Scuola, arriva il maxi-ponte Professori e presidi in rivolta

Dal 2 al 7 giugno molti istituti sono chiusi per la concomitanza delle amministrative con la Festa della Repubblica: e le scuole non hanno tempo per la didattica

Scuola, arriva il maxi-ponte Professori e presidi in rivolta

Basta ponti, sono troppi. Contro un 2016 punteggiato di vacanze scolastiche parte la rivolta dei presidi e dei professori.

Che a Bologna come a Milano, a Torino come a Trieste ne hanno abbastanza. Non hanno più giorni disponibili per lezioni e scrutini, costretti a rimandare le scadenze di fine anno a data da destinarsi.

Basti pensare al maxi-ponte di inizio giugno, da giovedì 2 giugno (Festa della Repubblica) a martedì 7, quando si concluderanno gli scrutini in ben 1351 che andranno al voto per le elezioni amministrative. E prima ancora c'erano stati il ponte dei Santi e dei Morti, quello per le vacanze di Natale...

In primavera poi sono arrivati i sei giorni per Pasqua, il referendum per le trivelle, gli scioperi confederali. Senza contare le gite, gli spettacoli, i saggi finali..

Così nelle città di mezza Italia sono scattate le rivolte: professori e presidi sono sul piede di guerra, furibondi per l'ultimo "sgambetto" alla didattica. I ballottaggi delle amministrative saranno il 19 giugno. Proprio a ridosso dell'esame di maturità...

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti