmio". Le prospettive sono da linea piatta: nel 2020 la crescita della spesa "è prevista della stessa intensità (+0,6%), sostenuta dai miglioramenti del mercato del lavoro".

Anche per questi motivi il Codacons, con la pubblicazione del rapporto a inizio dicembre, spinge ancora per una volta per la "liberalizzazione dei saldi per creare occasioni di acquisto nei negozi durante tutto l'anno". Una novità necessaria visto il cambiamento delle abitudini degli italiani dovuto anche all’incremento delle vendite online e le offerte che si possono trovare già novembre.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 27/12/2019 - 10:49

Spendono spendono spendono ad ogni occasione e poi vanno in giro che sembrano dei clochard, miseri giubottini, pantaloni stracciati e slavati, sempre le solite snikers, vestiti tutti uguali, mai che abbiano vestiti di classe. Cos'è la sx ci vuole portare a vestirci tutti da poveri?