Salerno, muore per un’infezione: rinviati a giudizio due medici

Dalle indagini svolte dalla Procura di Nocera Inferiore, che ha scagionato altri dieci operatori sanitari, i due imputati avrebbero sottovalutato lo stato influenzale da cui era affetto il paziente

Sono stati rinviati a giudizio i due medici accusati di omicidio colposo per la morte di Carmine Russo, avvenuta il 2 maggio 2017. Il 33enne di Pagani, in provincia di Salerno, morì per una semplice infezione. Dalle indagini svolte dalla Procura di Nocera Inferiore, che ha scagionato altri dieci medici, i due imputati avrebbero sottovalutato lo stato influenzale da cui era affetto il paziente.

A subire il processo saranno un medico di guardia di Pagani e uno specialista in servizio al pronto soccorso dell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore. Per gli operatori sanitari il giudice per le indagini preliminari aveva già disposto nuove verifiche.

Carmine Russo nel maggio del 2017 chiamò la guardia medica lamentando uno stato influenzale e dolori muscolari. Nei giorni precedenti si era ferito sul lavoro, ma non aveva dato peso all’incidente, evitando di farsi visitare da un medico. La prescrizione fatta al telefono, una terapia a base di tachipirina, non ebbe alcun risultato, tanto che l’uomo si aggravò in maniera repentina e già in serata fu costretto a recarsi al pronto soccorso dell’ospedale Umberto I.

Nel nosocomio salernitano Carmine Russo dovette attendere diverse ore prima di essere assistito. Dall’una circa di notte fino alle 4 del mattino, poggiato su di una barella, fino a quando non giunse il momento del ricovero presso il reparto malattie infettive. Il continuo peggiorare delle condizioni del paziente fu inevitabile, fino al decesso in rianimazione. La morte, secondo il referto della cartella clinica, avvenne a seguito di una “gravissima sepsi conclusasi con un quadro clinico di insufficienza multiorganica, che avrebbe dovuto essere rilevato e affrontato già dalla mattina del primo maggio”.

Commenti

Giorgio5819

Gio, 03/01/2019 - 13:23

Quarto mondo.